TERZO SETTORE /
La Città dei Mestieri e delle Professioni di Torino
Un luogo per cercare lavoro, orientarsi professionalmente e fare impresa
09 novembre 2015

Da qualche settimana ha aperto a Torino la Città dei Mestieri, uno spazio di informazione e consiglio sui mestieri e sulla vita professionale in cui operatori qualificati offrono orientamento a tutti i cittadini: giovani, adulti, studenti, insegnanti e genitori e lavoratori occupati o in cerca di occupazione per tutta la durata della loro vita lavorativa.

La Città dei Mestieri di Torino è parte integrante di un grande progetto, denominato “Réseau des Cités des Métiers” che vede la sua origine in Francia, dove nel 1993 nasce la prima Città dei Mestieri, in seno alla Città delle Scienze e dell'Industria della Villette, con lo scopo di fornire servizi di orientamento alla vita professionale a un pubblico vasto e diversificato. L'iniziativa ottiene fin dalla prima apertura un successo inaspettato, con un migliaio di utilizzatori al giorno, e viene così replicata in altre parti della Francia, a Belfort, a Nîmes e a Côtes d'Armor. Già dall'anno successivo vengono aperte altre Città dei Mestieri al di fuori del territorio francese: prima a Milano, per iniziativa di alcuni insegnanti di psicologia con lo scopo di professionalizzare la funzione dell'orientamento al lavoro, e poi a Genova. Ad oggi esistono numerose Città dei Mestieri principalmente in Francia e in Italia, ma anche in altri territorio europei ed extra-europei: Belgio, Cile, Spagna, Portogallo, Repubblica di Mauritius , Svizzera, Germania.

La Città dei Mestieri di Torino è la sesta che nasce in Italia, dopo quelle di Milano, Genova, Treviso e le due di Roma. La particolarità di Città dei Mestieri è che non vuole essere un servizio di collocamento o di ricerca del lavoro, ma il suo obiettivo è quello di integrarsi alla rete di servizi già presenti in maniera sinergica e complementare, proponendosi come spazio in cui l’utente possa trovare tutte le informazioni relative alle opportunità formative e professionali disponibili sul territorio ed avviarsi verso le istituzioni che le gestiscono. L'approccio è di tipo proattivo e si propone di fornire degli strumenti agli utenti per poter riflettere e preparare un proprio progetto di carriera formativa e professionale e dare il via ad un percorso di autonomia, nella costruzione e definizione della propria vita professionale, ricercando le informazioni e sapendo scegliere consapevolmente tra le opportunità esistenti.

Città dei Mestieri si presenta come uno spazio multipubblico, aperto a chiunque, indipendentemente da fattori quali età, status, categoria socio-professionale e provenienza geografica; multitematico, in quanto dedicato a tutti i settori di attività e a tutte le questioni di ordine professionale; multiuso, fondato sull’interazione tra consulenza, risorse ed incontri con i professionisti; incentrato sui fabbisogni del pubblico, secondo una logica di centralità della persona; accessibile liberamente e gratuitamente. La Città dei Mestieri di Torino è inoltre uno spazio pluripartenariale, voluto e sostenuto da più partner, operativi e finanziari. Il parteneriato alla base del progetto è composto dalla Cooperativa Orso, portatrice del label, Cna e InnovaPer, Circoscrizione 3 della Città di Torino e Idea Agenzia al lavoro. Tra i soggetti sostenitori troviamo la Fondazione CRT, che ha finanziato l'avvio di Città dei Mestieri. I partner, attori storicamente legati al territorio torinese, sono aperti alla collaborazione e all'ampliamento della rete ad altri soggetti interessati.

A partire da lunedì 19 ottobre, la Città dei Mestieri è aperta il lunedì dalle 10 alle 12 e il giovedì dalle 16 alle 18 in Via Spalato 63/d.


Riferimenti:

Città dei Mestieri di Torino

Réseau des Cités des Métiers

 


Provaci ancora, Sam! La lotta alla dispersione scolastica si rinnova

Coop4job, un altro tassello nel mosaico di Garanzia giovani

Creare occupazione nei servizi alle persone: Italia e Francia a confronto

Il progetto "3 Azioni" della Città Metropolitana di Torino

Ora facciamo i conti: cresce il secondo welfare a Torino

Una proposta di metodo per misurare la performance di progetti sociali complessi
 
NON compilare questo campo