POVERTÀ E INCLUSIONE /
Reddito di Cittadinanza, ora anche le persone senza dimora potranno accedere alla misura
Una nota del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha chiarito le modalità con cui gli homeless potranno richiedere l'intervento per il contrasto alla povertà
06 marzo 2020

Con la Nota 1319 del 19/2/2020, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha fatto chiarezza in materia di residenza e accesso al Reddito di Cittadinanza (RdC) prevedendo che le persone senza dimora - anche se cancellate in anagrafe per irreperibilità - possono richiedere e avere accesso alla misura.

In linea con quanto previsto dal Decreto che lo ha istituito (Decreto legge 4/2019), per ottenere il Reddito di Cittadinanza è necessario essere residenti in Italia per almeno 10 anni, di cui gli ultimi due in modo continuativo. Proprio per l’assenza di questo requisito le persone senza dimora sono state fino ad ora escluse dalla misura.

La nota è stata emanata dopo che sono stati segnalati numerosi casi di cittadini che, a seguito delle verifiche, risultano essere stati iscritti in anagrafe per un periodo superiore ai 10 anni ma che sono poi stati cancellati per “irreperibilità anagrafica”.


Per maggiori informazioni vi rimandiamo alla Nota del Ministero del Lavoro

 


Alleanza contro la povertà: necessario correggere il Reddito di Cittadinanza, ma senza ridurre le risorse

Per avere un futuro il Reddito di Cittadinanza deve guardare al suo passato

Reddito di Cittadinanza, il bilancio che bisogna fare

Il Reddito di Inclusione funzionava?

Al Reddito di Cittadinanza mancano ancora dei pezzi molto importanti

Come si è arrivati al Reddito di Cittadinanza