PRIMO WELFARE /
Legge di stabilità e bonus bebè, Ferrera: “Logica del tappare i buchi”
Redattore Sociale, 23 ottobre 2014
24 ottobre 2014

A Margine del convegno “Promuovere l’innovazione per il progresso sociale: proposte per le politiche europee” Maurizio Ferrera è stato intervistato da Redattore Sociale, che ha chiesto al docente di esprimersi sulle recente scelte assunte dal Governo Renzi in merito alle politiche sociali.

"Con la legge di stabilità la situazione del welfare in Italia non cambia: si resta sempre in una condizione di precarietà, con stanziamenti discrezionali" ha affermato Ferrera, che ha sottolineato come "anche il bonus bebè non va bene". Questo strumento "è uscito dal cilindro bianco di Renzi quando la legge di stabilità era ormai chiusa, senza che si possa capire la ratio di questo provvedimento e come sia collegato alle altre misure in campo sociale".

Per Ferrera sarebbe piuttosto auspicabile "utilizzare quei fondi per istituire un assegno universale a tutti i figli, collegato con il Sostegno di inclusione attiva" aggiungendo che una riforma per essere tale "deve passare per una necessaria fase di progettazione, ambiziosa e incisiva e che si tramuti in provvedimenti di legge adeguatamente finanziati di ampio respiro".


Legge di stabilità e bonus bebè, Ferrera: “Logica del tappare i buchi”

Redattore Sociale, 23 ottobre 2014

 
NON compilare questo campo