Il Consiglio per le Pari Opportunità di Regione Lombardia premia le buone pratiche nel campo della conciliazione vita-lavoro
Il Consiglio per le Pari Opportunità di Regione Lombardia ha istituito un premio allo scopo di valorizzare le associazioni imprenditoriali, sindacali e le singole imprese che hanno dato vita ad azioni e misure nel campo del welfare aziendale e della conciliazione vita-lavoro. Il premio si chiama "Parità virtuosa. Buone pratiche di conciliazione Vita-Lavoro in Lombardia" e c'è tempo fino al 18 ottobre per partecipare. Ecco come.
 
La Regione Puglia finanzia le imprese che sperimentano la certificazione ''Family Audit''
Dallo scorso agosto la Regione Puglia ha reso pubblico l'Avviso per la "Sperimentazione dello standard Family Audit". Il bando è destinato alle imprese private operanti nel territorio regionale interessate a promuovere al loro interno un modello organizzativo ispirato a un maggior equilibrio fra vita lavorativa e vita privata, in un'ottica di welfare aziendale e innovazione organizzativa. Gli interessati potranno partecipare entro il 30 ottobre.
 
Dalla Regione Emilia-Romagna 1 milione di euro per l'occupazione femminile e la conciliazione famiglia-lavoro
Nei giorni scorsi è stato pubblicato un bando dalla Regione Emilia-Romagna che si propone di promuovere l'accesso delle donne nel mondo produttivo e sviluppare percorsi di carriere femminili anche attraverso progetti di welfare aziendale e azioni volte a favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. In totale la Giunta ha stanziato 1 milione di euro. Gli interessati hanno tempo fino al 20 settembre per presentare i propri progetti.
 
La Regione Emilia-Romagna lancia la quinta edizione del Premio Innovatori Responsabili
Innovatori Responsabili è il premio con cui la Regione Emilia-Romagna valorizza le iniziative che concorrono all’attuazione degli obiettivi dell’Agenda 2030 dell'ONU. Il premio si rivolge alle realtà più innovative che stanno investendo nella propria organizzazione per produrre prodotti e servizi capaci di coniugare competitività e sostenibilità. Per partecipare alla quinta edizione è possibile presentare le candidature dal 21 maggio al 28 giugno 2019.
 
In Lombardia alcune imprese agricole fanno rete per promuovere welfare e conciliazione vita-lavoro
Qualche tempo fa vi abbiamo parlato del progetto E-Net: Equilibrio vita-lavoro in RETE. L'iniziativa, promossa nell'ambito del Piano territoriale di conciliazione di ATS Milano, si propone di sostenere iniziative di welfare aziendale e di work-life balance negli ambiti territoriali dell'Altomilanese. In questo articolo vi raccontiamo nel dettaglio le misure realizzate da una rete di imprese appartenenti al settore agricolo.
 
Welfare aziendale: il Piemonte sostiene le reti territoriali con un nuovo bando
La Regione Piemonte ha pubblicato il sesto e ultimo bando di WeCaRe, la strategia regionale per l'innovazione sociale. Il bando promuoverà la progettazione e l'attivazione di interventi di welfare aziendale con particolare riguardo verso iniziative inter-aziendali e di apertura verso i territori. Elisabetta Cibinel ci racconta gli elementi principali del bando, che resterà aperto fino al 13 settembre.
 
I diritti delle persone con disabilità: la Regione Piemonte approva una nuova legge
In Piemonte è entrata in vigore una nuova Legge sulla "Promozione delle politiche a favore dei diritti delle persone con disabilità". La norma trasferisce nel contesto regionale i principi essenziali in materia, stabiliti dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità del 2006, e intende promuovere azioni, politiche e strategie comunicative sempre più inclusive e attente allo sviluppo di capacità e opportunità delle persone con disabilità.
 
Disabilità, in Emilia Romagna oltre 1.000 interventi e 860 beneficiari per il "Dopo di noi"
Sono in tutto 1.064 gli interventi realizzati in Emilia Romagna nell'ambito della cosiddetta Legge per il "Dopo di noi". Ne hanno beneficiato circa 860 persone con gravi disabilità (468 uomini e 392 donne, prevalentemente tra 36 e 45 anni di età). Per ognuno di loro sono stati predisposti dei progetti personalizzati di autonomia e inclusione, allo scopo di assicurare alle persone con non autosufficienti prive del sostegno familiare la necessaria assistenza per una vita dignitosa.
 
Al via un Protocollo d'intesa interregionale per sostenere l'innovazione delle politiche sociali
Lo scorso 23 gennaio, nel corso del "Forum sull'innovazione sociale" tenutosi a Torino, sei Regioni italiane - Piemonte, Toscana, Molise, Calabria, Puglia, Sardegna - e la Provincia autonoma di Trento hanno lanciato un protocollo d'intesa finalizzato a sostenere l'innovazione delle politiche sociali territoriali. Il convegno è stato inoltre un'occasione per presentare alcune strategie locali per l'innovazione sociale. Ve ne parliamo in questo approfondimento.
 
Le attività dei Piani Territoriali di Conciliazione lombardi 2017-2018 prorogate fino a gennaio 2020
Lo scorso dicembre, la Giunta di Regione Lombardia ha stabilito di prorogare la conclusione dei Piani Territoriali di Conciliazione relativi al biennio 2017-2018 al 15 gennaio 2020, un anno dopo i termini previsti, stanziando un milione di euro aggiuntivo che consenta un ulteriore sviluppo e la conclusione delle progettualità in corso.
 
Il Piemonte punta sul welfare aziendale e territoriale per rilanciare l'innovazione sociale
Nel mese di novembre sono stati pubblicati altri due bandi relativi alla strategia WeCaRe, che si propone di stimolare l'innovazione sociale in Piemonte. Attraverso questi interventi saranno finanziati progetti che mirano a fare informazione, formazione e aggregazione tra domanda e offerta in materia di welfare aziendale. Nei prossimi mesi sarà pubblicato un terzo bando con cui la Regione si impegna a sostenere la creazione di piani di welfare aziendale.
 
Innovazione sociale in Piemonte: due nuovi bandi promossi all'interno della strategia WeCaRe
"WeCaRe - Welfare Cantiere Regionale" è un ambizioso progetto della Regione Piemonte che si propone di attivare e sostenere gli attori locali nella sperimentazioni di azioni innovative in materia di welfare territoriale. In particolare, l'obiettivo è proporre una nuova concezione delle politiche sociali come motore di sviluppo locale. Nei giorni scorsi sono stati pubblicati due dei quattro bandi previsti dalla strategia. Elisabetta Cibinel ce ne parla in questo approfondimento.
 
Welfare: in arrivo per le Regioni più di 723 milioni
Via libera ai riparti del fondo nazionale politiche sociali 2018 (266,7 milioni), del fondo per le non autosufficienze 2018 (447,2 milioni), del fondo per le politiche della famiglia 2018 (4,4 milioni) e delle risorse per interventi per coloro che - a causa di un provvedimento giudiziario - al compimento della maggiore età, vivono fuori dalla famiglia (5 milioni ogni anno, triennio 2018-2020) | Regioni.it, 31 ottobre 2018
 
Il Fattore Famiglia Lombardo: la proposta di Cisl per l'attuazione
Nel marzo 2018 Regione Lombardia ha deliberato l'introduzione di un nuovo Fattore Famiglia Lombardo (FFL), uno strumento che consentirà di avere un quadro dettagliato della posizione economica delle famiglie, allo scopo di agevolare l'accesso ai servizi a chi ne ha realmente bisogno. Nonostante siano passati 8 mesi, però, la delibera non ha ancora trovato applicazione. Per approfondire la questione, abbiamo intervistato Paola Gilardoni, Segretaria CISL Lombardia.
 
Donne e uomini, a casa, fanno lo stesso lavoro: i genitori
Gli assessorati alle Pari Opportunità e al Lavoro della Regione Piemonte hanno recentemente pubblicato il bando RI.ENT.R.O. (Rimanere ENTrambi Responsabili e Occupati), una misura che promuove la partecipazione delle madri al mercato del lavoro incentivando i padri a usufruire del congedo parentale. Il bando, di durata triennale, si rivolge a padri dipendenti del settore privato e madri lavoratrici autonome, imprenditrici di micro-imprese e dipendenti del settore privato.
 
Toscana: le risposte del sistema sanitario regionale per affrontare cronicità e invecchiamento
Una recente ricerca dell'Agenzia Regionale di Sanità, dell'Osservatorio Sociale Regionale, dell'Anci Toscana e del Laboratorio dell'Istituto di Management della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa si è proposta di individuare i risultati prodotti dal sistema sanitario territoriale della Regione Toscana. L'indagine, in particolare, ha cercato di comprendere l'impatto prodotto dai servizi regionali sul fronte della cronicità e dell'invecchiamento.
 
Piemonte: dalla Regione 3 milioni per promuovere soluzioni abitative innovative per la disabilità
La Regione Piemonte, grazie alle risorse messe a disposizione dalla legge sul "Dopo di Noi", ha pubblicato un bando per accedere a finanziamenti destinati alla realizzazione di soluzioni abitative per persone disabili. In totale saranno stanziati quasi 3 milioni di euro per la creazione di alloggi e strutture volte a favorire l'autonomia abitativa di individui con disabilità grave e sprovvisti di un sostegno familiare.
 
Cartellino addio, si lavora fuori dall'ufficio: la sperimentazione in Emilia Romagna
Al lavoro con portatile e telefonino nel coworking anzichè negli uffici di viale Aldo Moro. La Regione Emilia-Romagna sperimenta lo smartworking in collaborazione con Microsoft: una modalità di lavoro finora utilizzata solo da aziende private. Ora ci si prova negli uffici pubblici. Dal 4 giugno per sei mesi un centinaio di dipendenti di diversi settori potranno lavorare senza recarsi in ufficio e senza timbrare il cartellino | La Repubblica, 21 maggio 2018
 
Calabria, come uscire dall'eclissi del welfare
In Calabria la spesa per le politiche sociali è di 27 euro pro capite contro i 110 euro di media nazionale e i comuni calabresi, tra il 2001 e il 2015 hanno speso soltanto il 5,2% per il sociale a fronte di un dato medio nazionale del 13%. A partire da questi record negativi si è sviluppata la discussione nel convegno “La Calabria di domani. Le politiche sociali regionali e la riforma del welfare”, tenutosi lo scorso 12 aprile 2018 | Agensir, 12 aprile 2018
 
Il nuovo welfare abitativo lombardo. Opportunità per chi?
A giugno 2016 è stato approvato dal Consiglio Regionale della Lombardia il nuovo Testo di Riforma dell’edilizia popolare, con il titolo "Disciplina regionale dei servizi abitativi". Il nuovo sistema prevede la possibilità che a erogare i diversi servizi, attraverso un sistema di accreditamento, non sia più solo l’istituzione pubblica, ma anche soggetti privati, sul modello di quanto già succede nella sanità lombarda: operatori immobiliari, Terzo settore, cooperative | Veronica Pujia, Sbilanciamoci.info, 27 marzo 2018
 

 
Pagina 1 2 3 4 5 6