POVERTÀ E INCLUSIONE /
Batti il cinque: il progetto che connette scuole, famiglie e comunità locali
L'iniziativa, promossa da cinque fondazioni comunitarie nell'ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, sostiene nuclei familiari con figli minori che vivono in contesti disagiati
19 novembre 2020

"Batti il Cinque!" è un progetto, selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, che fornisce un sostegno concreto ai bambini tra i 5 e i 14 anni che vivono situazioni di difficoltà.

L'iniziativa (di cui vi avevamo già parlato qui) riguarda cinque territori della Penisola - Lecco, Brescia, Messina, il Rione Sanità di Napoli e il Quartiere Mirafiori di Torino e - e si propone di operare in contesti sociali con alti tassi di fragilità, che si sono ulteriormente inaspriti a causa della crisi del Covid-19. Presentata da una rete di Fondazioni di comunità - la capofila è la Fondazione comunitaria del Lecchese, a cui si aggiungono le Fondazioni comunitarie di Brescia, Mirafiori, San Gennaro e Messina- l'iniziativa si propone in particolare di constrastare la povertà educativa minorile attraverso una serie di azioni specifiche quali:

  • fornitura di materiale informatico a chi ne ha bisogno,
  • creazione di percorsi dedicati all’educazione digitale,
  • realizzazione di attività sportive e ricreative per il doposcuola,
  • sostegno allo studio a distanza e in presenza,
  • supporto alla didattica per bambini con bisogni educativi speciali e disturbi specifici dell’apprendimento.

"Batti il Cinque!" sta lavorando in collaborazione con gli istituti, gli insegnanti e le realtà dei territori durante tutto l'anno scolastico su territori diversi e distanti tra loro; la collaborazione sarà favorita da Assifero, l’Associazione punto di riferimento della filantropia istituzionale in Italia.

Paolo Dell’Oro, Segretario Generale della Fondazione comunitaria del Lecchese e portavoce del progetto, ha dichiarato che "nell’attuale situazione di incertezza i partner di Batti il cinque! continuano a lavorare con gli istituti scolastici e gli insegnanti, e con le organizzazioni dei territori, per supportare nel modo più efficace i ragazzi e le famiglie più fragili [...] l’obiettivo di Batti il cinque è infatti non lasciare nessuno indietro fornendo una risposta comune ma allo stesso tempo personalizzata in base alle esigenze specifiche dei cinque territori in cui i partner operano".

 


Dall'Agenzia per la Coesione 20 milioni di euro per il contrasto alla povertà educativa minorile

La resilienza di #Fuoricentro per contrastare la povertà educativa

Scuola, ActionAid: il rientro nelle aule non basta, a rischio migliaia di minori per abbandono scolastico