PRIVATI /
Smart Working Places, quali opportunità per le imprese e i ''lavoratori agili''?
Sta per partire un nuovo progetto sul tema dello smart working in cui anche il nostro Laboratorio è coinvolto. L'iniziativa è promosso dall'Ente Bilaterale Veneto FVG.
20 maggio 2019

Lo smart working (o lavoro agile) è riconosciuto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali come "modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato caratterizzato dall'assenza di vincoli orari o spaziali e un'organizzazione per fasi, cicli e obiettivi, stabilita mediante accordo tra dipendente e datore di lavoro".

Come vi abbiamo spesso raccontato (ad esempio in questo approfondimento), lo smart working sta diventando un tassello importante di un modello sociale e del lavoro in profonda trasformazione. Con il lavoro agile si creano nuove opportunità, ad esempio, sotto il profilo dell'armonizzazione dei tempi di vita e di lavoro e sotto il profilo organizzativo dell'azienda.

Soprattutto per queste ragioni, tale fenomeno sembra in forte crescita nel nostro Paese (alcuni dati interessanti sono disponibili qui). Nonostante questa diffusione, sembra però esserci, per il momento, un deficit "infrastrutturale", ovvero una carenza di postazioni e luoghi adeguati alle necessità degli smart worker.

È proprio questa la questione centrale che vuole essere affrontata dal progetto "Smart Working Places", intervento finanziato grazie al Fondo Sociale Europeo e promosso dall'Ente Bilaterale Veneto FVG. L'intento del progetto è quello di sensibilizzare e coinvolgere un numero sempre maggiore di attori verso quelle soluzioni organizzative e tecnologiche in grado di migliorare l’efficienza e l’efficacia del lavoro, garantendo un risparmio per le imprese e vantaggi per tutti i lavoratori e le lavoratrici.

Anche il Laboratorio Percorsi di secondo welfare e il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi sono partner del progetto.

Per presentare l'iniziativa, il prossimo 27 maggio si terrà l'inconto "Apri le porte al lavoro agile", il cui programma è disponibile qui.

 


A chi fa bene lo smart working? Luci e ombre di una dinamica crescente che sta cambiando il welfare

Selezione di materiali del convegno "Lavoro e lavoratori/trici smart" di Fondazione Marco Vigorelli

Come va lo Smart Working in Italia? Ecco i dati annuali del Politecnico di Milano