Lombardia: senza il Piano regionale di contrasto alla povertà i beneficiari del REI sono a rischio
L'Alleanza contro la povertà in Lombardia ha lanciato un appello affinché la Regione completi al più presto la stesura del Piano regionale volto a recepire il Piano nazionale contro la povertà, che andrebbe a sbloccare 32 milioni di euro stanziati per rafforzare i progetti personalizzati previsti dal Reddito di Inclusione. Nell'attuale situazione di stallo i beneficiari del REI rischiano di vedersi sospeso l'assegno mensile erogato dall'Inps.
 
Si fa presto a dire "prima gli italiani"
Il governo ha annunciato che il Reddito di Cittadinanza sarà solo per gli italiani. Ma lo slogan "prima gli italiani" spesso si scontra con obblighi costituzionali che prevedono pari trattamento per chi soggiorna regolarmente in Italia da lungo tempo. In questo articolo, uscito all'interno del portale LaVoce.info, Enrico Di Pasquale, Andrea Stuppini e Chiara Tronchin riflettono sulla questione prendendo in considerazione leggi, ricorsi e sentenze che regolano tale materia.
 
L'appello dell'Alleanza contro la povertà: il Governo vada avanti con il Reddito di Inclusione
In vista della prossima Legge di Bilancio l'Alleanza contro la povertà ha presentato alcune proposte al Governo. L'Alleanza, in particolare, chiede all'Esecutivo di compiere scelte decisive e di dotare il Paese di una misura di contrasto alla povertà assoluta in grado di offrire risposta a tutti coloro che si trovano in tale condizione. E per raggiungere questo obiettivo bisogna ripartire dal Reddito di Inclusione piuttosto che implementare nuove misure come il Reddito di Cittadinanza.
 
Toscana: piano regionale da 120 milioni contro la povertà
La crisi economica ha fatto impennare il numero delle famiglie toscane in povertà e, anche se nell'ultimo periodo il trend è cambiato, il 5,9% dei nuclei familiari ha ancora una spesa media per consumi al di sotto della soglia di povertà relativa. Per questo motivo, oggi la Giunta regionale ha approvato il piano regionale per la lotta alla povertà, finanziato con risorse statali e locali pari a 120 milioni | Il Sole 24 Ore, 18 settembre 2018
 
Reddito di inclusione: il bilancio del primo semestre
Lo scorso luglio, l'Istituto Nazionale Previdenza Sociale ha pubblicato il secondo monitoraggio del Reddito di Inclusione, al misura nazionale di contrato alla povertà, relativo al primo semestre di funzionamento delle misura. Il rapporto contiene i dati relativi all'accesso al REI e alcune informazioni sui nuclei familiari beneficiari. In questo articolo Chiara Agostini analizza sinteticamente i principali risultati emersi dalla rilevazione.
 
Il piano regionale di lotta alla povertà in Piemonte
Il Decreto legislativo che ha attuato il Reddito di Inclusione (REI) ha previsto che alcune funzioni relative alla progettazione dei servizi di contrasto alla povertà e alla marginalità siano di competenza esclusiva regionale. Le Regioni sono state quindi chiamate a disciplinare, attraverso appositi interventi di programmazione, le modalità di collaborazione e cooperazione tra i servizi. Dopo aver analizzato il Piano regionale dell'Emilia Romagna, in questo articolo ci concentriamo su quello del Piemonte.
 
Se nasci povero, resti povero: nessun Paese peggio dell'Italia per immobilità sociale
Esiste un record negativo italiano che non è misurabile in debito pubblico, deficit, giovani Neet, evasione fiscale. Ma a guardarlo da vicino fa paura almeno quanto i primi. È l’immobilità sociale, o meglio: quanto della tua vita dipende dalla famiglia in cui sei nato | Roberta Carlini, L'Espresso, 6 settembre 2018
 
Disuguaglianze in crescita: aumenta la spesa dei più ricchi e cala quella dei più poveri
Nel nostro Paese la spesa del 20% delle famiglie più ricche del paese - come calcola il Rapporto Coop 2018 - è salita nel 2017 del 3%. Quella del 20% più povero è scesa del 3%. Dati ancor più preoccupanti considerando che ll Belpaese - sul fronte del carrello della spesa - non ha ancora recuperato tutto il terreno perduto dopo la crisi del 2010 | Ettore Livini, La Repubblica, 6 settembre 2018
 
Il piano regionale di lotta alla povertà dell'Emilia Romagna
Il Decreto legislativo 147/2017 che ha attuato il Reddito di Inclusione (REI) ha previsto che alcune funzioni relative alla progettazione dei servizi di contrasto alla povertà e alla marginalità siano di competenza esclusiva regionale. Le istituzioni regionali sono state quindi chiamate a disciplinare, attraverso appositi interventi di programmazione, le modalità di collaborazione e cooperazione tra i servizi. In questo articolo vi raccontiamo l'esperienza avviata dalla Regione Emilia Romagna.
 
Milano. Allarme Cisl sul sociale: ci sono poche risorse
Incrementare le risorse del Fondo sociale regionale, tornando ai 70 milioni di euro del 2015, anche per dare ossigeno alle politiche sociali dei Comuni e consentire interventi efficaci di contrasto alla povertà. È quanto chiede la Cisl Lombardia alla Regione Lombardia, in vista dell'approvazione dell'assestamento di bilancio 2018 | Avvenire, 21 luglio 2018
 
Ce lo chiede l'Europa: le politiche europee di contrasto delle povertà
L'Europa, spesso richiamata a proposito del rigore nei conti pubblici, ha svolto un ruolo importante nello spingere il nostro Paese ad adottare politiche significative di contrasto alla povertà. Anche grazie all'azione dell'Unione Europea, infatti, l'Italia si è finalmente dotata di un piano nazionale di contrasto alla povertà e di una misura - il ReI (Reddito di Inclusione) - ti stampo universalistico. Per approfondire questa questione, vi proponiamo questo articolo uscito nel numero 2/2018 di Welfare Oggi.
 
Povertà educativa e diseguaglianze sociali: spunti di riflessione dal Rapporto Invalsi 2018
È di questi giorni l'uscita del Rapporto Invalsi 2018, che annualmente scatta una fotografia dei livelli di apprendimento degli studenti italiani. Il rapporto si rivela infatti estremamente interessante per comprendere come affrontare, sia dal punto di vista dell'intervento che della ricerca valutativa e sociale, la povertà educativa in Italia, permettendo di fare anche alcune riflessioni sul ruolo che la valutazione dovrebbe giocare per affrontare questa sfida.
 
Ridurre la povertà, perché occorre un "cambiamento" di visione
Come ci ha recentemente mostrato l'Istat, il tasso di povertà in Italia è in costante aumento. Per ridurre e contrastare questo fenomeno, però, i soli aiuti economici non sono sufficienti: è necessario infatti ripensare all'educazione sociale degli italiani. Questo il punto di vista espresso da Alberto Brambilla - Presidente del Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali - all'interno del portale Il Punto - Pensioni&Lavoro.
 
Per battere la povertà bisogna innanzitutto che finisca la propaganda
Qual è la strada migliore per intervenire contro la povertà? Secondo Titti Di Salvo è necessario partire dal ReI (Reddito di Inclusione), lo strumento varato dal precedente governo in stretto rapporto con l'Alleanza contro la povertà. Finanziare con più risorse il ReI in modo da ricomprendere l'intera platea delle persone in povertà assoluta è la strada più veloce per intervenire | Titti Di Salvo, Huffington Post, 27 giugno 2018
 
Bando Nuove Generazioni: approvati 83 progetti
Giovedì 28 giugno l'impresa sociale "Con i bambini" ha diffuso i dati relativi al bando Nuove Generazioni (rivolto ai minori di età compresa tra i 5 e i 14 anni) del Fondo nazionale per il contrasto della povertà educativa minorile. Saranno finanziati su tutto il territorio nazionale 83 iniziative per uno stanziamento complessivo di circa 66 milioni di euro. In totale, sono più di settemila i partner coinvolti tra organizzazioni del Terzo Settore, istituti scolastici e enti pubblici.
 
Italia sempre più povera: il welfare non regge e non tutela i non garantiti
Come anche noi vi abbiamo mostrato in questo approfondimento, secondo l'Istat in Italia nel 2017 le persone in povertà assoluta erano 5 milioni e 58 mila, pari a 1 milione e 778 mila famiglie. Ecco perché mai come in questo momento è utile il nuovo e diverso impegno dell’associazionismo e dei comitati spontanei che si stanno occupando di casi che richiedono l’attenzione di tutta la comunità | Secolo d'Italia, 26 giugno 2018
 
La povertà dilaga: per il 2017 l'Istat registra il valore più alto degli ultimi 12 anni
Nel 2017, le persone in povertà assoluta erano 5 milioni e 58 mila, pari a 1 milione e 778 mila famiglie. La povertà assoluta cresce sia se consideriamo le famiglie, sia se consideriamo le persone. In termini percentuali le famiglie in povertà sono il 6,9% del totale delle famiglie residenti (dal 6,3% nel 2016), gli individui sono invece l'8,4% del totale dei residenti (contro il 7,9% del 2016). Entrambi questi valori sono i più alti degli ultimi dodici anni (dal 2005).
 
380 mila richieste per il reddito d'inclusione
Tra gennaio e maggio, primi cinque mesi di operatività, le domande per il Rei - il Reddito di inclusione messo in piedi dal governo Gentiloni per combattere la povertà con un assegno massimo di 540 euro al mese (in media 300 euro) e un percorso di reinserimento sociale - hanno toccato quota 380 mila | Vita, 22 giugno 2018
 
Dalla salute alla povertà: ecco le 10 criticità per l'infanzia
Sono dieci le criticità in materia di infanzia e adolescenza in Italia secondo l'Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza Filomena Albano, che la scorsa settimana ha esposto la sua relazione annuale al Parlamento, alla presenza del presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati. L'Autorità garante si è fatta portavoce delle esigenze dei minori grazie ad un'intensa attività di ascolto | Redattore Sociale, 13 giugno 2018
 
Il reddito di inclusione sia un primo passo, contro povertà e disuguaglianze
Lo scorso 4 giugno - nell'ambito del Festival dello sviluppo sostenibile - si è tenuto un seminario sul tema della povertà e della disuguaglianza organizzato dal Forum Disuguaglianze Diversità, con la collaborazione di ASviS, ACLI e OXFAM. Il Seminario ha passato in rassegna un arco di ipotesi di politica pubblica su cui il lavoro è in corso e sulle quali costruire alleanze e un'interlocuzione con governo e Parlamento | Fabrizio Barca, Huffington Post, 15 giugno 2018
 

 
Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21