TERZO SETTORE / Fondazioni
Cantiere Nuovo Welfare: inizia la fase due del bando
Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo ha selezionato i sei progetti che saranno ora accompagnati nello sviluppo strategico dei piani di fattibilità
11 agosto 2015

All’inizio di quest’anno, e nonostante le difficoltà registrate dalla precedente edizione, la Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo ha scelto di continuare a investire sul welfare comunitario rilanciando il bando "Cantiere Nuovo Welfare". L’iniziativa, che prevede uno stanziamento complessivo di 1.200.000 euro, mira a sostenere e diffondere servizi sociali flessibili, sostenibili nel tempo e incentrati sui bisogni della persona, incentivando in particolare la compartecipazione dei beneficiari finali e/o di altri soggetti locali all’erogazione dei servizi stessi. Il bando in particolare mira a finanziare tre tipi di misure: A) efficientamento e innovazione di servizi sociali; B) supporto allo sviluppo di distretti di economia sociale e solidale; C) sviluppo di servizi di sostegno della domiciliarità per persone anziane, finalizzata a trasferire l’esperienza sperimentata con il progetto “Veniamo a trovarvi”.

Dopo la fase di presentazione delle idee progettuali da parte delle organizzazioni interessate, conclusasi il 30 giugno scorso, e quella di valutazione delle stesse svoltasi nel mese di luglio, Fondazione CRC ha annunciato i sei progetti partecipanti alla Misura A (innovazione di servizi sociali) che passeranno alla seconda fase del bando. Fino alla fine di novembre i soggetti promotori dei progetti saranno accompagnati dal personale della Fondazione, che li aiuterà a predisporre specifici piani di fattibilità che prevedono:

  • analisi e approfondimento del problema sociale individuato, in termini di fenomeni sociali ed economici correlati (es. dati socio-demografici ed economici di scenario), fatti ed evidenze locali (es. ricerche contestualizzate sul territorio), popolazione interessata, variabili e fattori correlati e andamento ed evoluzione;
  • analisi del sistema di offerta attuale (interventi e servizi pubblici e privati) rispetto al problema sociale individuato;
  • definizione dei cambiamenti attesi e progettazione delle nuove azioni necessarie;
  • identificazione e quantificazione dei destinatari diretti ed indiretti;
  • elaborazione del piano delle risorse necessarie e della sostenibilità delle azioni;
  • definizione del disegno di valutazione;
  • identificazione degli attori coinvolti (apporto di ciascun partner e coinvolgimento di altri soggetti del territorio) e del sistema di governance.

A conclusione di questa seconda fase saranno dunque individuate le progettualità che potranno godere delle erogazioni della Fondazione. I sei progetti che prenderanno parte alla fase di accompagnamento sono: “TalENTI Latenti: rete per un welfare di comunità”, promosso da ASL Cuneo 2; NEW - Nuove esperienze di welfare, promosso dal Consorzio Monviso Solidale; VANSE': risparmiare, économizer, save money del Consorzio servizi socio-assistenziali delle Valli Grana e Maira; Intrecci Sociali, promosso dal Consorzio servizi socio-assistenziali monregalese; reTE LAvoro, presentato da Consorzio socio-assistenziale del cuneese; TERRITORIO in VITA, promosso dall’Unione montana delle Valli Monge e Civetta, Langa Cebano Alta Valle Bormida.


Potrebbe interessarti anche:

Cantiere Nuovo Welfare: Fondazione CRC rilancia sul welfare comunitario

Se anche a Cuneo il welfare diventa comunitario

Welfare di comunità: molto più di una semplice idea

Cariplo presenta il nuovo bando sociale: "Sarà una rivoluzione" 


Torna all'inizio

 
NON compilare questo campo