TERZO SETTORE / Impresa sociale
Filiere inclusive e coesive: il report di Aiccon e UBI Banca sulle imprese sociali di inserimento lavorativo
I dati dimostrano che queste realtà stanno assumendo un ruolo sempre più importante per includere soggetti vulnerabili, erogare servizi di prossimità e prendersi cura delle comunità
05 marzo 2021

Il Terzo settore, e in particolare le imprese sociali, sta acquisendo centralità all’interno dello sviluppo di filiere. Il ruolo contributivo delle imprese a finalità sociale all’interno delle catene del valore territoriali, infatti, è sempre più importante e permettere di includere soggetti vulnerabili, erogare servizi di prossimità e prendersi cura della comunità, producendo un potenziamento del territorio in termini di competitività, oltre che di coesione. 

È a partire da questa visione che va la ricerca condotta da AICCON sul contributo della “produzione come fatto sociale” e, in particolare, l’apporto della cooperazione di inserimento lavorativo operante in 4 filiere strategiche: abitare sociale, turismo sociale, agricoltura sociale e welfare culturale. La ricerca, realizzata con il sostegno e la collaborazione di UBI Comunità, la divisione di UBI Banca (banca del Gruppo Intesa Sanpaolo) rivolta al Terzo Settore e all’Economia Civile, ha considerato come universo di riferimento oltre 1.200 realtà (dati 2017-2018, fonte AIDA-Bureau Van Dijk) e evidenziato in termini economici diverse dinamiche interessanti.

Il settore del turismo sociale, ad esempio, è stato quello maggiormente in grado di ottenere risultati positivi e in crescita sia rispetto alla redditività dell’organizzazione (+82% di utile in media) che dell’occupazione (+78% di dipendenti in media). Un ulteriore focus ha osservato la capacità di costruire partnership attraverso i contratti di rete costituiti in tali ambiti di attività, tratto caratteristico in particolar modo delle realtà attive nell’agricoltura sociale (il 50% dei contratti di rete si sviluppa in tale ambito). Elemento comune dei contratti di rete analizzati è la condivisione dell’obiettivo perseguito in termini di costruzione di filiere e di ampliamento delle possibilità di inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati attraverso la creazione di nuova occupazione derivante da nuovi mercati/opportunità commerciali.

La ricerca si è concentrata, inoltre, su quattro casi studio attivi nelle filiere dell’accoglienza, del turismo e della rigenerazione urbana, dell’abitare sociale, inclusione e community building, della gestione dei beni culturali e servizi educativi, dell’agrifood, della ristorazione e del catering sociale, osservandone in particolare il grado di apertura verso l’esterno, l’intensità tecnologica, la coesione interna, il valore aggiunto sociale (missione), l’impatto nei mercati e la propensione all’investimento.

“Lo studio realizzato rilancia il valore peculiare dell’innovazione sociale nella competitività dei territori e delle sue filiere produttive” afferma Paolo Venturi, Direttore di AICCON. “In altri termini, le cooperative sociali di inserimento lavorativo si propongono come soggetti trasformativi per la loro peculiare capacità di creare occupazione, contrastando la disoccupazione e le disuguaglianze economiche e sociali”.


Riferimenti

AICCON e UBI Comunità (2021), Report 2020 filiere inclusive e coesive, AICCON.

 


La base culturale dell'impresa sociale

Le imprese sociali e i loro ecosistemi in Europa

L’inserimento lavorativo dei rifugiati: l’esperienza dell'Agenzia del lavoro Exar Social Value Solutions