PRIVATI / Aziende
Quali sono le migliori multinazionali in cui lavorare?
Diana Cavalcoli su L'Economia del Corriere della Sera analizza i risultati di Great Place to Work, Rapporto che ogni anno individua, ascoltando i dipendenti, le migliori aziende del pianeta

Quali sono i migliori luoghi di lavoro del mondo? L’ultima classifica della società di ricerca Great Place to Work ha individuato le 25 aziende maggiormente apprezzate a livello globale dai dipendenti. L’analisi, che ha comportato l’ascolto di 3,3 milioni di lavoratori, si concentra sulla valutazione del clima aziendale partendo dal grado di soddisfazione di chi è impiegato all’interno.

Le 25 migliori multinazionali (aziende globali con minimo di 5 mila dipendenti in tutto il mondo e almeno 40% dei collaboratori fuori del Paese in cui si trova la sede centrale) sono così state scelte dai dipendenti in quanto aziende dove «credibilità, rispetto, equità, orgoglio e coesione rappresentano il tessuto connettivo della cultura organizzativa». Quest’anno si conferma al primo posto Cisco, al secondo posto DHL Express e sul terzo gradino Hilton.

Considerando il periodo complesso e le difficoltà nell’affrontare la pandemia da Coronavirus, la ricerca fornisce anche degli elementi qualitativi anche sulla reazione di queste aziende eccellenti alla crisi del Covid-19. Un dato da tenere a mente è che le aziende focalizzate sull’importanza delle persone stanno dimostrando una maggiore resilienza: le aziende «più umane» hanno dimostrato e stanno dimostrando una maggiore capacità di risposta e una maggiore flessibilità organizzativa. 


Il miglior posto in cui lavorare è la «nuvola». Il trionfo di cloud e digitale: Cisco al top. La classifica

Diana Cavalcoli, L'Economica - Corriere della Sera, 14 ottobre 2020