PRIVATI / Aziende
Dall'Agenzia delle Entrate nuove indicazioni sul welfare aziendale con l'interpello 212/2019
Il documento affronta questioni importanti relative alla percezione dei benefit welfare, oltre a offrire alcuni chiarimenti terminologici e normativi
04 luglio 2019

Lo scorso 27 giugno 2019, l'Agenzia delle Entrate ha reso noto l'interpello 212/2019 attraverso il quale ha fornito alcuni chiarimenti per la corretta gestione dei benefit welfare derivanti dalla conversione del Premio di Risultato. In particolare, l'Agenzia ha precisato che i benefit si considerano percepiti dal dipendente (e conseguentemente esclusi dal reddito) nel momento stesso in cui il dipendente effettua la scelta del servizio welfare tramite la piattaforma, indipendentemente dal successivo momento in cui il servizio venga utilizzato o il rimborso erogato.

L'Agenzia ha inoltre offerto alcuni chiarimenti terminologici escludendo dall'ambito dei "familiari" del lavoratore - e quindi da quelle categorie di persone che possono accedere a prestazioni di welfare detassate - i conviventi di coppie di fatto; è invece possibile godere dei benefici fiscali per coloro che hanno scelto di formare una unione civile.


Qui è possibile consultare l'interpella 212/2019 dell'Agenzia delle Entrate