PRIMO WELFARE /
Coronavirus: il Dipartimento per la trasformazione digitale lancia ''Solidarietà digitale''
L'iniziativa, sostenuta da diverse imprese private e associazioni, consentirà di accedere gratuitamente a diversi servizi in queste settimane di emergenza
10 marzo 2020

Allo scopo di ridurre l'impatto sociale ed economico dell'attuale crisi sanitaria legata al diffondersi del Coronavirus SARS-CoV-2, il Dipartimento per la trasformazione digitale, insieme all'Agenzia per l'Italia Digitale, ha lanciato "Solidarietà digitale", un'iniziativa attraverso cui imprese private, associazioni e altre realtà di varia natura hanno messo (e metteranno) a disposizione servizi gratuiti per chi ha visto cambiare totalmente e improvvisamente le proprie abitudini lavorative e di vita. 

I servizi e le soluzioni disponibili hanno varie finalità. Tra le più interessanti ci sono alcuni progetti destinati a chi in questo periodo lavora da remoto e in smart working (come traffico internet gratuito e l'utilizzo di varie piattaforme) e a chi vuole avviare o seguire percorsi scolastici e di formazione (grazie a piattaforme di e-learning).

Tra le realtà che stanno partecipato all'iniziativa ci sono gli operatori telefonici Tim, Vodafone e Wind-3, i quotidiani La Repubblica e La Stampa (che mettono a disposizione abbonamenti on-line gratuiti), ma anche Amazon e Google, che ad esempio rende disponibile la sua piattaforma G-Suite. Nei prossimi giorni altre imprese, associazioni e start-up si uniranno a queste e altre che già hanno aderito all'iniziativa. Chi vuole può infatti aderire a "Solidarietà digitale" e offrire i propri servizi compilando questo form.


Per consultare il sito di "Solidarietà digitale" e tutti i servizi disponibili

 


Da Fondazione Cariplo un fondo da 2 milioni di euro per fronteggiare l'emergenza Coronavirus

Emergenza Coronavirus: da Fondazione CRC mezzo milione di euro per la sanità regionale

Accordo tra cooperative e sindacati per fronteggiare l'emergenza Coronavirus

Coronavirus: esteso a tutta Italia lo smart working senza accordo, fino alla fine dell'emergenza

A Milano le parti sociali firmano un accordo per promuovere la cultura della partecipazione dei lavoratori in azienda

Scuole chiuse per Coronavirus? A Milano il cibo delle mense non va sprecato