PARTI SOCIALI / Associazioni datoriali
A Genova arriva il ''Maggiordomo di quartiere''
Confindustria e Confesercenti, grazie a un programma finanziato dalla Regione Liguria, hanno sviluppato un nuovo servizio per favorire la conciliazione vita-lavoro di chi vive e lavora in via Luccoli
11 luglio 2019

Da qualche giorno ha preso il via a Genova un progetto innovativo per il territorio: si tratta di un servizio di "Maggiordomo di quartiere" che sarà a disposizione di lavoratori e cittadini per commissioni, consegne, piccole manutenzioni e "cortesie di vicinato". Al momento l’iniziativa - promossa dagli assessorati alle Pari Opportunità e alle Politiche Sociale di Regione Liguria e sostenuta da Confindustria e Confesercenti con la collaborazione del Comune di Genova - è destinata ad un'area limitata della città ligure; non è escluso però che per il prossimo futuro il servizio venga potenziato e ampliato.


Cosa fa il Maggiordomo di quartiere

In concreto, il Maggiordomo di quartiere si occuperà di svolgere piccole attività quotidiane come, ad esempio, il ricevimento di pacchi e posta la successiva consegna ai destinatari, il pagamento di bollettini, il monitoraggio degli anziani, il ritiro delle ricette, la consegna dei farmaci, le piccole manutenzioni domestiche, il monitoraggio di case e di uffici durante le vacanze, la cura di piante o piccoli animali domestici, la diffusione di informazioni sulla vita di quartiere - offerte, feste, eventi - o l’aiuto per trovare badanti, colf e babysitter.

Al momento il servizio è fruibile da esercenti, lavoratori e residenti in via Luccoli, nel centro storico di Genova, che potranno quindi contare sull’aiuto di due persone che, dal lunedì al sabato, dalle 8 alle 18, si alterneranno presso il chiostro della locale edicola di quartiere.

Il servizio, disegnato da Confesercenti Genova, fa parte del progetto regionale "Dal welfare aziendale al welfare territoriale" finanziato da Regione Liguria tramite risorse del Dipartimento nazionale per le Pari Opportunità e realizzato con la progettazione operativa di Confindustria Liguria allo scopo di dati vita ad iniziative volte a favorire la conciliazione vita-lavoro. L’obiettivo è infatti quello di sostenere i lavoratori nell’agevolare l’armonizzazione dei tempi, fornendo un sostegno concreto al disbrigo delle pratiche quotidiane.

Proprio a questo riguardo, l’assessore di Regione Liguria, Sonia Viale, ha dichiarato al quotidiano IlSecoloXIX: "Sono convinta che questa piccola sperimentazione è la strada giusta per rispondere ai bisogni delle persone che sono impegnate in micro attività commerciali, artigianali, professionali e che abitano in questo quartiere. È proprio in questa dimensione che si devono integrare e coinvolgere nel percorso gli enti locali del territorio, i servizi sociosanitari, le farmacie, il Terzo Settore per migliorare l'ascolto delle esigenze dei cittadini, favorendo nuove strade per interventi comuni. Un modo nuovo di rispondere alle sfide del nostro tempo, per il benessere della comunità: lavoratori, famiglie e tanti anziani che popolano questo quartiere”.


Per maggiori informazioni in merito al progetto

 


Una sfida quotidiana, un equilibrio instabile. La conciliazione famiglia-lavoro per le imprenditrici del terziario in provincia di Varese

Essere genitori: un'occasione di crescita (anche) per il lavoro

Il Parlamento europeo ha approvato la direttiva sul work-life balance

La proposta di CGM per un nuovo modello che integri welfare pubblico, territoriale e aziendale

Qualità dei servizi di welfare aziendale: predisposta la prima Prassi UNI

Welfare aziendale, flessibilità e 3.000 euro di premio annuo: nuovo accordo in casa Luxottica