Manovra, cambia il congedo di maternità. Il bonus diciottenni sarà legato all'Isee
Cambiano forma il congedo di maternità, il cosiddetto "Bonus Bebè" e quello per i diciottenni. Secondo quanto stabilito da un emendamento approvato alla Manovra per le future mamme sarà possibile restare al lavoro fino nono mese prima del parto, utilizzando per intero i cinque mesi del congedo per il periodo successivo. Inoltre, viene aumentato da 1000 a 1500 euro l'importo annuo del bonus destinato all'iscrizione ai figli agli asili nido. La misura viene estesa anche al 2021. | La Repubblica, 5 dicembre 2018
 
14 giovani studenti premiati nella seconda edizione del Premio Valeria Solesin
Lunedì 3 dicembre si è svolto l'evento di premiazione per la seconda edizione del Premio Valeria Solesin, concorso aperto a giovani studenti e studentesse e ispirato agli studi della giovane ricercatrice veneziana, tragicamente scomparsa nell'attentato al teatro Bataclan di Parigi del 13 novembre 2015. In totale sono stati premiati 14 giovani che, attraverso i loro lavori di tesi, si sono concentrati su un tema importante: "Il talento femminile come fattore determinante per lo sviluppo dell'economia, dell'etica e della meritocrazia nel nostro Paese".
 
Al Paese e agli elettori serve lavoro, non assistenza
Secondo Alberto Brambilla, presidente del Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali, per il nostro Paese è essenziale dotarsi di un'anagrafe dell'assistenza in grado di tener traccia delle prestazioni sociali a cui ogni cittadino ha diritto. In questo modo vi sarà maggiore certezza e chiarezza in merito alla spesa pubblica destinata all'assistenza | Alberto Brambilla, Il Punto - Pensioni&Lavor
 
Servono un milione di firme per proporre un nuovo modello europeo di accoglienza e inclusione
"Welcoming Europe" è una campagna di raccolta firme che ha lo scopo di sottoporre alla Commissione Europea una proposta di atto legislativo in tema di accoglienza e immigrazione. L'iniziativa si propone tre obiettivi: fermare la criminalizzazione dell'aiuto umanitario, ampliare i programmi di sponsorship privata rivolti ai rifugiati e rafforzare i meccanismi di tutela e denuncia per garantire maggiore sicurezza alle vittime di abusi, violenze e sfruttamento.
 
Volete un'emergenza vera? È il crollo delle nascite peggiore di sempre (che non interessa a nessuno)
Secondo l'Istat, nel 2017 sono stati iscritti in anagrafe per nascita 458.151 bambini, oltre 15 mila in meno rispetto al 2016. Nell’arco di 3 anni (dal 2014 al 2017) le nascite sono diminuite di circa 45 mila unità mentre sono quasi 120 mila in meno rispetto al 2008 | Linkiesta, 29 novembre 2018
 
Beyond Imagination: a socially innovative Europe
With about 200 participants from over 50 countries, the conference "Beyond Imagination: a socially innovative Europe" attracted a wide range of experts from social innovation organisations and networks for an intense series of discussions, debates and networking activities between 12th and 13th November in Seville. Gianluca Misuraca, Senior Scientist at the European Commission's Joint Research Centre in Seville, tells us about the results of the event.
 
Manovra, non solo bonus bebè: ecco le misure dimenticate per le famiglie
Chi mette al mondo il terzo figlio nel 2019 potrà ricevere un terreno in concessione e una serie di agevolazioni per avviare un’attività agricola. Nel frattempo, però, rischia di non beneficiare più di tutta una serie di incentivi, bonus e voucher pensati per le famiglie, il cui futuro ora diventa incerto. Già annunciati due emendamenti per “tenere in vita” il il bonus bebè, il congedo di quattro giorni per i neo-papà, altrimenti non rinnovati per l’anno prossimo. Ma se il disegno di legge di Bilancio all’esame del Parlamento non dovesse subire ulteriori modifiche, sono destinati a “scadere” anche gli sgravi contributivi per le politiche di conciliazione lavoro/famiglia e il voucher baby-sitter | Michela Finizio, Il Sole 24 Ore, 12 novembre 2018
 
"Lavoro agile per il futuro della PA": avviso di manifestazione di interesse per aderire alla prima Giornata di Lavoro Agile a Roma
Il Dipartimento per le Pari Opportunità, nell'ambito del progetto "Lavoro agile per il futuro della PA", ha pubblicato un Avviso per raccogliere le manifestazioni di interesse di imprese e della Pubblica Amministrazione ad aderire alla prima Giornata di Lavoro Agile di Roma, che si terrà il 13 dicembre. La Giornata sarà un'occasione per dare spazio e visibilità alle tante realtà, sia pubbliche sia private, che sempre più numerose hanno attivato percorsi di lavoro agile e, più in generale, politiche di flessibilità oraria.
 
Il welfare familiare e lo spread con i Paesi nordici
In Danimarca ogni famiglia con un neonato riceve dallo Stato per tre anni 2.415 euro ogni dodici mesi, se il reddito è inferiore a 102.000 euro. Questi interventi non si fermano all’infanzia, ma proseguono fino alla maggiore età. Dai 3 ai 6 anni l'incentivo è pari 1.912 euro l’anno, mentre dai 7 ai 18 anni scende a 1.505 euro. L’unica condizione, posta dal governo, è che dopo i 14 anni i ragazzi frequentino almeno l’85 per cento delle lezioni a scuola | Francesco Profumo, Corriere della Sera, 7 novembre 2018
 
Passi indietro nella (già poca) integrazione tra scuola e lavoro
Il sistema informativo Excelsior annualmente rileva, in una prospettiva quinquennale, i fabbisogni occupazionali e formativi delle nostre imprese. A questo sondaggio si aggiungono rilevazioni mensili, con proiezioni trimestrali, ed altre letture su base territoriale. Nei giorni scorsi è stata presentata la indagine 2018-2022 secondo la quale tendono ad aumentare i contratti offerti ma si incrementa anche la difficoltà da parte delle imprese di incontrare le persone corrispondenti ai propri fabbisogni | Maurizio Sacconi, Bollettino ADAPT, 6 novembre 2018
 
Il vero volto dell'immigrazione. Il quadro reale in Italia e un dibattito falsato
Sono usciti nei giorni scorsi due rapporti sull’immigrazione nel nostro Paese che aiutano a comprendere nei suoi termini effettivi un fenomeno così discusso. Sono il XXVII Rapporto di Caritas-Migrantes e il Dossier Immigrazione 2018 curato dal Centro Studi e Ricerche Idos in partenariato con il Centro Studi Confronti | Maurizio Ambrosini, Avvenire, 6 novembre 2018
 
Fai un figlio in più (il terzo) e lo Stato ti concede gratis un terreno da coltivare per i prossimi vent'anni
Un figlio in più può "valere" un terreno, in concessione esclusiva per i prossimi 20 anni. È quanto prevede una nuova misura aggiunta nell'ultima bozza della legge di Bilancio disponibile, ancora non inviata alle Camere. I terreni abbandonati potranno essere affidati in concessione gratuita per 20 anni alle famiglie cui nasca il terzo figlio nel 2019, 2020 o 2021 | Huffington Post, 29 ottobre 2018
 
Nonna Italia: il welfare familiare che si regge sugli over 65
I nonni sono una risorsa preziosa, innanzitutto emotivamente. Ma non solo: in particolare, i nonni italiani costituiscono oggi una colonna fondamentale del welfare familiare. Secondo un sondaggio realizzato recentemente da Ipsos per Fondazione Korian, il 49% dei nonni italiani aiuta economicamente figli e nipoti, contro il 24% della media europea | SkyTg24, 24 ottobre 2018
 
Più over 60 che under 30: sorpasso nel Paese che invecchia
Per la prima volta dal 1861, cioè da quando sono disponibili questo genere di statistiche, nel nostro Paese chi ha oltre sessant’anni è più numeroso di chi ne ha meno di trenta. Il 2018 segna il sorpasso degli over sessanta (sono il 28,7 per cento della popolazione italiana) sugli under trenta (il 28,4, ora). Lo dice l’Istituto di studi e ricerca Carlo Cattaneo analizzando dati Istat | Corrado Zunino, La Repubblica, 21 ottobre 2018
 
Se i rifugiati danno posti di lavoro agli italiani
Il 24 settembre il consiglio dei ministri ha approvato all’unanimità il cosiddetto decreto Salvini su immigrazione e sicurezza. Tra le altre cose, prevede di ridimensionare il Sistema per l’accoglienza dei richiedenti asilo e dei rifugiati (Sprar), che cambierà nome e sarà d’ora in poi limitato solo a chi è già titolare di protezione internazionale o ai minori stranieri non accompagnati | Francesco Amodio, Angelo Martelli e Maria Chiara Paoli, LaVoce.info, 16 ottobre 2018
 
I centri per l'impiego sono un disastro
Secondo quello che dicono da anni i dirigenti del Movimento 5 Stelle, uno dei pilastri del futuro “reddito di cittadinanza” saranno i centri per l’impiego, gli uffici delle province che hanno lo scopo di aiutare le persone che cercano lavoro. Per ricevere il sussidio, infatti, sarà necessario – tra le altre cose – iscriversi a uno di questi centr | Il Post, 17 ottobre 2018
 
La Strategia nazionale per l'educazione finanziaria, assicurativa e previdenziale
Nei primi mesi dell'anno in corso, seguendo l'esempio di altri paesi, il Governo italiano ha implementato la Strategia nazionale per l'educazione finanziaria, assicurativa e previdenziale con l'obiettivo di informare e orientare i cittadini verso scelte responsabili e sostenibili. Cuore del piano operativo è il Portale nazionale dell'informazione ed educazione finanziaria, uno strumento di semplice fruizione per orientarsi nel complesso mondo economico odierno ed effettuare scelte consapevoli.
 
Oxfam, le donne in Europa devono lavorare due mesi in più per uno stipendio equo
Il pay gap continua a farsi sentire. Secondo lo studio Oxfam sull’occupazione femminile uscito mercoledì 3 ottobre, le donne in Europa devono sottostare a trattamenti economici inferiori del 16% rispetto a quelli degli uomini e sono occupate in mansioni nettamente al di sotto delle loro capacità professionali. Per questo, se volessero arrivare allo stesso livello di stipendio dei loro colleghi, dovrebbero lavorare 59 giorni in più | Valore D, 4 ottobre 2018
 
Pensioni, Boeri: "Quota 100? Così il debito sale di 100 miliardi, danneggia giovani"
Il ripristino di quota 100 premia gli uomini e i dipendenti pubblici ma penalizza le donne e i giovani. Lo ha affermato il presidente dell’Inps Tito Boeri, nell’audizione alla Commissione Lavoro della Camera. L’introduzione di quota 100, ha detto, «premia quasi in 9 casi su 10 gli uomini, quasi in un caso su tre persone che hanno un trattamento pensionistico superiore a quello medio degli italiani (e un reddito potenzialmente ancora più alto, se integrato da altre fonti di reddito) | La Stampa, 11 ottobre 2018
 
Oxfam boccia la manovra di governo: rischia di accentuare le disuguaglianze
C'è un nuovo indice che misura quanto un Paese e il suo governo siano in grado di combattere le diseguaglianze. Lo ha creato Oxfam presentandolo al Meeting annuale del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale, un appuntamento ormai fisso per la società britannica. Tre sono i macro-ambiti di intervento sui quali è stato costruito: spesa pubblica, politica fiscale e politica del lavoro | Barbara Ardù, La Repubblica, 11 ottobre 2018