Cisl Lombardia: utilizzare i Fondi europei per finanziare politiche di sostegno alla famiglia
Secondo Cisl Lombardia, la Regione potrebbe utilizzare le risorse della Programmazione sociale europea (POR FSE e POR FESR) già assegnate ma non ancora utilizzate per finanziare una serie di interventi per il sostegno alle famiglie e all'infanzia. Tra le iniziative che sarebbe necessario sostenere secondo il sindacato ci sono: la riduzione dei costi dei centri estivi, il sostegno alla didattica a distanza e il rafforzamento del sistema di integrazione 0/6 anni.
 
Tutti i limiti dello smart working durante il lockdown
Dal momento in cui è iniziata l’emergenza sanitaria si stima che circa 8 milioni di persone nel nostro Paese abbiano lavorato da casa in modalità "smart". I molti vincoli dettati dalla situazione e la scarsa preparazione di imprese e lavoratori non ci permettono però di parlare di vero e proprio lavoro agile. Ve ne parliamo in questo contributo riprendendo i dati ricavati da un'indagine di Cgil e Fondazione di Vittorio.
 
Bilateralità e Coronavirus, ecco come evitare il rischio “USO”
Parafrasando Jacques Delors, che definì l’Unione Europea un UPO, cioè un Unidentified Political Object (un oggetto politico non identificato), si potrebbe dire che molto più in piccolo gli Enti Bilaterali italiani troppo spesso corrono il rischio di essere dei semplici USO, degli “oggetti sociali non identificati”. Non è questo il caso dell’Ente Bilaterale Veneto Friuli-Venezia Giulia, che si è mosso per mettere in campo risposte adeguate alla crisi in atto. Ne abbiamo parlato con Marco Palazzo, Direttore dell’EBVF.
 
Fondo WILA, le misure contro l’emergenza Covid-19
Il fondo bilaterale di assistenza socio-sanitaria degli artigiani lombardi, costituito da Confartigianato Imprese, CNA, Casartigiani, CLAAI, CGIL, CISL e UIL, lancia la campagna “We love Lombardia”. Un'iniziativa che mette a disposizione dei lavoratori artigiani diverse prestazioni per affrontare questo momento di difficoltà. Luca Cigna ci racconta nel dettaglio quali sono le misure adottate da WILA.
 
Sostegno alla famiglia, diritto allo studio e lavoro: le proposte di Cisl Lombardia per la fase 2
La riapertura delle scuole, le difficoltà a garantire a tutti il diritto allo studio, i rischi connessi al possibile aumento della povertà e delle disuguaglianze, la garanzia di condizioni di lavoro sicure. Sono solo alcune delle questioni che con il progressivo allentamento delle misure di lockdown appaiono sempre più urgenti. Ne abbiamo parlato con Paola Gilardoni, Segretaria regionale di Cisl Lombardia.
 
L'Italia riparta dai Corpi Intermedi
Alcuni dicono che è nei momenti di crisi, nelle difficoltà, che vengono fuori le idee migliori, le innovazioni più coraggiose. Certamente è proprio in questo periodo che si è resa evidente l’Italia migliore: quella fatta di tanti piccoli e grandi gesti spontanei di solidarietà. Un misto di generosità e di creatività, di orgoglio e di ingegno che è diventato capace di rispondere, nella sanità come nel welfare, a nuovi problemi, con nuove soluzioni.
 
Emergenza Coronavirus, Confartigianato dona 20 respiratori pressometrici ai reparti di terapia intensiva
ANCoS, l'Associazione del Sistema Confartigianato che si occupa di progetti solidali, ha deciso di donare 20 ventilatori polmonari pressometrici a strutture ospedaliere italiane impegnate in prima linea nell’assistenza ai pazienti colpiti da Coronavirus. I primi respiratori sono stati consegnati all’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e all’Ospedale Luigi Sacco di Milano.
 
Emergenza Coronavirus, sindacati e associazioni datoriali firmano un accordo per garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro
Cgil, Cisl, Uil Confindustria e Confapi, su invito del Governo, hanno sottoscritto un accordo per consentire ai lavoratori e alle imprese di proseguire - ove possibile - l'attività lavorativa in condizioni di sicurezza. Il protocollo permetterà inoltre alle aziende di tutti i settori di far ricorso agli ammortizzatori sociali in caso di stop alla produzione per evitare il diffondersi del contagio.
 
Accordo tra cooperative e sindacati per fronteggiare l'emergenza Coronavirus
In Lombardia, le sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil, insieme a Confcooperative e Legacoop hanno sottoscritto un accordo allo scopo di tutelare le imprese sociali e i loro lavoratori in crisi per l'emergenza sanitaria legata al diffondersi del Coronavirus. L'intesa garantisce alle realtà cooperative di tutti i settori la possibilità di accesso agli ammortizzatori sociali. Si tratta di un provvedimento importante perché al momento si stima una perdita per le imprese cooperative di oltre 7 milioni di euro al giorno.
 
Coronavirus, a Milano le parti sociali firmano un accordo regionale per gestire l'emergenza
Lo scorso 28 febbraio le principali sigle sindacali e datoriali attive nel territorio lombardo hanno sottoscritto un accordo territoriale allo scopo di mitigare gli impatti economici derivanti dall'emergenza sanitaria Coronavirus. L'intesa riserva particolare attenzione agli ammortizzatori sociali e alle iniziative di smart working. Le parti si propongono infatti di favorire la diffusione del lavoro agile.
 
Lombardia: parte una raccolta firma per una legge regionale sui caregiver
#IoSonoCaregiver è una campagna di raccolta firme volta a promuovere una proposta di legge regionale di iniziativa popolare sull'assistenza ai familiari malati. La legge vuole introdurre norme per il riconoscimento e il sostegno dei caregivers, le persone che si prendono cura di un parente affetto da malattie gravi e spesso non autosufficiente. Ecco come sostenere e aderire alla campagna.
 
CNA Piemonte: continuano gli appuntamenti per promuovere il welfare aziendale territoriale
Prosegue il progetto "Welfare aziendale e territoriale a misura di artigiani, micro e piccole imprese", promosso da CNA Piemonte attraverso il bando regionale WeCaRe, Welfare Cantiere Regionale. Lo scorso 19 novembre si è tenuto uno degli eventi informativi a Novara, in cui era presente anche l'ex-assessore Augusto Ferrari. Gli incontri ricominceranno a dicembre: ecco dove e quanto.
 
Contrattazione sociale di prossimità, quasi la metà delle intese è sottoscritta in Lombardia
La contrattazione sociale di prossimità è un fenomeno che fa riferimento a quell'insieme di accordi realizzati su base locale da istituzioni, sindacati e associazioni territoriali e finalizzati a fornire risposte innovative alle problematiche sociali di uno specifico contesto. Recentemente Fnp Cisl Lombardia ha pubblicato un report in cui sono analizzati dati interessanti riguardanti la Regione Lombardia, che da sola conta quasi la metà degli accordi di prossimità.
 
A Milano le parti sociali firmano un accordo per promuovere la cultura della partecipazione dei lavoratori in azienda
Assolombarda e Cgil, Cisl e Uil del territorio milanese hanno sottoscritto un accordo volto a promuovere la cultura della partecipazione dei lavoratori all'interno della vita aziendale. L'obiettivo è quello di rispondere alle esigenze portate dall'innovazione tecnologica, favorendo allo stesso tempo la diffusione di pratiche e azioni di welfare aziendale e conciliazione vita-lavoro.
 
La proposta di Acli per promuovere l'occupazione
Negli ultimi anni il sistema delle Acli ha avviato numerose azioni allo scopo di promuovere l’occupazione e fornire un sostegno a coloro che si trovano senza lavoro. Tali progetti, attivati grazie all'Enaip, al Patronato e su iniziativa delle sedi territoriali, hanno fornito risposte interessanti sul piano della formazione, l'orientamento e l'incontro tra domanda e offerta di lavoro. Ce ne parla Valentino Santoni.
 
In Lombardia il welfare "salva" poliziotti e vigili del fuoco
In un interessante articolo uscito in "La Nuvola del Lavoro", all'interno del sito del Corriere della Sera, si parla di un accordo sindacale sottoscritto da FNS Cisl Lombardia e Amica Card che garantisce a agenti di polizia penitenziaria e vigili del fuoco di accedere a servizi integrativi di welfare aziendale, fino ad un massimo di 3.000 euro annui | Barbara D'Amico, Corriere della Sera, 29 ottobre 2019
 
Va avanti il progetto che vuole promuovere il welfare occupazionale a livello europeo
Un gruppo di sindacati di 8 Paesi ha avviato un progetto comune per comprendere la diffusione e le caratteristiche delle politiche di welfare aziendale nelle differenti Nazioni. L'obiettivo è cercare di ridurre le differenze tra i lavoratori e garantire una sempre maggiore uniformità di trattamento in materia di welfare contrattuale. A questo scopo è stata promossa una survey, di cui vi presentiamo i risultati preliminari.
 
Ascom Confcommercio Torino, ecco il welfare per le piccole imprese
Attraverso il bando WeCaRe, promosso da Regione Piemonte, Ascom Confcommercio Torino ha promosso un progetto per formare ed informare i piccoli imprenditori del territorio torinese sul tema del welfare aziendale. L'obiettivo è infatti quello di consentire l'accesso a queste prestazioni anche alle piccole e micro imprese che, per svariate ragioni, oggi riscontrano difficoltà di diversa natura.
 
CNA Piemonte sostiene le micro imprese che vogliono investire nel welfare
È partito il progetto "Welfare aziendale e territoriale a misura di artigiani, micro e piccole imprese" di CNA Piemonte per realizzare interventi volti a sensibilizzare le piccole realtà imprenditoriali sull'importanza del welfare occupazionale e territoriale. L'iniziativa, in cui sarà convolto anche il nostro Laboratorio attraverso la predisposizione di incontri, seminari e materiali informativi, scaturisce dal bando sul welfare aziendale previsto dalla strategia regionale WeCaRe.
 
Rappresentanza sindacale, firmato un accordo per contrastare il dumping contrattuale
Le sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil, insieme a Confindustria, Inps e Ispettorato Nazionale del Lavoro, hanno sottoscritto un'intesa per definire una strategia comune volta alla misurazione e alla certificazione della rappresentanza sindacale. L’accordo è finalizzato a contrastare il fenomeno del cosiddetto dumping contrattuale, cioè la proliferazione di contratti firmati da organizzazioni prive di rappresentanza.
 

 
Pagina 1 2 3 4 5 6