INNOVACARE /
Co-abitare nella terza età: nuovi investimenti nei ''Senior Serviced Residence''
Il Gruppo Aegide Domitys avvia il suo primo progetto di co-housing in Italia per promuovere l'invecchiamento attivo
16 dicembre 2019

Il Gruppo Aegide Domitys, società francese che offre soluzioni abitative che integrano servizi per la terza età, fa il suo ingresso nel mercato italiano con il suo primo “Senior Serviced Residence” d’Italia, una struttura pensata per rispondere alle esigenze degli anziani che vogliono godersi la terza età, in piena libertà e con la garanzia di una vita sociale attiva. Un modello dunque sensibilmente differente da una classica RSA e che risponde a una domanda in crescita, quella dei senior autosufficienti che non necessitano di accudimento medico. Comfort e indipendenza sono le chiavi delle soluzioni abitative proposte, appartamenti appositamente adattati e completamente attrezzati, di varie dimensioni. Numerosi spazi condivisi - reception, bar, piscina, palestra, ristorante, beauty center, sala riunioni - sono sempre a disposizione dei residenti, che possono scegliere di iscriversi anche a servizi aggiuntivi e di partecipare ad eventi e attività organizzati all’interno e all’esterno delle strutture Domitys. Il tutto, in totale sicurezza e con il supporto di uno staff qualificato e disponibile 24/7.

Un’alternativa tra la completa autonomia delle residenze private e l’assistenza continua delle residenze sanitarie assistenziali, per coprire uno spazio del mercato italiano rimasto sinora inoccupato e dal grande potenziale; basti pensare che in Europa gli investimenti nel settore del Senior Housing hanno superato i 4 miliardi di euro, di cui nemmeno il 2% in Italia.

Un nuovo modo di vivere già affermato negli Stati Uniti e che negli ultimi anni si è fatto strada anche in Europa, sospinto dai dati demografici che vedono nell’invecchiamento della popolazione un trend che non accenna a rallentare. Secondo le rilevazioni dell’agenzia Eurostat, entro il 2070 in Europa è previsto un incremento della popolazione over 65, rispetto a quelle di età compresa tra i 15 e i 64 anni, dal 10% fino al 52%. In particolare, mentre le fasce più giovani della popolazione sono in calo, in Italia il numero di over 65 è cresciuto di oltre 139mila unità tra il 2018 e il 2019, superando i 13,7 milioni di individui (rapporto Censis su dati Istat 2019). Un numero che, nel secondo paese al mondo per longevità dopo il Giappone, è destinato ad aumentare: si stima infatti che in Italia gli over 65 rappresenteranno il 33,5% della popolazione entro il 2045, contro l’attuale 22.8%.

"Il nostro è un progetto ambizioso e diverso da tutti gli altri, dedicato a chi vuole mantenere una vita indipendente e attiva. Il meglio di due mondi: da un lato l’intimità del proprio appartamento e, dall'altro, le aree dei servizi e una squadra disponibili in ogni momento" spiega Fabio Massimo Ragusa, Director Business Unit Italy Gruppo Aegide Domitys, che dirigerà la prima struttura Domitys d’Italia, attualmente in costruzione a Bergamo.

 


Cohousing: una soluzione anche per gli anziani?

Per un nuovo modello dell'abitare: Milano 2035 si presenta alla città

La condizione abitativa in Europa: pubblicato il Rapporto 2019

Casa: al via il Comitato Nazionale per l'Housing Sociale

Senior cohousing in Trentino: l'esperienza di Casa alla Vela

Social housing, negli ultimi dieci anni investiti 1,5 miliardi