PARTI SOCIALI /
Politica, democrazia e attivismo: quale ruolo nella società del rischio?
Se ne parlerà dal 16 al 18 ottobre a Bologna al Festival della Partecipazione. Per la prima volta l'evento avrà una forma ibrida e potrà essere seguito interamente online.
13 ottobre 2020

Venerdì 16 ottobre inizia la quinta edizione del Festival della Partecipazione: tre giorni di laboratori, conferenze, dibattiti, momenti aggregativi e artistici per immaginare nuove forme di politica, democrazia partecipativa e attivismo civico. Promosso da ActionAid Italia, Cittadinanzattiva, Legambiente e UISP, in collaborazione con Slow Food e la Fondazione per l’Innovazione Urbana, e con il contributo del Comune di Bologna e della Regione Emilia-Romagna, il Festival è uno spazio inclusivo e aperto che intende contribuire alla trasformazione del Paese attraverso il ruolo attivo dei cittadini e la tutela dei loro diritti. Quest’anno, per la prima volta, l'evento si svolgerà in una forma ibrida che prevede la completa fruizione del Festival in digitale, con alcuni eventi completamente online mentre altri si svolgeranno in streaming e in presenza.


Gli effetti del Coronavirus al centro dell'attenzione

A fare da traccia al Festival 2020 c'è il tema “La Partecipazione nella società del rischio”. L’emergenza Coronavirus, spiegano i promotori, ha reso evidente che viviamo in società diverse da quelle che molti raccontano. Sono società nelle quali aumentano i rischi e le diseguaglianze e nello stesso tempo diminuisce la capacità degli Stati di fronteggiarli garantendo sicurezza e parità di condizioni ai cittadini, mentre il mercato crea più problemi che soluzioni e il mondo della scienza e della tecnica spesso non offre le attese certezze. Eppure le molteplici forme di attivismo civico di questi ultimi mesi hanno costituito una potente quanto scarsamente considerata infrastruttura democratica, che ha garantito informazione, soccorso e assistenza non solo materiali, costruzione e ricostruzione di legami sociali, voce e tutela di soggetti abbandonati, richiamo alla realtà delle istituzioni, supporto a operatori e lavoratori.

Per questo sarà la comunità bolognese ed emiliana, e i tanti cittadini attivi da ogni parte d’Italia e d’Europa, a trovare risposte innovative divenendo protagonisti di tavole rotonde, incontri online, lectio magistralis e percorsi partecipati. Il Festival è quindi il luogo in cui vengono esercitati poteri, responsabilità e diritti: il potere di narrare come sono andate le cose, la responsabilità di ridefinire che cos’è e a che cosa serve la partecipazione dei cittadini, il diritto di concorrere a indicare una strada per il futuro che investa l’ambiente, le condizioni di lavoro, gli spazi privati e quelli pubblici, le regole di convivenza, il sistema dei servizi essenziali, l’uso della trasformazione digitale, la comunicazione.


Il programma della tre giorni

Si inizia venerdì 16 ottobre alle 15 con l’evento online “Scuole e territori: impariamo dal lockdown”, forum di confronto e scambio di esperienze tra diversi soggetti che, in assenza di una risposta istituzionale dedicata, si sono mobilitati per dare risposte concrete ai bisogni di bambini, bambine e adolescenti. Tra gli eventi da segnalare: quello dedicato al ruolo delle donne nella gestione della pandemia tra decreti e partecipazione con Laura Menicucci, direttrice generale del Dipartimento per le Pari Opportunità; quello sulle reti civiche e di mutuo aiuto nella gestione dell’emergenza, che vedrà la realizzazione di workshop da parte dei rappresentanti dei progetti nazionali e locali mappati tra organizzazioni e associazioni allo scopo di comprendere come garantire la partecipazione democratica nelle situazioni di emergenza e riflettere su quanto è accaduto durante le mobilitazioni delle realtà civiche diffuse nel territorio nazionale; e inoltre il tema della sanità e dei malati ordinari con PierPaolo Sileri, Vice ministro alla Salute e Francesca Puglisi, sottosegretaria al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, offrirà lo spunto per riflettere su come organizzare i servizi socio-sanitari in modo da coinvolgere tutti gli attori della comunità.

Sabato 17 ottobre i temi della crisi climatica e del rapporto tra emergenze e democrazia saranno affrontati in due eventi rispettivamente dalle ore 15.00 e alle 18.30. Due saranno i panel online dedicati a “Le sfide globali di fronte alle quali ci pone la crisi climatica” e “Temi e conflitti dai territori per un cambiamento europeo e nazionale: partecipiamo al cambiamento!” in cui si alterneranno rappresentanti internazionali - dalla Bolivia, Zimbabwe e Giappone - e nazionali - da Emilia-Romagna, Veneto e Basilicata - di associazioni, organizzazioni e movimenti impegnati nella lotta al cambiamento climatico. Nell’evento “Emergenze e democrazia: il rapporto tra superamento della crisi e fiducia nel potere politico” ci si interrogherà sugli effetti che l’emergenza Covid-19 ha avuto e avrà sul potere e i meccanismi di scelta democratici, con particolare focus sulle elezioni comunali e regionali in Italia, le presidenziali negli Stati Uniti e le elezioni del 2021 in Germania. Tra i partecipanti: Alberto Fernando Gibaja, ricercatore del Centro di Ricerca IDEA, Elly Schlein, Vice presidente della Regione Emilia-Romagna, e Jasmine Cristallo, attivista dell’Associazione 6000 Sardine.

La giornata conclusiva di domenica 18 ottobre si concentrerà sui nodi della scuola e della filiera alimentare. Alle 10 Anna Ascani, Vice ministra dell’Istruzione, e Vittoria Casa, Presidente VII Commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera dei Deputati, parteciperanno all’evento “Riparte la scuola, se cambia. La sfida dei patti educativi territoriali” che vedrà un confronto politico sulle sfide del futuro della scuola e dell’istruzione, sui necessari investimenti e sul ruolo del Terzo Settore nell’ambito dei patti educativi territoriali. Alle 12 sarà la volta di “La doppia crisi delle e degli invisibili: le distorsioni della filiera alimentare ai tempi di Covid-19” in cui ci si interrogherà sul rapporto tra partecipazione e filiera agroalimentare: la partecipazione dei lavoratori e delle lavoratrici, delle associazioni e dei consumatori può rendere equa la filiera agroalimentare? L’evento conclusivo dalle 18 sarà l’occasione di un dibattito a cura delle organizzazioni promotrici del Festival sul tema “Follow the money”, con l’obiettivo di mobilitare le organizzazioni civiche di ogni tipo e scala di operatività, ma anche i media e i più diversi attori della società civile per “adottare” e monitorare l’implementazione di una delle opere o dei progetti che verranno finanziati dal Recovery Fund.

Il programma culturale sarà animato ogni sera da teatro e musica: si parte con la copertina artistica di Maura Gancitano e Andrea Colamedici, Tlon, che apriranno la serata lasciando poi spazio a una performance di teatro e musica degli Oblivion Live con “Cinque contro tutti” in Piazza del Nettuno. Sabato sarà la volta del doppio spettacolo - pomeridiano e serale - di Ottavia Piccolo "Donna non rieducabile" sugli scritti di Anna Politkovskaja al LabOratorio San Filippo Neri. Il Festival si chiuderà con la copertina artistica di Claudia De Lillo, in arte Elasti e da una performance di rap e parole di Frankie hi-nrg. Per tutta la durata del Festival in Piazza Umberto Eco sarà possibile visionare in anteprima la mostra del fotografo Colin Dutton realizzata in collaborazione con il Festival Cortona On The Move nell’ambito del progetto “The COVID-19 Visual Project. A Time of Distance”, un racconto corale della pandemia e del modo in cui questa ha influenzato le nostre vite.

Per il secondo anno il Festival promuove la Masterclass #ioPartecipo come momento di apprendimento e formazione dedicato a 100 giovani tra i 16 e i 26 anni. Dalla prima edizione 10 giovani partecipanti hanno raccolto la sfida di essere coach e, attraverso incontri di formazione e co-progettazione, hanno individuato i temi e contribuito alla definizione dell’edizione 2020 che si svolgerà dal 24 ottobre al 30 novembre a L’Aquila e su Zoom.


Le ragioni della manifestazione

Marco de Ponte, Segretario Generale di ActionAid Italia, ha voluto sottolineare come “ActionAid ha fortemente voluto che la quinta edizione del Festival della Partecipazione non fosse rimandata a tempi meno incerti, ma che vedesse la luce proprio in questo 2020, l’anno apparentemente meno adatto per l’organizzazione di momenti e forme di aggregazione sociale. La partecipazione per ActionAid rappresenta il cardine fondante della propria metodologia di intervento e precondizione e valore aggiunto per garantire a tutte le cittadine e i cittadini una democrazia di qualità. Proprio nell’anno in cui si è reso evidente che viviamo in una società del rischio, dove la diseguaglianza aumenta di pari passo alla diminuzione delle capacità dello Stato di mettere tutti in sicurezza garantendo pari condizioni e pari diritti, il Festival della Partecipazione può essere il luogo in cui vengono esercitati poteri, responsabilità e diritti di cittadine e cittadini resilienti, consapevoli e responsabili che possano tracciare una strada per il futuro. Forti di questa convinzione" ha concluso De Ponte "ActionAid e gli altri partner del Festival hanno quindi non solo confermato il loro impegno per mettere in piedi il Festival, ma hanno deciso di rilanciarlo in un nuovo territorio e con forme innovative, in grado di garantirne la fruizione al di là della partecipazione fisica in un luogo preciso”. 

“Partecipazione, solidarietà, cittadinanza attiva. Mai come in questo periodo difficile che il Paese e il resto del mondo stanno vivendo, queste tre parole e azioni sono state così importanti e particolarmente sentite dai cittadini, che in prima persona, rispettando le regole anti-Covid, si sono rimboccati le maniche mettendosi al servizio del prossimo e della comunità" ha invece dichiarato Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente. "Lo abbiamo visto e vissuto nei mei mesi più difficili dell’emergenza Coronavirus, ma anche in quelli post lockdown con tantissime persone e volontari che hanno fatto rete per aiutare la comunità senza fermarsi mai. Lo abbiamo visto anche qualche settimane fa con la nostra storica campagna “Puliamo il Mondo” e con “Puliamo il mondo dai pregiudizi”, alle quali in tantissimi hanno voluto partecipare per lanciare insieme a noi un messaggio di speranza e di futuro sostenibile al Paese. Siamo convinti che il Festival della partecipazione possa dare e portare un contributo importante al Paese proprio attraverso la chiave dell’attivismo civico”.
 
“Oggi, in un mondo dominato dall'incertezza, con ancora più forza e convinzione Slow Food crede che per avviare un effettivo e concreto cambiamento si debbano unire le forze e creare sinergie. È il momento della partecipazione vera, attiva, organizzata, è il momento di disegnare un futuro in cui conversione ecologica, sostenibilità, protezione dell’ambiente, istruzione di qualità per tutti, benessere e rispetto delle persone siano la normalità e non il sogno di pochi” sostiene Raffaella Donati, Consigliere nazionale di Slow Food ItaliaAnna Lisa Mandorino, vice segretario generale di Cittadinanzattiva, ha infine ricordato che “l’emergenza sanitaria ha fatto emergere, una volta di più, la necessità della partecipazione dei cittadini nelle scelte e nelle politiche pubbliche: sia nella forma dell’attivismo civico; sia nella forma del coinvolgimento dei cittadini nelle decisioni e nella programmazione delle istituzioni. E va loro garantita una partecipazione di qualità: che sia inclusiva, che ceda loro potere, che sia orientata al cambiamento della realtà, che sia accountable”.
 


L'Italia riparta dai Corpi Intermedi

Buone pratiche contro la pandemia: per estendere i benefici occorrono le reti

Istat: il non profit continua a crescere