Il welfare aziendale è ancora poco conosciuto dai lavoratori
Secondo una ricerca realizzata dalla società di consulenza Nomisma e promossa da CGIL, nelle imprese in cui si adottano politiche di welfare aziendale solo la metà dei lavoratori fruisce di tali prestazioni. Ciò sarebbe dipeso da una scarsa conoscenza sul tema, ma anche dalla presenza di servizi che non sarebbero in grado di intercettare i reali bisogni sociali. Per questo è sempre più importante coinvolgere il sindacato e adottare azioni di ascolto e orientamento.
 
Manovra 2020: la normativa sul welfare aziendale resta invariata
Come già avvenuto lo scorso anno, la Manovra di bilancio del 2020 non ha introdotto nessuna novità in materia di welfare aziendale. Dopo le riforme del 2016, 2017 e 2018, l'interesse su questo fronte sembra essersi affievolito. Nonostante ciò, il Legislatore ha predisposto comunque interventi di varia natura che riguardano il trattamento fiscale dei buoni pasto e delle auto aziendali. Valentino Santoni ce ne parla in questo approfondimento.
 
Nasce Randstad Welfare
Nasce la divisione dedicata interamente al welfare aziendale della società Randstad: si chiamerà Randstad Welfare e, attraverso una piattaforma "di proprietà" supporterà le imprese nell'infrastrutturazione dei piani di welfare. In questo modo si arricchisce ancora il variegato mercato dei provider di welfare aziendale | Marco Barbieri, WeWelfare.it, 9 gennaio 2020
 
Il 60% delle imprese associate a Confindustria adotta politiche di welfare
Secondo il nuovo rapporto del Centro Studi di Confindustria, nel 2019 il 60% delle imprese associate alla confederazione degli industriali ha avviato politiche di welfare aziendale. Il report stima una crescita importante di tutti i servizi di welfare messi a disposizione dalle imprese per i propri lavoratori, ma anche di misure come lo smart working. Persistono però delle differenze importanti rispetto alle dimensioni aziendali e al settore di appartenenza.
 
Arte in azienda: il Veneto laboratorio per l’Europa grazie a Smath
Il progetto Smath vuole diffondere tra le imprese l’opportunità di attivare forme più concrete di relazione tra economia e cultura. Le aziende, infatti, stanno capendo che bellezza e ragionamento estetico possono stimolare l’innovazione di prodotto e di processo, e anche sollecitare nuove visioni strategiche. Ma l’arte può aiutare anche a capire e a guidare anche i processi di cambiamento organizzativo agendo sul versante della coesione e del welfare aziendale. | Barbara Ganz, Il Sole 24 Ore, 27 dicembre 2019
 
Nasce l'Open Agent della sostenibilità: una nuova figura professionale dedicata alla CSR
Le politiche di Responsabilità Sociale d'Impresa stanno divenendo sempre più cruciali per le aziende italiane e europee. Per tale ragione Collectibus e Forma del Tempo hanno promosso un corso per formare una nuova figura professionale: il Sustainability Open Agent (SOA). Il suo scopo? Facilitare l'attuazione di interventi di CSR coinvolgendo e mettendo in rete tutti gli stakeholder aziendali. Ecco di cosa si tratta.
 
Welfare aziendale e agevolazioni fiscali: cosa dice l'Interpello 522 dell'Agenzia delle Entrate
Attraverso l'Interpello numero 522, l'Agenzia delle Entrate chiarisce delle questioni in merito ad alcune prestazioni di welfare aziendale e alle agevolazioni fiscali ad esse connesse. In particolare, l'Agenzia sostiene che la tassazione agevolata è valida anche per il rimborso dei corsi di lingua rivolti ai familiari dei dipendenti; non sono però ammessi i trattamenti estetici, in quando non hanno finalità ricreativa.
 
Prorogata (ancora) la scadenza del bando #Conciliamo sul welfare aziendale
Il Governo ha annunciato un nuovo rinvio per #Conciliamo, bando del Dipartimento della Famiglia che dovrebbe stanziare 74 milioni di euro a sostegno di progetti di welfare aziendale destinati in via prioritaria all'armonizzazione dei tempi di vita e di lavoro. Il bando, che si sarebbe dovuto chiudere il 18 dicembre, scadrà il 9 gennaio 2020. Anche chi ha già inoltrato domanda di partecipazione sarà tenuto a ripetere la procedura.
 
Il welfare aziendale non è solo piattaforma: il caso del Gruppo Hera
Negli ultimi anni il Gruppo Hera, multiutility che si occupa della gestione di gas, luce, acqua e servizi ambientali in alcune regioni del Centro e del Nord-Est, ha realizzato importanti investimenti nel campo del welfare aziendale e della conciliazione vita-lavoro. Tra le azioni più interessanti c'è il progetto "Politiche del buon rientro", destinato ai neo-genitori. Valentino Santoni ci racconta questo piano di welfare, per il quale Hera investe circa 5 milioni di euro l'anno.
 
Welfare aziendale e valutazione: confrontiamoci sulle pratiche e troviamo modelli valutativi condivisi
Riprende il dibattito sulla valutazione delle esperienze di welfare aziendale: secondo Federico Mento, Segretario Generale di Social Value Italia, la valutazione può essere una preziosa alleata in tutte le diverse fasi di implementazione del welfare nelle imprese, a patto che si definiscano obiettivi comuni e modelli valutativi condivisi. Il 27 novembre a Bologna ci sarà un evento proprio per approfondire tali aspetti.
 
Riparte il bando #Conciliamo: 74 milioni di euro per le imprese che investono nel welfare aziendale
Il Dipartimento per le politiche per la famiglia ha pubblicato la versione definitiva del testo del bando #Conciliamo. L'iniziativa, che destinerà 74 milioni di euro alle imprese che vogliono investire nel welfare aziendale, è stata quindi confermata. La novità più rilevante è che anche le micro e le piccole imprese potranno presentare i proprio progetti. La scadenza resta però fissata per il 18 dicembre. Ve ne parliamo qui.
 
Il welfare aziendale visto da Edison
Il sito italiano della nota rivista di economia Forbes ha pubblicato un’interessante video-intervista ad Andrea Peduto, HR Manager di Edison. Il tema al centro della conversazione è il piano di welfare aziendale della società, chiamato "Edison per te". Secondo Peduto, il welfare è essenziale per rispondere ai cambiamenti della società in cui viviamo e del mondo del lavoro | Forbes, 30 ottobre 2019
 
Cattolica Assicurazioni: il welfare aziendale fa bene all'impresa
Coinvolgimento di tutti i collaboratori presenti in azienda, ascolto dei loro bisogni, delle loro segnalazioni critiche e delle proposte di cambiamento e elaborazione di risposte in grado di impattare sulla vita dei lavoratori e dell’organizzazione. Samuele Marconcini, responsabile HR del Gruppo Cattolica Assicurazioni, ha parlato in questi termini del welfare aziendale della società assicurativa nel corso del Salone della CSR e dell’innovazione sociale.
 
Bomi Group sperimenta il welfare aziendale anche grazie alla 'spinta' della Regione
Bomi Group, gruppo internazionale che opera nel campo della logistica e dei trasporti, ha recentemente realizzato un corposo investimento in materia di welfare aziendale. Il piano comprende, tra le altre cose, convenzioni con un asilo nido e con strutture per il sostegno agli anziani e ai disabili, smart working e flessibilità oraria, carpooling, sanità integrativa e flexible benefit. Tutti servizi locali, selezionati tra quelli presenti sul territorio in cui opera l'azienda.
 
Welfare aziendale: una chiave di volta per il successo delle imprese?
Un interessante articolo pubblicato nel portale Quadrante Futuro ripercorre alcune delle più recenti ricerche e analisi riguardanti il welfare aziendale e contrattuale. Nel contributo sono citate anche alcune survey realizzate dai ricercatori del nostro Laboratorio | Mariachiara Bo, Quadrante Futuro, 22 ottobre 2019
 
Ministero del Lavoro: a ottobre sono più di 16.500 gli accordi di secondo livello che prevedono il Premio di produttività
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato un nuovo report relativo ai contratti aziendali e territoriali che prevedono istituti premiali. Secondo il documento, ad oggi sono 16.577 gli accordi che regolamentano Premi di risultato: di questi 8.740 (circa il 53%) consentono di convertire il premio in denaro in beni e servizi di welfare aziendale.
 
CirFood acquisisce la società di consulenza Valore Welfare
La società cooperativa CirFood, che opera nel settore della ristorazione organizzata e nei servizi alle imprese, ha acquisito la società Valore Welfare, advisor specializzato nella progettazione di piani di welfare aziendale, investendo nello sviluppo della sua offerta di servizi in materia di welfare aziendale. In particolare, grazie al know-how di Valore Welfare, CirFood potrà offrire anche consulenze specializzare e assicurare alle imprese tutto il supporto necessario nelle singole fasi di progettazione e realizzazione dei piani di welfare aziendale.
 
Lo smart working nelle università
Come spesso abbiamo sottolineato, oltre ad essere rilevante sotto il profilo dell'armonizzazione dei tempi di vita e di lavoro, lo smart working rappresenta un'opportunità per promuovere un diverso modello di intendere ed organizzare il lavoro. Proprio per questa ragione, Luca Solari, Professore ordinario di Organizzazione aziendale presso l'Università degli Studi di Milano, in questo contributo evidenzia come il lavoro agile possa essere uno strumento strategico per le PA e, in particolare, per le Università italiane.
 
Erogazione di acqua, energia elettrica e gas: un'impresa su tre ha avviato politiche di welfare aziendale
Il provider di welfare aziendale Edenred Italia, in partnership con Utilitalia e il Consorzio AAster, ha realizzato una survey che ha coinvolto le aziende che si occupano della gestione di acqua, energia elettrica, gas e rifiuti con l'obiettivo di comprendere quale sia il livello di diffusione del welfare aziendale all'interno di queste società. In questo approfondimento vi presentiamo i principali risultati emersi dalla ricerca.
 
Per avere impatto nel welfare aziendale occorre andare oltre il design delle piattaforme
Continua il dibattito sull'impatto sociale generato dal welfare aziendale. Dopo il contributo di Flaviano Zandonai e Paolo Venturi, incentrato sul ruolo del welfare occupazionale in materia di innovazione organizzativa e tecnologia, e quello del nostro Valentino Santoni, dedicato al ruolo di intermediazione e dis-intermediazione dei provider, vi proponiamo questo articolo curato da Francesca Rizzi e Anna Zattoni incentrato sul tema delle piattaforme.
 

 
Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40