PRIVATI / Aziende
La rete di Lecco per il welfare aziendale e territoriale
Istituzioni locali, parti sociali, imprese e associazioni locali hanno dato vita ad un tavolo di sviluppo territoriale per il welfare aziendale
18 agosto 2017

Lo scorso 29 maggio, le istituzioni locali della provincia di Lecco, le organizzazioni sindacali più rappresentative e le associazioni degli industriali, commercianti e artigiani hanno firmato un’intesa territoriale per promuovere il welfare aziendale e contrattuale. Alla base dell’accordo vi è l’idea che il welfare aziendale sia un fenomeno in forte crescita che deve essere sostenuto anche (e soprattutto) a livello locale.


Una rete per il welfare aziendale nella provincia di Lecco

L’obiettivo principale dell’accordo – firmato dal Comune di Lecco, Provincia di Lecco, Camera di Commercio, Network Occupazione, Confindustria, Api, Ance, Confartigianato, Cna, Confesercenti, Confcooperative, Cgil, Cisl e Uil – è quello di promuovere la cultura del welfare aziendale, sia nei confronti delle aziende sia dei lavoratori, attraverso la creazione di spazi di confronto e l’attivazione di iniziative di formazione congiunte.

Inoltre, l’intesa è volta ad incentivare un’armonizzazione tra l’intervento delle imprese e il welfare pubblico. Il punto di forza di questa iniziativa risiede proprio nell’interpretare il welfare aziendale come uno strumento integrato in un sistema di welfare territoriale. Come si legge dal testo dell’accordo, le parti firmatarie si impegnano a valorizzare alcuni aspetti che alimentano la dimensione territoriale del fenomeno, come la capacità di integrarsi con le proposte del welfare locale, del Terzo Settore e degli Enti Bilaterali.

Infine, nel tentativo di perseguire gli scopi sopra evidenziati, è prevista l’istituzione di una banca dati che raccoglierà i contratti aziendali che regolamentano welfare e le esperienze di rete e interaziendali. Il database, oltre a facilitare le operazioni di monitoraggio, permetterà di condividere e diffondere le best practice presenti nel territorio.


Il welfare aziendale: dalla singola impresa al territorio

Come ci ha dichiarato Rita Pavan, Segretaria generale di Cisl Milano Brianza Lecco: “L’accordo parte dal presupposto che il welfare aziendale sta divenendo uno strumento fondamentale per le imprese del territorio. Questi servizi accrescono le potenzialità della risposta ai nuovi bisogni e ai rischi sociali dei lavoratori, delle loro famiglie, ma anche in alcuni casi della cittadinanza locale. In questa direzione, vogliamo incentivare quelle soluzioni che riescono a «connettere» la dimensione aziendale con quella locale, così da dare vita a vantaggi reciproci per le realtà produttive e per il territorio”.

“Considerando le novità introdotte dalle ultime Leggi di Stabilità – e in particolare la riduzione della pressione fiscale nel caso di trasformazione del premio di produttività in welfare – il welfare aziendale sta conoscendo una notevole diffusione. Per far sì che il welfare pubblico non ne esca indebolito, è importante che si realizzino degli interventi in grado di coordinare le singole esperienze aziendali con i servizi già presenti nel territorio. Con il tavolo di sviluppo territoriale, le istituzioni locali, le parti sociali, le imprese e le associazioni locali si impegnano a collaborare in queste direzione”.


Riferimenti

L'accordo sul "Tavolo di sviluppo locale della provincia di Lecco per il welfare aziendale"

 


Il settore conciario vicentino investe sul welfare aziendale

Il welfare di Esselunga si arricchisce

Eni e sindacati firmano l'accordo per ampliare il welfare aziendale

Il welfare aziendale di Benetton si arricchisce con lo smart working

Nasce l’Osservatorio sul welfare aziendale di Assolombarda

La ricerca di Percorsi di secondo welfare sui provider di welfare aziendale

I contratti di rete come pratica di capitale sociale tra imprese

L'accordo territoriale di Legnano: come portare welfare e conciliazione nelle PMI

Dall'azienda al territorio. Le PMI incontrano il welfare
 
NON compilare questo campo