POVERTÀ E INCLUSIONE /
Save the Children: le disuguaglianze tra i più piccoli continuano a crescere
Secondo i dati dell'Atlante dell'infanzia a rischio oggi sono 1,2 milioni i bambini che non hanno i beni indispensabili per condurre una vita accettabile. Il triplo rispetto a 10 anni fa.
21 ottobre 2019

Si è tenuta quest'oggi la presentazione dell'Atlante dell'infanzia a rischio, pubblicazione curata da Save the Children Italia e arrivata alla sua decima edizione. Il documento - consultabile qui - come ogni anno si proprone di fare un bilancio della condizione dei bambini e adolescenti in Italia. Quello che ne emerge è un generale aumento delle disuguaglianze intergenerazionali, geografiche, sociali ed economiche tra bambini del Sud, del Centro e del Nord ma anche tra bambini delle aree centrali e delle periferie e tra quelli italiani e quelli stranieri.

In particolare, stando ai dati presentati dal volume, negli ultimi dieci anni il numero dei minori che vivono in povertà assoluta è più che triplicato, passando dal 3,7% del 2008 al 12.5% del 2018. Oggi sono 1,2 milioni i bambini che non hanno i beni indispensabili per condurre una vita accettabile. Inoltre, la crisi economica, tra il 2011 e il 2014, ha contribuito al peggioramento della situazione di questi minori: in questo periodo la percentuale di minori in condizioni di povertà è salita dal 5% al 10% trasformandosi in una vera e propria emergenza.

Tale contesto è ancora peggiore se si considerano i livelli di spesa sociale destinata ai minori. In Italia - Paese profondamente colpito dalla denatalità - gli investimenti pubblici per l'infanzia sono tra i più bassi in Europa: ciò che ne consegue è un forte gap tra quelle che sono le possibilità di accesso a servizi per i bambini e le loro famiglie nelle diverse regioni. Basti pensare che, a fronte di una spesa sociale media annua per l'area famiglia e minori di 172 euro pro capite per interventi da parte dei Comuni, la Calabria riesce a garantire interventi per circa 26 euro annui pro capite, mentre l'Emilia Romagna 316 euro. Questo forte divario penalizza soprattutto il Sud e in particolare tutte quelle aree che sono state colpite dalla mancata definizione dei Livelli essenziali delle prestazioni sociali (LEP) previsti dalla riforma del Titolo V della Costituzione.

Il volume dedica poi spazio al tema della povertà educativa, che è strettamente correlato a quello della povertà economica: i due fenomeni, infatti, tendono ad alimentarsi vicendevolmente, in un circolo vizioso che si trasmette da generazione a generazione. In un paese in cui si è disinvestito sulle politiche sociali e sull'infanzia, anche la povertà educativa è un problema concreto: quasi un minore su due non legge un libro oltre a quelli scolastici durante l’anno, con profondi divari regionali, che vedono Campania (il 64%), Calabria (66%) e Sicilia agli ultimi posti (68%). La deprivazione culturale di bambini e adolescenti in Italia è una vera e propria emergenza e i minori che non svolgono sufficienti attività culturali sono ancora 7 su 10, con i consueti divari tra le regioni. Anche lo sport resta per molti un privilegio: in Italia circa un minore su cinque (tra i 6 e i 17 anni) non pratica nessuna attività sportiva.


Clicca qui per scaricare l'Atlante dell'infanzia a rischio 2019 di Save the Childern Italia

 


Investing In Children, una rete per scommettere sui bambini e sul futuro del Paese

QuBì: chi sono e cosa fanno le ''assistenti sociali di comunità''

QuBì: a che punto è ''Al Bando le povertà''?

Casa a Ballarò, un progetto per contrastare la povertà educativa nel quartiere palermitano

Lotta alla povertà minorile: a Milano passa anche dalle assistenti sociali di comunità

Povertà educativa e minorile, ''Con i Bambini'' per lo sviluppo del Paese

La povertà dilaga: per il 2017 l'Istat registra il valore più alto degli ultimi 12 anni

È stata pubblicata la ricerca annuale di Save The Children sulla maternità in Italia

Scommettere sul Sud e sui bambini: l'unico azzardo possibile