PRIMO WELFARE / famiglia
Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza: a novembre il nuovo monitoraggio
Il Gruppo CRC ha annunciato che il 20 novembre sarà pubblicato il rapporto sullo stato di attuazione della Convenzione in Italia
31 maggio 2019

Lo scorso 27 maggio è ricorso il ventottesimo anniversario della ratifica (realizzata in Italia con Legge n. 176 del 27 maggio 1991) della Convention on the Rights of the Child (CRC), ovvero la Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Per ricordare alle Istituzioni l’impegno assunto dall’Italia nel dare attuazione alla CRC, il Gruppo di Lavoro sulla Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (Gruppo CRC) pubblica annualmente un Rapporto di aggiornamento sullo stato di attuazione della Convenzione in Italia. Da qualche anno il Gruppo CRC, dopo aver pubblicato il 1° Rapporto Supplementare nel 2001 e il 2° nel 2009, si è infatti impegnato a garantire un sistema di monitoraggio permanente, indipendente e condiviso tra le associazioni che lavorano per la promozione e la tutela dei diritti dell’infanzia in Italia.

Per il 2019, il Gruppo CRC sta lavorando alla redazione della 10° edizione del Rapporto di aggiornamento annuale, che sarà pubblicato il prossimo 20 novembre in occasione del trentennale della CRC. Il Rapporto sarà un edizione speciale che si baserà sull'analisi e commento delle recenti raccomandazioni del Comitato ONU all'Italia.

Lo scorso dicembre invece il Gruppo CRC ha lanciato una nuova pubblicazione (I diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia. I dati regione per regione) con l’obiettivo di fornire una fotografia regione per regione sulla condizione dell’infanzia e dell’adolescenza nei vari territori. La pubblicazione è realizzata a partire dai dati disponibili dalle fonti ufficiali disaggregati su scala regionale.

 


Povertà educativa e minorile, ''Con i Bambini'' per lo sviluppo del Paese

Save the Children: al nido solo un bambino su quattro

Povertà educativa e diseguaglianze sociali: spunti di riflessione dal Rapporto Invalsi 2018