Palazzo Marino annuncia tagli al welfare anche per Milano
Il buco di bilancio da 437 milioni di euro constringerà il comune di Milano a rivedere le proprie priorità e riorganizzare la spesa. Nel mirino anche i servizi di welfare che, nonostante le rassicurazioni dell'assessore Majorino, sicuramente andaranno riordinati e, ove necessario, tagliati. | Elisabetta Soglio, Corriere Milano, 16 aprile 2013
 
Emergenza sfratti: le soluzioni adottate a Parma
Laura Rossi, assessore al welfare di Parma, spiega le misure che il comune ha approntato per far fronte all'emergenza abitativa che sta colpendo anche il capoluogo emiliano. Tra le soluzioni anche i servizi offerti da Parma Social House, di cui ci siamo occupati in un nostro recente articolo. | Chiara Pozzati, Gazzetta di Parma, 10 aprile 2013
 
Fassino: sul welfare siamo stanchi di dover rispondere a decisioni di altri
"Siamo stanchi di dover sempre rispondere di decisioni prese da altri e che ricadono sulle spalle di chi governa sul territorio": lo ha detto il sindaco Piero Fassino incontrando i parlamentari e i consiglieri regionali del Piemonte, convocati sull’emergenza welfare, nella duplice veste di sindaco di Torino e presidente dell’Anci piemontese.
 
Auser, enti locali all'osso. Crollano assunzioni e servizi
Gli enti locali, ridotti all'osso da vincoli di spesa e scarsità di risorse, sono sempre meno in grado di garantire l'accesso ai servizi sociali. E' una ''situazione allarmante'' quella del welfare italiano fotografata dal sesto 'Rapporto nazionale enti locali e terzo settore' promosso dall'associazione di volontariato Auser presentato il 13 marzo a Roma. | Antonella Migliaccio, Corriere della Sera, 13 marzo 2013
 
Abolito il quoziente famiglia di Parma
Lo scorso 26 novembre il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, con una delibera ha imposto la sospensione del cosiddetto Quoziente Parma, un innovativo strumento di welfare concepito per sostenere le famiglie con più figli e/o anziani a carico. Il quoziente, seppur imperfetto, appariva una misura molto interessante, quali sono dunque le ragioni che hanno portato a questo provvedimento? Gabriella Meroni, Vita, 11 dicembre 2012
 
Quando i capi di Gucci e Louis Vuitton saranno i nuovi prefetti
Dario Di Vico sulle pagine del Corriere della Sera indica come, nonostante la recente riforma delle province, gli attori che maggiormente collaborano allo sviluppo di molte aree del Paese non siano province o prefetture ma, piuttosto, le grandi aziende che collaborano per lo sviluppo del territorio in cui operano. Dario Di Vico, Corriere della Sera, 3 novembre 2012
 
Solo il 18,7% dei bimbi all'asilo nido. Strutture carenti ma scelta è personale
Linda Varlese, la Repubblica, 3 ottobre 2012
 
Povero un milanese su cinque, stanziati 400 milioni per il welfare
La giunta milanese approva il piano per il welfare 2012-2014, prevedendo lo stanziamento di circa 400 milioni di euro per le politiche sociali. Non molto se si tiene conto della situazione drammatica che vive il capoluogo lombardo: secondo i dati presentati dal Comune un milanese su cinque risulta povero. Andrea Senesi, Corriere della Sera, 7 settembre 2012
 
Periferie, welfare, cultura diffusa due miliardi per 'Milano domani'
Periferie, welfare e cultura nei progetti della giunta di Giuliano Pisapia per gli investimenti del prossimo triennio.
 
«Welfare salvo, senza i soldi di Roma»
Massimo Sesena, Gazzetta di Reggio, 6 agosto 2012
 
Censis "Roma città accogliente", la crisi mette al centro la famiglia
Il recente rapporto del Censis "Il valore del Sociale a Roma", presentato a Roma in occasione degli Stati generale del sociale e della famiglia di Roma Capitale ha fotografato la situazione in cui si trova la città eterna: una città attraversata da numerose divisioni e contraddizioni, ma ancora capace di esprimere solidarietà e accoglienza. Tra i temi trattati anche quello della famiglia: nonostante i grandi cambiamenti demografici in corso essa svolge ancora un ruolo centrale, specialmente se si tiene conto del suo contributo in tema di welfare.
 
Il paese che «obbliga» i disoccupati a lavorare in cambio di solidarietà
Il paese che «obbliga» i disoccupati a lavorare in cambio di solidarietà. Corriere della Sera, 20 ottobre 2011.
 

 
Pagina 1 2 3 4