POVERTÀ E INCLUSIONE /
Nuovi dati sul Reddito di Cittadinanza: i nuclei beneficiari sono più di 1 milione
L’INPS ha diffuso i numeri di febbraio 2021 sull’erogazione del Reddito di Cittadinanza, della Pensione di Cittadinanza e del Reddito di Emergenza. Le nuove richieste fanno presumere un ulteriore aumento dei percettori.
20 marzo 2021

L’Osservatorio Reddito e Pensione di Cittadinanza dell’INPS ha pubblicato i dati aggiornati sui beneficiari del Reddito di Cittadinanza (RdC), della Pensione di Cittadinanza (PdC) e del Reddito di Emergenza (REM). Di seguito riportiamo brevemente i dati principali. 


Oltre 1 milione di nuclei beneficiari, nel 2021 già 379 mila nuove richieste

A febbraio 2021 In Italia si contano 1.009.958 nuclei familiari beneficiari di PdC o RdC, per un totale di 2.314.854 individui

Con riferimento al solo Reddito di Cittadinanza, l’importo medio mensile erogato nel mese di febbraio è stato pari a 591,01 euro, e ha registrato un incremento del 3% rispetto al mese precedente. I nuclei percettori del RdC sono stati 924.421 - il 18,9% in meno rispetto a gennaio - per un totale di 2.216.625 individui coinvolti - anch’essi in calo del 20% rispetto al mese precedente. Tale flessione si è verificata anche lo scorso anno, ed è dovuta al mancato o tardivo aggiornamento della Dichiarazione Sostitutiva Unica, indispensabile per poter rinnovare o proseguire con l’erogazione del beneficio. Gli andamenti sono analoghi per la Pensione di Cittadinanza. In questo caso, a febbraio 2021 i nuclei beneficiari della PdC sono stati 85.537, contro i 114.599 di gennaio. 

A fronte del calo degli attuali beneficiari, si registra un numero consistente di richieste effettuate tra gennaio e febbraio 2021: le domande per l’erogazione del Reddito di Cittadinanza o della Pensione di Cittadinanza sono state infatti 379.081


Il Mezzogiorno riconferma il primato

I percettori di RdC o di PdC, come per le rilevazioni precedenti, si concentrano maggiormente al Sud e nelle Isole, dove a febbraio i nuclei  beneficiari di almeno una mensilità di una delle due misure sono stati 624.423 e hanno ricevuto mediamente 618,34 euro. A tal proposito, si osserva un decremento del 14% dei beneficiari rispetto al mese di gennaio 2021, quando i nuclei percettori dei benefici in queste zone erano 725.257. 

Napoli si conferma la provincia con il maggior numero di nuclei percettori di RdC (133.085) e PdC (9.774) e con l'importo medio mensile più alto per il RdC, pari a 679,95 euro. Al contrario, la provincia di Lecce registra il dato più alto sull’importo medio mensile della PdC, pari a 314,67 euro. Le province di Roma e Palermo si piazzano al secondo e terzo posto per numero di beneficiari, per un totale di 68 mila e 63 mila nuclei percettori di PdC o RdC.

Al Nord e al Centro i nuclei percettori di RdC invece erano, rispettivamente 170.445 e 129.553. Entrambi i dati registrano un decremento - del 32,4% e del 26% - rispetto ai valori relativi a gennaio 2021.


Il profilo dei nuclei percettori 

A febbraio i nuclei beneficiari con minori a carico erano il 34% (343.870) del totale dei percettori (1.009.958) di RdC e PdC; le  famiglie con un disabile a carico erano circa il 17,4% (175.717) del totale. L’importo medio mensile era, rispettivamente, 679,87 euro per i primi e 562,78 euro per i secondi. Per quanto riguarda la cittadinanza dei richiedenti del RdC e PdC, a febbraio gli italiani beneficiari erano circa l’86,3% del totale dei percettori (1.009.958), con una importo medio mensile pari a 570,61 euro. Tra i beneficiari circa un terzo erano stranieri: 42.358 di essi europei e 87.641 extracomunitari con permesso di soggiorno UE.


Reddito di Emergenza: qual è la situazione

Il Reddito di Emergenza è stato introdotto nel maggio 2020 con il Decreto Rilancio (dl  34/2020), al fine di contenere  le conseguenze economiche della crisi da Covid-19. La misura è stata poi prorogata grazie al Decreto Agosto (dl 104/2020 ) e al Decreto Ristori (dl 137/2020). A seguito del Decreto Rilancio (maggio 2020) 292.134 nuclei hanno beneficiato di almeno una mensilità della prestazione, ricevendo mediamente 559 euro al mese. In seguito, con il Decreto Agosto e il Decreto Ristori (ottobre 2020), 254.688 famiglie hanno percepito il REM, ricevendo mediamente 550 euro mensili. 

Il Decreto Ristori ha previsto l’erogazione delle due mensilità di novembre e dicembre anche ai nuclei che – causa mancata presentazione della domanda o per mancato riconoscimento dei requisiti minimi - non avevano mai beneficiato del REM. I nuclei coinvolti in quest’ultimo intervento sono stati circa 81 mila e hanno ricevuto mediamente 520 euro al mese. L'importo medio mensile previsto per quest’ultima categoria di beneficiari ha subito un calo del 6,4% rispetto agli importi medi mensili erogati nelle mensilità precedenti. 

Con riferimento alla  distribuzione geografica, anche il REM è più diffuso al Sud e nelle Isole, con un totale di 341.753 nuclei beneficiari dall’introduzione della misura  contro 161.076 nuclei al Nord e 125.413 al Centro.


Riferimenti

INPS, Osservatorio Reddito/Pensione Cittadinanza e REM: i dati di marzo 2021 (Pubblicato il 17/03/2021)

INPS, Osservatorio Reddito di Cittadinanza e Pensione di Cittadinanza. Dati cartacei RdC, PdC, Rem. (Ultimo aggiornamento: 17/03/2021) 

 


Per il 57% degli italiani la paura della recessione supera quella del Covid. È smottamento del ceto medio

Coronavirus: la pandemia condiziona presente e futuro di 1,3 milioni di bambini indigenti

Istituito il Comitato Scientifico sul Reddito di Cittadinanza

Nell'anno della pandemia oltre 1 milione di poveri in più

Quale posto per i minori in povertà nel Reddito di Cittadinanza?

Lotta alla povertà, si cambi logica e si aiuti chi già aiuta