TERZO SETTORE /
Al via "7 Giorni per il Futuro" di Save The Children
Dal 9 al 15 maggio in tutta Italia si svolgeranno centinaia di eventi per accendere la luce sul grande problema della povertà educativa
06 maggio 2016

Da lunedì 9 maggio parte “7 Giorni per il Futuro” una serie di eventi e iniziative per i bambini, organizzate da Save the Children con la collaborazione delle diverse realtà presenti nel territorio. Questa iniziativa mira a rilanciare la campagna “Illuminiamo il Futuro” avviata a maggio del 2014 con l’obiettivo di contrastare la povertà educativa in Italia e sostenere i “Punti Luce”, spazi dove bambini e adolescenti possono seguire gratuitamente attività educative, ricreative e culturali.

7 Giorni per il Futuro” prevede una serie di iniziative disseminate nel territorio che si svolgeranno nella settimana fra il 9 e il 15 maggio e che riguardano la scuola, la lettura, l’arte e la cultura, l’ambiente e gli spazi pubblici, la partecipazione, lo sport, la musica (per la mappa degli eventi clicca qui)

La campagna “illuminiamo il futuro” verrà presentata ufficialmente lunedì 9 maggio alle ore 10.00 a Roma, presso l’Istituto della Enciclopedia Italiana (Palazzo Mattei di Paganica, Sala Igea - Piazza dell'Enciclopedia Italiana 4). In occasione dell'incontro, sarà anche presentato il rapporto “Liberare i bambini dalla povertà educativa: a che punto siamo?”.

Gli obiettivi di “Illuminiamo il futuro”

Fin dal suo lancio nel 2014, Save the Children ha delineato 3 macro obiettivi (Apprendimento e sviluppo, Offerta educativa, Povertà minorile) che la campagna Illuminare il Futuro si propone di raggiungere entro il 2030.

Apprendimento e sviluppo

• Tutti i ragazzi di 15 anni devono raggiungere i livelli minimi di competenze in Matematica e Lettura (misurati attraverso i test PISA) entro il 2030 in ogni regione Italiana (Dato di riferimento: 25% in Matematica e 20% in Lettura nel 2012).
• Il tasso di dispersione scolastica a livello nazionale deve scendere sotto il 5% entro il 2030 (Dato di riferimento: 15% nel 2014).
• Entro il 2030 tutti i minori tra i 6 e i 17 anni devono poter fruire in un anno di almeno 4 tra le seguenti attività: sport in modo continuativo, internet quotidianamente, teatro, concerti, musei, siti archeologici, lettura di un libro (Dato di riferimento: nel 2014 il 64% non le ha svolte).

Offerta educativa

• Entro il 2030, la differenza nella copertura pubblica dei servizi educativi per l'infanzia tra le regioni non deve essere superiore a 10 punti percentuali. Avvenire esclusivamente attraverso l'aumento nella copertura dei low performers (Dato di riferimento: circa 25 punti percentuali nel 2012-2013)
• Tutte le classi nella scuola primaria e secondaria di primo grado devono garantire il tempo pieno entro il 2030 in ogni regione Italiana. Il tempo pieno deve favorire l'attività etra-curricolare, in particolare, musica, sport, volontariato, arte, e la lettura (Dato di riferimento: 68% delle scuole primarie e 80% di quelle secondarie non lo garantisce nel 2013-2014)
• Tutte le scuole devono garantire un servizio mensa di qualità e gratuito per i minori in condizioni di povertà, entro il 2030 in ogni regione Italiana. (Dato di riferimento: il 40% degli istituti principali era sprovvisto di servizio mensa nel 2011-2012)
• Tutti gli alunni dovranno frequentare entro il 2030 scuole con l'indicatore OCSE PISA in ogni regione Italiana (Dato di riferimento: il 59% degli alunni di 15 anni frequenta scuole con infrastrutture inadeguate nel 2012)
Entro il 2030 tutte le aule didattiche dovranno dotarsi di connessione a internet veloce in ogni regione Italiana. Inoltre, tutte le scuole devono dotarsi di percorsi didattici finalizzati all'acquisizione da parte degli studenti delle competenze digitali necessarie a utilizzare con dimestichezza e spirito critico le TIC per il lavoro, il tempo libero e la comunicazione.

Povertà minorile

• Il tasso di povertà economica assoluta dei minori deve essere azzerato entro il 2030 in ogni regione italiana.

 


Le proposte di Save the Children sull'uso del Fondo per la Povertà educativa

Contrasto alla povertà educativa: le iniziative delle Fondazioni Bancarie

Save the Children's strategy to fight educational poverty
 
NON compilare questo campo