GOVERNI LOCALI / Housing
Nasce la prima piattaforma per soluzioni abitative temporanee di social housing
Attiva sull'intero territorio nazionale, ''ioabitosocial'' vuole essere il punto di riferimento per una domanda abitativa sempre più diversificata
27 marzo 2019

È stata presentata a Torino ioabitosocial, la prima piattaforma senza fini di lucro dedicata alla ricerca di soluzioni abitative temporanee di social housing presenti sul territorio nazionale. La piattaforma nasce per dare visibilità all’offerta abitativa di social housing, con l’obiettivo di diventare il portale di riferimento per i possibili fruitori in termini di ricerca e verifica disponibilità di una soluzione abitativa. Nel nostro paese sono infatti sempre più diffusi i progetti di Housing Sociale, ossia iniziative e programmi che offrono alloggi e servizi di qualità a canoni accessibili a chi si trova in una situazione di vulnerabilità economica e/o sociale a causa della quale non riesce ad accedere al mercato privato della casa, né è in possesso dei requisiti per l'accesso al servizio di edilizia residenziale pubblica.


A chi si rivolge?

Ioabitosocial.it si rivolge a coloro, singoli o famiglie, che, per motivazioni diverse - economiche, sociali, lavorative, familiari - hanno bisogno di una soluzione abitativa temporanea. Può trattarsi quindi di persone che sono state raggruppate in sei categorie: coloro che vivono una fase di stress abitativo (a causa di perdita del lavoro, separazione, motivi di salute ecc.), studenti, professionisti, city user, anziani e giovani coppie.


Come funziona?

Utilizzando la piattaforma www.ioabitosocial.it le persone alla ricerca di una soluzione abitativa possono ricercare le strutture tramite la visualizzazione su mappa; verificare se s riconoscono in uno dei 6 target principali sopra indicati; perfezionare la ricerca selezionando nel calendario il periodo di permanenza, la tipologia di sistemazione (appartamento riservato, stanza privata, stanza in condivisione) e i servizi offerti (lavanderia, spazi comuni riservati agli abitanti, locali deposito, spazi comuni aperti al territorio, ecc.); e inviare una richiesta/verifica di disponibilità direttamente all’ente gestore della struttura prescelta. Gli enti gestori possono candidare invece la propria struttura di social housing per renderla visibile e accessibile.


Perché una piattaforma?

“Attraverso la piattaforma ioabitosocial vogliamo contribuire a diffondere un nuovo modo di abitare sostenibile, condiviso e accessibile. ioabitosocial è nata dalla crescente richiesta di informazioni riscontrata dal Programma Housing della Compagnia di San Paolo rispetto alla disponibilità di strutture di social housing nel nostro territorio di riferimento. Nel rispondere a questa richiesta abbiamo pensato di accogliere la sfida, non solo per la comunità dei nostri territori, ma per realizzare uno strumento diffuso a livello nazionale e utile sia a tutti i gestori di strutture temporanee di social housing sia alle persone in situazioni di vulnerabilità economica e sociale e a chi cerca una sistemazione a fini turistici/culturali/lavorativi” ha affermato Francesco Profumo, Presidente della Compagnia di San Paolo.

“Nel nostro Paese, soprattutto in alcune aree metropolitane, permangono tuttora per alcune categorie sociali situazioni di forte disagio abitativo che riguardano cittadini a basso reddito o svantaggiati per vari motivi. La specializzazione della domanda abitativa, dovuta alla trasformazione delle strutture familiari, ai fenomeni migratori, alla povertà e alla marginalità urbana, ai lavoratori atipici, agli anziani, agli studenti, ai soggetti in ricerca di soluzioni abitative temporanee comporta l’adozione di politiche abitative sempre più mirate. Si tratta di definire, procedendo contemporaneamente ad un riposizionamento degli strumenti di solidarietà, una nuova politica abitativa nazionale a carattere ordinario individuando un flusso di risorse continuativo che consenta di programmare interventi che, unitamente al sostegno finanziario degli enti locali, concorrano a sviluppare un’adeguata offerta di alloggi sociali in grado di dare efficaci risposte alla forte domanda riscontrabile nel Paese e nelle varie modalità e forme con le quali si presenta sul territorio. In questo solco si inserisce la piattaforma ioabitosocial volta a favorire l’incontro fra domanda e offerta di social housing nel nostro Paese, quindi strumento utile anche per contribuire alla gestione di politiche abitative rivolte alle categorie sociali deboli come, ad esempio, quelle sottoposte a sfratto esecutivo per morosità incolpevole dovuta a diminuzione del reddito, conseguente nella maggior parte dei casi alla perdita del posto di lavoro”, ha dichiarato Maria Margherita Migliaccio, Direttore Generale per la Condizione Abitativa del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

“Il Gruppo CDP, impegnato da anni nel social housing come gestore ed investitore del FIA, guarda con estremo interesse alle iniziative open source di un partner storico ed innovativo come la Compagnia di San Paolo, nell’ottica di collaborare alla loro riuscita e di diffondere le buone pratiche a livello nazionale. Questa di ioabitosocial in particolare è un’iniziativa di grande attualità, che si inserisce nel solco degli investimenti in infrastrutture digitali così importanti per il Paese, e che coniuga l’obiettivo di favorire in tempo reale l’incrocio tra domanda ed offerta di social housing con l’obiettivo di dare lustro e visibilità all’importante impegno profuso nel settore dalla filiera di operatori ed investitori nazionali e locali interessati” ha dichiarato Paola Delmonte, Chief Business Development Officer di Cassa Depositi e Prestiti Investimenti SGR.

 


A Torino il primo social housing LGBT

Housing sociale: una nuova strada per contrastare la povertà abitativa nel Sud Italia

Benvenuti a casa vostra: nel torinese parte un nuovo progetto di social housing

A Milano nasce Grace, un nuovo luogo pensato per le persone fragili. E non solo.

Housing sociale e solidarietà intergenerazionale: l'esperienza della Casa di zia Jessy

La condizione abitativa in Italia e in Europa