GOVERNI LOCALI / Regioni
Da Regione Lombardia un Avviso pubblico per la promozione dello smart working nelle aziende
Grazie al Fondo Sociale Europeo sono stati stanziati 4,5 milioni di euro. Le imprese potranno presentare domanda dal 2 aprile 2020 fino al 15 dicembre 2021.
10 marzo 2020

Regione Lombardia promuove un Avviso pubblico allo scopo di promuovere iniziative di smart working nelle imprese lombarde. Come è possibile leggere dal bando, lo scopo è quello di consentire "una maggiore flessibilità per quanto riguarda il luogo e i tempi di lavoro" e "incrementare la produttività e aumentare il benessere di lavoratori e lavoratrici".

L’Avviso è rivolto ai datori di lavoro, iscritti alla Camera di Commercio o in possesso di partita IVA, con almeno 3 dipendenti ed è finalizzato a sostenere due tipologie di azioni:

  • servizi di consulenza e formazione finalizzati all’adozione di un piano di smart working con relativo accordo aziendale o regolamento aziendale approvato e pubblicizzato nella bacheca e nella intranet aziendale;
  • acquisto di “strumenti tecnologici” per l’attuazione del piano di smart working.

L'iniziativa - per la quale saranno stanziati 4,5 milioni di euro - è finanziata attraverso le risorse del Fondo Sociale Europeo, e in particolare grazie al POR FSE 2014-2020 – ASSE I “Occupazione”. Le domande potranno essere presentate a partire dal 2 aprile 2020 fino al 15 dicembre 2021.

Per qualsiasi chiarimento o informazione in merito all'Avviso è possibile scrivere alla casella di posta elettronica smartworking@regione.lombardia.it; per assistenza tecnica è invece possibile scrivere all'indirizzo bandi@regione.lombardia.it o contattare il numero verde 800.131.151.


Per consultare l'Avviso pubblico di Regione Lombardia e scaricare il bando

 


Istat, il 53% delle imprese ha adottato almeno una misura per il sostegno della genitorialità e della conciliazione vita-lavoro

Smart working e flessibilità: ecco l'app che trasforma la caffetteria in ufficio

Responsabilità di cura: il 35% degli italiani deve fare i conti con una situazione sempre più complessa

La flessibilità non basta: verso uno Smart Working 2.0

Lo smart working nelle università

Smart working nella Pubblica Amministrazione: conosciamo il progetto VeLA