GARANZIA GIOVANI /
Terzo Settore, sei pronto a sostenere i giovani? Ecco la proposta di NEETwork
Fondazione Cariplo, CGM-Mestieri Lombardia e Fondazione Adecco lanciano un programma per offrire una nuova opportunità a 260mila Neet
03 agosto 2015

In Italia sono oltre 2.4 milioni, di cui ben 260.000 nella sola Lombardia. Sono i cosiddetti Neet, acronimo di Not (engaged) in Education, Employment or Training, ovvero i ragazzi tra i 15 e 29 anni che non studiano, non sono impegnati in un percorso di formazione e non lavorano. Un fenomeno sempre più ampio e diffuso nel nostro Paese che, se possibile appare ancora più grave e preoccupante della tanto discussa disoccupazione giovanile. Mentre il disoccupato, per definizione, è attivamente alla ricerca di un impiego, il Neet spesso sfugge a questa catalogazione e si trova in una zona d’ombra di cui l’attore pubblico ha scarsa conoscenza e in cui fatica ad addentrarsi. Sfiduciati, svogliati, abbandonati, incapaci di uscire dal cul-de-sac in cui si sono venuti a trovare, ora questi giovani avranno un’occasione in più per provare a cambiare la propria condizione.


Qualificare e motivare: gli obiettivi di NEEtwork

In questi giorni Fondazione Cariplo, in partnership con CGM-Mestieri Lombardia e Fondazione Adecco, ha infatti lanciato NEETwork, progetto che vuole contribuire all’attivazione dei giovani che per svariati motivi hanno precocemente abbandonato gli studi e che si ritrovano esclusi dal mercato del lavoro perché privi di adeguate qualifiche o esperienze professionali. Facendo leva anche sulle risorse messe a disposizione dalla Garanzia Giovani, NEETwork intende coinvolgere attivamente le organizzazioni del terzo settore della Lombardia in uno sforzo collettivo per garantire nuove opportunità a chi si trova in questa situazione.

Il progetto si rivolgerà agli enti non profit lombardi chiedendo loro di collaborare per garantire ai NEET un’opportunità concreta. Nello specifico si proporrà loro di offrire una o più posizioni di tirocinio remunerato, di durata almeno quadrimestrale, a giovani di età compresa tra il 18 e i 24 anni con titolo di studio non superiore alla licenza media inferiore e scarse o nulle esperienze professionali. L’obiettivo ultimo è quello di rendere il tirocinio un’esperienza qualificante e motivazionale che il giovane possa spendere in futuro, facendolo uscire dal circolo vizioso in cui è andato a infilarsi.


La sfida al Terzo settore: i termini della proposta

CGM-Mestieri Lombardia e Adecco Italia SpA si occuperanno dell'abbinamento tirocinante-organizzazione, in modo da identificare il soggetto ritenuto più adeguato allo svolgimento del lavoro proposto sulla base delle indicazioni fornite dall’organizzazione e dal giovane stesso. Le organizzazioni che accetteranno di assumere un tirocinante saranno inoltre sollevate da ogni tipo di pratica burocratica e amministrativa legata all’attivazione e alla gestione del tirocinio, che saranno espletate dai promotori dell’iniziativa.

Alle non profit sarà quindi riconosciuto un incentivo economico di € 100 per ciascun mese di tirocinio svolto dal giovane - che andrà ad aggiungersi a quanto riconosciuto da Garanzia Giovani - a parziale rimborso dell’indennità di tirocinio che l’organizzazione ospitante è tenuta a riconoscere per legge. Tale incentivo, sostenuto economicamente da Fondazione Cariplo, sarà riconosciuto anche in caso di interruzione prematura dell’esperienza da parte del giovane tirocinanti.

Da ultimo sarà garantita la copertura economica delle spese INAIL e l’erogazione della formazione obbligatoria sulla sicurezza da impartire al tirocinante, oltre alla messa in campo di azioni di supporto ai giovani coinvolti al fine di identificarne al meglio le inclinazioni e le fragilità per arrivare al miglior abbinamento possibile e circoscrivere al minimo il rischio di fallimento.

Chi volesse inviare la propria disponibilità di massima (non vincolante) può compilare la scheda di pre-adesione entro venerdì 4 settembre. Le organizzazioni disponibili verranno invitate ad un incontro nella seconda metà di settembre presso la Fondazione Cariplo finalizzato a illustrare NEETwork nel dettaglio.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito di Cariplo, scrivere a progettoneetwork@fondazionecariplo.it oppure rivolgersi ai seguenti contatti:
Beatrice Fassati - 02.6239404
Benedetta Angiari - 02.6239320


Riferimenti

NEETwork sul sito di Fondazione Cariplo

La scheda di preadesione a NEETwork


Potrebbe interessarti anche:

Quadro di qualità europeo per i tirocini: un valore aggiunto per la Garanzia Giovani?

Welfare di comunità: molto più di una semplice idea

Se l'innovazione sociale costringe a ripensare i processi di policy making

Una Garanzia solo per i più forti?

 

Torna all'inizio 

 
NON compilare questo campo