POVERTÀ ALIMENTARE /
Più siamo più pesiamo: solidarietà in vista di Expo
A un anno dall’inizio dell'esposizione universale parte la campagna contro lo spreco e la povertà alimentare.
28 aprile 2014

Mercoledì 30 aprile, dalle ore 19.30, in piazza Gae Aulenti a Milano Expo lancia "A un anno da Expo 2015 - Conto alla rovescia", una campagna di solidarietà sul tema dello spreco e dell’emergenza alimentare che si snoderà per i 12 mesi che ci separano dall’inizio dell’esposizione universale. A fare da apripista sarà l’evento solidale “Più siamo più pesiamo”, progetto che avrà come protagonista la Fondazione Banco Alimentare.

L’obiettivo della campagna promossa da Expo è quello di accendere la luce su un tema, quello della povertà alimentare che, spesso associato unicamente a contesti lontani – come i Paesi poveri o in via di sviluppo –, raramente viene affrontato nella sua dimensione locale e quotidiana. L’emergenza alimentare, nonostante siano in pochi a parlarne, è oggi uno dei più gravi problemi che affligge l'Italia, dove ogni giorno oltre 4 milioni di persone non riescono più a rispondere alle proprie esigenze primarie come, appunto, quella del cibo. 

E' per questa ragione che è nato “Più siamo più pesiamo”, evento con cui Expo sosterrà concretamente la Fondazione Banco Alimentare, che da oltre 25 anni opera in contrasto alla povertà alimentare nel nostro Paese. Per una volta chi sarà un po’ in sovrappeso non dovrà sentirsi in colpa, ma anzi potrà finalmente far valere i propri chili in più per fare del bene. Nel corso dell’evento, che avrà luogo in Pizza Gea Aulenti a Milano dalle 19.30, le persone presenti potranno infatti pesarsi su una delle 10 bilance dislocate in piazza sperando che, in questo caso, segnino cifre il più alte possibili. Coop e Eataly si sono infatti impegnate a donare al Banco Alimentare il corrispettivo in cibo del peso complessivo registrato nel corso della serata. 

 

Riferimenti

Volantino di "Più siamo più pesiamo"


Potrebbe interessarti anche:

Allarme Italia: è emergenza alimentare

Europa, con i working poor cresce la povertà alimentare 

Expo chiama, Terzo settore risponde