POVERTÀ E INCLUSIONE /
Legge di Stabilità: 150 milioni in più al Fondo povertà
Un emendamento dal Partito Democratico prevede un aumento della dotazione attraverso un trasferimento delle risorse destinate all'Asdi
24 novembre 2016

Con un emendamento proposto dal Partito Democratico, la Commissione Bilancio ha destinato ulteriori 150 milioni di euro al Fondo per il contrasto alla povertà. In questo modo le risorse del fondo, che saranno destinate al Sostegno per l'inclusione Attiva (SIA) per il 2017 e al Reddito d'Inclusione (REI) per il 2018, saranno rispettivamente aumentate a 1,2 e 1,7 miliardi di euro.

A ben guardare queste risorse non possono essere considerate un vero e proprio finanziamento aggiuntivo. I 150 milioni in oggetto, infatti, erano stati inizialmente destinati all’Assegno di disoccupazione (ASDI), ma nella prospettiva di integrare le diverse misure in essere è stato deciso di accorparli alle risorse già stanziate per il fondo povertà. Il disegno di legge delega attualmente in discussione al Senato prevede infatti l’assorbimento delle prestazioni di natura assistenziale finalizzate al contrasto alla povertà in un’unica misura nazionale. La sperimentazione dell’ASDI proseguirà comunque, ma con risorse ridotte.

Una buona notizia dunque? Diciamo che avrebbe potuto essere migliore dato che l’incremento di 500 milioni annunciato nei giorni scorsi dal Ministro Poletti, che avrebbe dovuto aggiungersi alle risorse disponibili a legislazione vigente, è stato invece posticipato al 2018.

 

 


Il disegno di legge delega per il contrasto alla povertà: stato dell’arte e prospettive

Sostegno per l’Inclusione Attiva: a che punto siamo?

Alleanza contro la povertà: è ora di completare la riforma

Rapporto Caritas 2016: giovani e migranti sono le questioni più urgenti per l'Italia

La condizione sociale peggiora ancora: in Italia 4,6 milioni di persone in povertà assoluta

Reddito d'Inclusione Sociale: il volume che spiega le proposte dell'Alleanza contro la povertà