Cgil e Fondazione Di Vittorio: il welfare è sempre più presenti nei contratti aziendali
Secondo un recente rapporto pubblicato da Cgil e Fondazione Di Vittorio, che analizza le dinamiche legate alla contrattazione di secondo livello, nel 2017 il welfare aziendale era presente nel 27% degli accordi aziendali, in netto aumento rispetto agli anni precedenti. Secondo la Confederazione dei lavoratori però, permangono forti iniquità nella sua distribuzione. Proprio per questo il sindacato può giocare un ruolo decisivo. Ce ne parla Valentino Santoni.
 
Spazio ai fondi per aiutare la formazione dei lavoratori
Le competenze richieste nel mercato del lavoro evolvono rapidamente e sempre di più i lavoratori avranno bisogno di formazione continua lungo tutto l’arco della vita lavorativa. In questa direzione, i fondi interprofessionali possono essere un prezioso strumento d’aiuto. Un articolo di LaVoce.info analizza il funzionamento di tali fondi | Alessia Forti, LaVoce.info, 26 luglio 2019
 
Rete italiana imprese recuperate: attraversare il muro dell'utopia risolvendo le crisi aziendali
Il gruppo di lavoro Collettivo Ricerca Sociale si propone di studiare esperienze di crisi d'impresa risolte attraverso forme alternative. I suoi componenti hanno girato l'Italia da Nord a Sud, raccogliendo informazioni e sentimenti in tutte quelle realtà che si sono auto-salvate mettendo in campo piani di recupero della propria azienda. Ne parla Vito D'Ambrosio sull'ultimo numero di Rivista Solidea.
 
Un'Italia che progetta: l'Indagine sul Risparmio 2019 del Centro Einaudi
A metà luglio sono stati presentati i dati dell'Indagine annuale sul Risparmio promossa dal Centro Einaudi e Intesa Sanpaolo, che analizza le principali scelte economiche e finanziarie seguite nell'ultimo anno dalle famiglie che vivono in Italia. Vi presentiamo alcuni dei principali risultati emersi dall'indagine, che quest'anno è incentrata sul tema "L'Italia che progetta: le sfide dell’economia, il reddito e le decisioni di investimento".
 
Dalle prove INVALSI 2019 esce un'Italia divisa in due
Il rapporto presentato dall'Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione - che monitora periodicamente il livello di competenze in italiano, matematica e inglese degli studenti italiani - evidenzia un divario importante fra i livelli di apprendimento nel Nord e Sud del Paese, che è minimo nelle scuole primarie ma cresce quando si passa alle medie e alle superiori. Ne parla il Forum ANIA-Consumatori all'interno della newsletter "Io&iRischi".
 
Welfare aziendale, boom da 3 miliardi ma allo Stato costa 800 milioni
In questo articolo uscito all'interno di Affari&Finanza, inserto del quotidiano La Repubblica, Marco Ruffolo cerca di determinare il "valore" del welfare aziendale derivante dalla trasformazione del premio di risultato. Secondo Ruffolo, che riprende un recente rapporto pubblicato dal Cnel, tale cifra è stimabile intorno ai 3 miliardi di euro, con una conseguente perdita per lo Stato di oltre 800 milioni di euro | Marco Ruffolo, La Repubblica - Affari&Finanza, 22 luglio 2019
 
Il welfare aziendale costa davvero 800 milioni allo Stato?
Recentemente si è tornati a parlare molto dei costi legati al welfare aziendale. Un articolo di Repubblica ha proposto una stima del "valore" del welfare aziendale derivante dalla trasformazione del premio di risultato intorno ai 3 miliardi di euro, con una conseguente perdita per lo Stato di oltre 800 milioni di euro in tre anni. Ma come si è arrivati a tali cifre? Possono essere considerate attendibili? Federico Razetti e Valentino Santoni ci spiegano che la questione è più complessa di come appare.
 
Welfare aziendale: in IBL Banca arriva il kit per i neogenitori
L’istituto di credito IBL Banca ha recentemente ampliato le sue politiche nel campo del #WelfareAziendale e della conciliazione vita-lavoro. Proprio in ottica di work-life balance, l’azienda ha rafforzato i congedi di maternità, paternità e parentali e le indennità per i riposi giornalieri. Inoltre sono previsti programmi destinati alle neo-mamme finalizzati ad interpretare la maternità come un valore aggiunto che rafforza skills importanti a livello professionale | AdnKronos (via Il Tempo), 19 Luglio 2019
 
La finanza per l'economia sociale: spunti dal progetto Ifise
Poche settimane fa si è concluso il progetto "Ifise - Innovative financial instruments for social economy", che ha monitorato e analizzato oltre 50 diversi strumenti finanziari sviluppati in Europa nel settore dell'economia e dell'imprenditoria sociale. In questo articolo vi parliamo dei principali risultati raggiunti dal progetto e delle iniziative di investimento e finanza sociale più interessanti, sviluppate in Italia e in Europa.
 
European Social Innovation Academy: quale futuro per l'innovazione sociale in Europa?
Lo scorso 17 luglio Torino ha ospitato la prestigiosa tre giorni della European Social Innovation Academy, un concorso europeo dedicato all'innovazione sociale. Nel corso dell'evento, promosso da Nesta Italia in collaborazione con Torino Social Impact e Unicredit, policy maker ed esponenti di Fondazioni bancarie e del mondo del Terzo Settore sono intervenuti per fare il punto sul presente e sul futuro dell'innovazione sociale e degli investimenti ad impatto sociale.
 
E ora nelle imprese arriva l'assistente sociale su misura
Gli assistenti sociali possono essere una risorsa molto utile nelle imprese, soprattutto in questo periodo di grandi trasformazioni: rivoluzione digitale, cambio culturale, stress da lavoro, spietata produttività. Lavorare in serenità significa lavorare meglio. Per questo sono nate realtà senza fini di lucro che si propongono di promuovere la figura dell’assistente sociale all’interno di azioni di welfare aziendale.
 
Easy Welfare e ManpowerGroup firmano una partnership per sostenere le PMI che vogliono fare welfare
L'agenzia per il lavoro ManpowerGroup e il provider Easy Welfare hanno siglato una partnership allo scopo di sostenere le imprese - soprattutto le più piccole - che vogliono attivare piani di welfare aziendale. Da oggi infatti ManpowerGroup metterà a disposizione delle sue imprese clienti la piattaforma di flexible benefit di Easy Welfare. In questo modo, tutte le realtà interessate potranno accedere agevolmente ai beni e ai servizi previsti dalla normativa di riferimento.
 
Lamborghini, super contratto per i dipendenti: aumenti in busta paga e benefit. Dai permessi per veterinario ai corsi di lingua
Welfare aziendale, contributi aggiuntivi per i periodi di astensione facoltativa per la maternità, incremento delle ore di permesso, politiche di contrasto alla discriminazione, smart working e mobilità sostenibile. Inoltre aumenti in busta paga e un premio di risultato fino a 3.800 euro. Sono queste alcune delle novità presenti nel nuovo accordo integrativo di Lamborghini | Corriere della Sera, 18 luglio 2019
 
Finanza ad impatto sociale: uno sguardo alla nuova programmazione europea
Social Impact Agenda e Torino Social Impact hanno organizzato un incontro per riflettere sulruolo che l'impact investing potrà giocare nella prossima programmazione europea. Attraverso le diverse voci che hanno preso parte al dibattito, si è cercato di esplorare le potenzialità degli investimenti ad impatto sociale e raccontare i meccanismi comunitari a disposizione degli attori pubblici e privati per sviluppare politiche in grado di favorire gli ecosistemi locali.
 
Comoli Ferrari: mille euro di premio ai 1.100 dipendenti. E il gruppo cresce
Un premio di mille euro ai 1.100 dipendenti del gruppo. È la decisione del gruppo Comoli Ferrari per rendere tangibile l'attenzione nei confronti del capitale umano. L'azienda novarese - che oggi rappresenta circa l'8% del mercato italiano della commercializzazione del materiale elettrico - conta 112 filiali sparsi in 8 regioni, per un totale di oltre 1.100 dipendenti | Il Sole 24 Ore, 3 luglio 2019
 
Massagli (Aiwa): ''Da welfare aziendale più benefici che costi''
In una recente intervista per AdnKronos, il presidente di Aiwa Emmanuele Massagli ha sottolineato come, nonostante vi siano dei costi legati ad una riduzione delle entrate fiscali, il welfare aziendale generi importanti esternalità positive. Tra queste vi è ad esempio il fatto che attraverso tali misure si alimenta l'emersione del lavoro nero specialmente in alcuni settori, come quello dell'assistenza familiare e domiciliare, in cui tale fenomeno è molto diffuso | AdnKronos, 10 luglio 2019
 
Asilo nido aziendale: una possibilità anche per le piccole imprese?
Secondo l'Istat, nel nostro Paese ci sono 212 asili nido aziendali capaci di accogliere circa 7.000 bambini. Al momento, tuttavia, sembra che solo le grandi imprese siano in grado di realizzare e mantenere queste strutture. Per provare ad affrontare questa situazione, offrendo anche alle piccole imprese la possibilità di implementare questo servizio, è nata la startup Needo. Ve ne parliamo in questo approfondimento.
 
Programma Io&irischi: un nuovo ciclo di conferenze sull'educazione assicurativa per gli studenti delle superiori
Si arricchiscono di nuovi contenuti le conferenze tematiche del programma educativo Io&irischi teens, realizzato dal Forum ANIA-Consumatori in collaborazione con l'Associazione per l'Educazione Economica Europea per gli studenti delle scuole superiori. Per l'anno scolastico 2019-2020 saranno proposte lezioni dedicate ai temi dell'educazione finanziaria e assicurativa che coinvolgeranno oltre 130.000 studenti.
 
Dall'Agenzia delle Entrate nuove indicazioni sul welfare aziendale con l'interpello 212/2019
Lo scorso 27 giugno 2019, l'Agenzia delle Entrate ha reso noto l'interpello 212/2019 attraverso il quale ha fornito alcuni chiarimenti per la corretta gestione dei benefit welfare derivanti dalla conversione del Premio di Risultato. Sono inoltre chiariti alcuni aspetti dal punto di vista normativo, tecnico e terminologico. Trovate qui l'interpello.
 
Quale futuro per il welfare aziendale? Il botta-e-risposta tra Treu e Massagli
Nei giorni scorsi, all'interno del portale WeWelfare, Tiziano Treu (presidente del Cnel) e Emmanuele Massagli (presidente di Aiwa e Adapt) hanno avviato un interessante dibattito incentrato sul tema del welfare aziendale. In particolare, secondo Treu l'imponente crescita di tale fenomeno necessita di studi volti a stimare la perdita di gettito fiscale, e quindi di potenziali risorse per la collettività; Massagli ha risposto sottolineando come sia scorretto sottostimare il vantaggio generato per la collettività.