TERZO SETTORE /
CSVnet, nuovi instant book gratuiti sulla Riforma del Terzo Settore
Prosegue l'iniziativa volta a fare informazione e promuovere maggiore consapevolezza in merito alla Riforma del Terzo Settore. Ecco dove scaricare i volumi.
16 gennaio 2020

Per accompagnare gli addetti ai lavori in questo periodo di transizione, i Centri di Servizio per il Volontariato della Lombardia insieme a CSVnet hanno realizzato per la collana "Le Bussole" sedici instant book gratuiti, ciascuno dedicato ad uno specifico aspetto riguardante la Riforma del Terzo Settore e le modifiche introdotte dal Codice approvato nel 2017. Nei giorni scorsi sono stati pubblicati due nuovi volumi scaricabili gratuitamente che si aggiungono agli otto già pubblicati (qui potete trovare maggiori informazioni).

Il volume n. 9 “Il regime fiscale per gli enti esclusi dalla Riforma del Terzo Settore” è curato da Luca Caramaschi e si concentra sul perimetro di quelle realtà che per vari motivi non sono state incluse nella rosa di soggetti contemplati dalla Riforma, e sul loro conseguente inquadramento fiscale.

Il volume n. 10 a “Le attività di interesse generale e le attività diverse” è curato da Nataniele Gennari e approfondisce un tema fondamentale per gli enti del Terzo Settore (Ets): la distizione tra attività di interesse generale e quelle aventi altre finalità. Le prime rivestono un ruolo centrale nel nuovo contesto normativo in quanto è proprio il loro svolgimento, in via esclusiva o principale, a contraddistinguere il funzionamento degli enti del Terzo settore. Le altre attività, definite dal Codice del terzo settore “secondarie e strumentali” (art. 6), sono quelle che “indipendentemente dal loro oggetto” gli Ets possono esercitare “per la realizzazione, in via esclusiva, delle finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale perseguite”.


Qui è possibile scaricare i volumi e avere maggiori informazioni in merito all'iniziativa

 


Terzo Settore: 16 instant book gratuiti per conoscere le novità della riforma

Due nuovi instant book gratuiti sulla Riforma del Terzo Settore

La (sana) competitività della coprogrettazione