TERZO SETTORE /
Platform Economy, welfare aziendale e impresa sociale: è disponibile un position paper curato dal Gruppo Cooperativo CGM
Martina Tombari e Flaviano Zandonai hanno curato un interessante contributo per approfondire il tema dell'economia di piattaforma nell'ambito del welfare aziendale
24 aprile 2020

"Piattaforma" è un termine sempre più in uso, anche tra i non addetti ai lavori. In termini generali designa un sistema sociotecnico che consente di moltiplicare i punti di contatto e le transazioni tra una molteplicità di attori. Di solito si tratta di mercati e di solito la piattaforma è digitale, ma non è sempre così. Gli scambi, infatti, possono essere anche non di mercato, in forma di prestazioni volontarie e donazioni, e inoltre l’infrastruttura della piattaforma può anche essere analogica o un ibrido tra analogico e digitale.

Nell’ambito dell’economia delle piattaforme, il welfare aziendale rappresenta un’esperienza insieme emblematica e peculiare. Può assomigliare, infatti, all’ennesimo marketplace digitale caratterizzato da un’offerta standard - e per di più incentivata a livello fiscale - che può essere replicata in modo “industriale” per estrarre quote marginali crescenti grazie a una grande quantità di transazioni. Oppure si può configurare come una nuova infrastruttura sociale disegnata su misura rispetto ai bisogni delle imprese e dei lavoratori, ma anche considerando le risorse del più ampio contesto sociale ed economico.

Sono proprio queste le tematiche centrali del position paper "A cosa servono le piattaforme. Come scalare l’innovazione sociale e tecnologica del welfare aziendale" curato da Martina Tombari e Flaviano Zandonai del Gruppo Cooperativo CGM. In particolare, il paper si concentra su quelle che sono le opportunità per il mondo della cooperazione e dell'impresa sociale date dall'economia delle piattaforme e, dunque, anche dal welfare aziendale. Tali fenomeni rappresentano infatti un contesto interessante per rilanciare il potenziale della cooperazione sociale, individuare e declinare con chiarezza i propri elementi di “valore aggiunto” e innescare processi di capacity building.

Allo scopo di approfondire questi temi, il position paper presenta l'esperienza della piattaforma cgmwelfare e delle sue molteplici possibilità di applicazione che a partire dal welfare aziendale si diramano in molte altre direzioni, alcune già intraprese, altre in fase di progettazione, altre ancora in fase di testing. Tra queste, possiamo ricordarvi le esperienze di TradateWelfare e Welfare Bene Comune, ma anche le più recenti sviluppate da CGM come risposta all'emergenza Coronavirus (BiellaWelfare, MateraWelfare, SondrioWelfare e RhoWelfare).


Per consultare e scaricare il position paper

 


Giuseppe Bruno: innovazione dell'offerta e digitalizzazione, la proposta di CGM per far ripartire l'imprenditoria sociale

Coronavirus: nasce una piattaforma gratuita per aiutare i Comuni a distribuire i buoni spesa ai cittadini bisognosi

La proposta di CGM per un nuovo modello che integri welfare pubblico, territoriale e aziendale

Integrare welfare pubblico, territoriale e aziendale: nel padovano parte un progetto sperimentale

A Tradate parte il progetto che vuole integrare welfare pubblico, territoriale e aziendale

Coronavirus: a Matera nasce una piattaforma digitale per i servizi educativi 0-13

Coronavirus, le proposte delle imprese sociali per difendere le infrastrutture sociali del Paese

Emergenza Coronavirus, servono interventi per tutelare il Terzo Settore e le infrastrutture sociali

Il Coronavirus e i nervi scoperti del welfare italiano