L'impresa sociale punta sulle donne e sui laureati
Unioncamere e AICCON hanno condotto un'indagine sul mondo della cooperazione italiana a partire dai dati del sistema informativo Excelsior. Nonostante nel 2013 si sia rilevato un calo del numero complessivo degli occupati (il primo dal 2006) i dati delle imprese sociali presenti nel nostro Paese restano molto rilevanti. La ricerca sottolinea in particolare la "qualità" dell'occupazione all'interno delle cooperative, che vede un alto tasso di lavoratrici femminili e di laureati | Elio Silva, Sole 24 Ore, 24 febbraio 2014
 
Basta assistenzialismo. Il welfare sia educativo
Un milione di famiglie senza reddito, disoccupazione al 12% e quella giovanile oltre il 40, consumi famigliari ai livelli di 17 anni fa mentre al 40% dei più ricchi va un quarto della spesa sociale. Fotogrammi già visti dell’Italia impoverita del 2013, che spende paradossalmente male o soldi per i bisognosi. Li ha scattati l’ultimo rapporto della Fondazione Zancan "Rigenerare capacità e risorse". | Paolo Lambruschi, Avvenire, 22 febbraio 2014
 
"Borseggi", quando il museo sta dalla parte dei detenuti
Elisabetta Ponzoni della Cooperativa Opera in Fiore sulla Nuvola del Lavoro racconta a Silvia Pagliuca l'esperienza di Borseggi, la linea di shopper cucite a mano dai detenuti del penitenziario milanese di Opera. Una storia iniziata quasi per caso, con una macchina da cucire “che assomigliava più a quella delle bambole che a un’apparecchiatura vera” – che ha portato molto frutto. I lavori dei ragazzi di Opera dalla maggiore delle case di reclusione italiane sono infatti arrivati nelle vetrine di via Montenapoleone, la strada dello shopping “bene” di Milano, e recentemente è iniziata una collaborazione anche con il prestigioso Museo Bagatti Valsecchi. | Silvia Pagliuca, Nuvola del Lavoro, 6 febbraio 2014
 
Se le cooperative provassero davvero a ripartire dai giovani
Fare insieme, fare meglio. A leggere le ultime statistiche, pare che per gli italiani non ci siano dubbi: è la cooperativa la forma d’impresa che resiste meglio alla crisi, quella che più di tutte sembra dare garanzie di stabilità e sicurezza per il futuro. A crederlo sono sopratutto i giovani alla prima esperienza che nascondono dietro l’autoimpiego le frustrazioni di colloqui andati a vuoto e gente che pur avendo macinato già parecchi anni di lavoro oggi si trova a dover ricominciare come fosse il primo giorno a causa del difficile momento economico. Ma quali sono le sfide e le opportunità che incontra chi decide di intraprendere questa strada? | Silvia Pagliuca, Nuvola del Lavoro, 1 febbraio 2014
 
Da Fondazione Cariplo 10 milioni per un nuovo welfare
Il CdA di Fondazione Cariplo, dando concretezza alle linee programmatiche presentate lo scorso novembre, ha approvato un provvedimento per destinare 10 milioni di euro all'ambito del welfare. L'obiettivo è lanciare un bando per raccogliere idee da reti di soggetti pubblici e privati in modo da cercare soluzioni innovative a nuovi rischi e bisogni sociali.
 
Welfare, il futuro è nella comunità
E' stato presentato a Roma il manifesto "Fiducia e nuove risorse per la crescita del Terzo settore", promosso da Acri, Fondazione Cariplo, Compagnia di San Paolo, Fondazione Cariparo, Fondazione Con il Sud, Forum del Terzo settore, Alleanza delle cooperative italiane e Banca Prossima. Il documento (sottoscrivibile anche su www.manifestoperilnonprofit.it) mira a mettere in contatto le diverse reti che operano nel mondo non profit, per sviluppare tutte insieme strutture e strumenti adeguati per rimodulare il nostro Stato Sociale. Primo obiettivo sarà quello di fare pressione sulla politica per cambiare una legislazione ormai datata, che invece limita il Terzo settore invece di valorizzarne le potenzialità. | Luca Mazza, Avvenire, 5 dicembre 2013
 
Scholz: il confine fra profit e non profit quasi non esiste più
Bernhard Scholz, Presidente della Compagnia delle Opere, spiega a Stefano Arduini di Vita il tema dell'Assemblea Generale svoltasi il 25 novembre alla Fiera di Milano: “Lavorare insieme con il coraggio di cambiare”. Secondo il Presidente CdO " il confine fra profit e non profit quasi non esiste più. Gli uni e gli altri attraverso la formazione e la cooperazione devono imparare a stare sul mercato in modo proficuo e responsabile". | Stefano Arduini, Vita, 25 novembre 2013
 
Con la crisi cresciuto il numero di volontari
Meno soddisfatti circa il proprio benessere e più sfiduciati nei confronti delle autorità, ma anche per questo maggiormente propensi ad aiutarsi e a dedicare il proprio tempo all'attività di volontariato. Sono alcuni dei tratti che distinguono gli italiani per come emerge dal rapporto How's Life? 2013 recentemente divulgato dall'Ocse. Uno studio che tenendo in considerazione 11 dimensioni, da reddito e ricchezza passando attraverso la situazione abitativa fino ad arrivare all'impegno civico, definisce come si vive nei Paesi sviluppati
 
Welfare: ritorno al futuro dell'innovazione sociale
Nel corso della storia la matematica ha spesso interpretato o anticipato gli elementi che la società ha scelto come suo fondamento. In ogni epoca c'è sempre stato un nuovo paradigma che una volta adottato ha sconvolto tutto quel che in ...
 
Dietro le quinte del Banco alimentare
Sul Corriere della Sera un approfondimento sulla Volontariato d'impresa promosso dal Banco Alimentare. Sono infatti sempre di più le aziende che scelgono di coinvolgere i propri dipendenti, a gruppi di 20-25 persone per volta, come volontari nelle attività del magazzino del Banco Alimentare della Lombardia a Muggiò. | Corriere della Sera, 6 ottobre 2013.
 
Nella Terra di Mezzo...
Paolo Venturi sul suo blog, pubblicato su Vita.it, guarda con interesse all'avvento della finanza per il mondo del non profit, una "Terra di Mezzo" popolata da una pluralità di soggetti mutualistici, associativi, fondazionali, for profit che si contendono uno spazio, quello dell’’imprenditorialità sociale. | Paolo Venturi, Co-operare, 27 settembre 2013
 
Il welfare circolare che rigenera le istituzioni
Così si esprime Stefano Zamagni, intervistato da Corrado Fontana per Valori, presenta il tema delle Giornate di Bertinoro 2013 "Rigenerare le istituzioni. Il contributo dell'Economia Civile all'innovazione istituzionale", che si svolgeranno il prossimo 11 e 12 ottobre. | Corrado Fontana, Valori, Settembre 2013
 
MiTo, un'area laboratorio per il (secondo) nuovo welfare
Prima l'industria, poi la cultura, ora le politiche sociali. Il MiTo, l'asse tra Milano e Torino, cerca di lanciare un salvagente al welfare. Ci provano la Fondazione Cariplo e la Compagnia di San Paolo, che tra Torino e Milano hanno deciso di avviare un cantiere permanente, una sorta di grande area laboratorio per il "secondo welfare", teorema che prevede un maggiore coinvolgimento dei privati | Marco Ferrando, Il Sole 24 Ore, 11 settembre 2013
 
Una lobby virtuosa per il non profit
Su Avvenire Andre Di Turi intervista Giorgio Fiorentini, Responsabile per il settore imprese sociali e aziende non profit dell’Ipas Bocconi (Istituto di Pubblica amministrazione e Sanità) e autore di numerosissimi articoli e pubblicazioni sul tema (il prossimo lavoro è in uscita a settembre). Secondo Fiorentini in Italia ci sarebbe bisogno di una lobby virtuosa del non profit "Che faccia passare anche tramite aspetti normativi e istituzionali il concetto dell’impresa sociale come impresa che può fare profitti, che poi si possono non distribuire o distribuire solo in parte". | Andre Di Turi, Avvenire, 30 agosto 2013
 
Terzo settore chiede a Letta un tavolo di confronto
Coesione sociale, sviluppo sostenibile, economia civile, sostegno all'azione del terzo settore italiano, istituzione di sedi stabili di confronto con le parti sociali, soprattutto dopo il subentro della Presidenza del consiglio alla soppressa Agenzia del terzo settore. Sono questi i temi prioritari che il Forum nazionale del terzo settore ha affrontato durante un incontro con il premier Enrico Letta, il quale - riferisce una nota - si e' impegnato a considerare agevolazioni fiscali per il comparto. | Asca, 27 agosto 2013
 
Una risorsa vitale che non può essere trascurata
A partire dai dati del censimento Istat Paolo Venturi, direttore di Aiccon, e Flaviano Zandonai, segretario di Iris Network, analizzano il ruolo dal terzo settore all'interno del contesto italiano. Il crescente peso del mondo non profit è sempre più importante non solo dal punto di vista sociale ma anche economico, e nei prossimi anni occorrerà porgere maggiore attenzione verso questa risorsa ormai vitale.
 
Crowdfunding, le “collette” per il rilancio
Arriva in Italia il regolamento Consob, il primo del genere in Europa, sul finanziamento delle start-up attraverso il "crowdfunding". Grazie all'introduzione di queste regole i cittadini potranno finanziare imprese innovative che presentino specifici requisiti. E' un'occasione importante, giacchè si stima che le piattaforme di crowdfunding al mondo siano quasi cinquecento, per un giro di contributi di circa tre miliardi di euro nel 2012, che potrebbero essere il doppio, secondo alcune stime, nel 2013. Si è, quindi, stabilmente affermato un nuovo, importante canale per il finanziamento di iniziative di vario tipo, che si affianca ai canali tradizionali, come il finanziamento pubblico e gli sponsor | Juan Carlos De Martin, La Stampa, 27 luglio 2013
 
Guzzetti: "Il nuovo welfare: plurale e ancorato al territorio"
Giuseppe Guzzetti, presidente di Acri e di Fondazione Cariplo, in un'intervista rilasciata ad Avvenire ha spiegato come nel nostro Paese occorra pensare, e in fretta, a una ricalibratura del sistema di welfare da realizzare anche attraverso interventi di secondo welfare, di cui le Fondazioni di origine bancaria sono importanti promotrici. | Marco Girardo, Avvenire, 15 luglio 2013
 
Fondazioni di comunità per raggiungere le «periferie»
Andrea Di Turi su Avvenire racconta la storia delle Fondazioni di comunità italiane, veri e propri pilastri del secondo welfare. Un modello, quello delle Community Foundations, nato e sviluppatosi negli Stati Uniti all’inizio del secolo scorso e che, verso la fine degli anni ’90, si è diffuso anche in Italia su iniziativa della Fondazione Cariplo col Progetto Fondazioni di Comunità. | Andrea di Turi, Avvenire, 14 luglio 2013
 
Un'altra economia, un altro welfare. Il Terzo settore in Italia e in Brasile
C'è un altro modo di fare impresa, si può rilanciare l'economia e non penalizzare il welfare anche in un momento di crisi? Cinque regioni italiane: l'Umbria, le Marche, la Toscana, l'Emilia Romagna e la Liguria incontrano alla Camera (il 27 e il 28 giugno) una delegazione del governo brasiliano
 

 
Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14