Gli effetti positivi del welfare culturale
I benefici della cultura sul benessere degli individui sono un dato di fatto. Ma allora perché in italia si fa ancora fatica a mettere in campo strategie vincenti in questa direzione? In questo interessante articolo, uscito nella piattaforma Artribune, Stefano Monti cerca di rispondere a questa domanda focalizzandosi sul ruolo del "welfare culturale" e quindi del ruolo della cultura nel complesso sistema dei servizi socio-assistenziali | Stefano Monti, Artribune, 5 ottobre 2019
 
Biblioteche e welfare socioculturale: l'esperienza del sistema CUBI
Nell'ultimo periodo Percorsi di secondo welfare ha iniziato a occuparsi con crescente attenzione del legame tra welfare e cultura, e in particolare del ruolo assunto dalle biblioteche in tale ambito. In questa direzione va la scelta di ospitare e promuovere il Rapporto di ricerca "Lavorando al piano strategico di CUBI", curato da Alessandro Agustoni, Marco Cau e Graziano Maino, che è scaricabile gratuitamente sul nostro sito.
 
Il ruolo delle biblioteche nello sviluppo del welfare socio-culturale
Partendo dall'esperienza del nuovo sistema interbibliotecario CUBI, Alessandro Agustoni, Marco Cau e Graziano Maino propongono alcune considerazioni sul ruolo che le biblioteche, e i sistemi che le raccordano, possono rivestire nell'ambito delle politiche culturali e sociali dei territori. A condizione di saper ripensare il proprio assetto amministrativo, i modelli organizzativi e di servizio, le intenzioni e le progettualità rivolte ai propri territori.
 
Il futuro è un progetto partecipato: l'esperienza del sistema bibliotecario CUBI
CUBI - culture e biblioteche in rete è un network di 70 biblioteche distribuite in 57 Comuni nella fascia orientale della provincia di Milano e Monza, con un bacino di utenza che supera i 600.000 abitanti, che raccorda due sistemi bibliotecari. La forma di gestione di CUBI, attualmente basata su una convenzione tra il Comune di Melzo e Comune di Vimercate, è oggetto di una riprogettazione che può contribuire a creare un welfare socio-culturale diffuso da far crescere secondo linee esplicite e condivise.
 
Milano. Recuperate mille case popolari, uffici rinforzati per le assegnazioni
Ad aprile 2018, l'amministrazione del Comune di Milano ha avviato un complesso piano per il recupero e la trasformazione di alloggi comunali sfitti e da risistemare in abitazioni di social housing. Fino ad oggi sono stati recuperati circa 1.000 appartamenti: secondo Gabriele Rabaiotti, Assessore Politiche sociali e abitative del Comune di Milano che ha rilasciato una lunga intervista al Corriere della Sera, nel giro dei prossimi due anni si arriverà a 3.000 alloggi | Pierpaolo Rio, Corriere della Sera, 25 agosto 2019
 
A Modena nasce una rete per promuovere un welfare aziendale sempre più inclusivo e aperto
Lo scorso aprile è partito ufficialmente il progetto Rete Welfare Aziendale di Modena. Si tratta di un intervento promosso in prima battuta dal Comune e dalla Provincia di Modena, a cui hanno aderito le parti sociali e circa 50 imprese del territorio, volto a promuovere la diffusione di azioni di welfare aziendale integrate con l'offerta di welfare locale, privata e proveniente dal Terzo Settore. Valentino Santoni ci racconta in che cosa consiste questa iniziativa.
 
A Milano torna la Settimana del Lavoro Agile
Anche quest'anno il Comune di Milano ha voluto rinnovare il proprio impegno per la diffusione dello smart working promuovendo la terza Settimana del Lavoro Agile, che si svolgerà dal 20 al 24 maggio. L'obiettivo è consolidare l'immagine di Milano come modello di riferimento nazionale per le buone pratiche di smart working e contribuire alla riflessione sulla necessità di un cambiamento culturale che metta al centro il lavoro agile.
 
Networking 2.0. Il territorio si prende cura del territorio
Il progetto Networking 2.0 è un'azione di welfare aziendale territoriale sviluppata all'interno del Piano territoriale per la conciliazione di ATS Bergamo. Nato nel biennio 2014-2016, il progetto si è sviluppato anche nel Piano territoriale successivo ed è attualmente in corso. Abbiamo incontrato Luciano Trapletti, Presidente del Consorzio Servizi Val Cavallina, e Danilo Mazzola, Segretario Cisl Bergamo, che ci hanno raccontato genesi, sviluppo e prospettive di questo progetto.
 
Nell'Altomilanese è stato firmato un accordo interaziendale di conciliazione vita-lavoro tra imprese agricole
Nell'ambito del progetto E-Net: Equilibrio vita-lavoro in RETE, iniziativa parte del Piano territoriale di Conciliazione di ATS Milano, è stato firmato un accordo interaziendale tra sei aziende agricole per promuovere interventi di welfare aziendale. Si tratta di un protocollo interessante perché promuove un network tra realtà produttive di un settore, quello agricolo, molto complesso in tema di servizi di welfare.
 
Un welfare per tutti: a Tradate ente pubblico, cooperative e imprese si mettono insieme
Nelle prossime settimane a Tradate, in provincia di Varese, prenderà il via un progetto che si propone di integrare i servizi di welfare comunali, privati e, in prospettiva, anche quelli aziendali, presenti sul territorio. L'iniziativa prevede l'implementazione di un portale digitale che consentirà di accedere facilmente a tutti i servizi, anche grazie a figure professionali che seguiranno il processo e che sosterranno i cittadini nella scelta degli interventi più adeguati ai loro bisogni.
 
Welfare e benessere organizzativo nella Pubblica Amministrazione: il caso del Comune di Bologna
Il dibattito sulla diffusione del welfare aziendale nel settore pubblico è cresciuto molto negli ultimi anni. Per alimentare la discussione, grazie ad un'intervista realizzata dal nostro Valentino Santoni a Mariagrazia Bonzagni, vi raccontiamo l'innovativa esperienza del Comune di Bologna. Nonostante i margini di manovra molto limitati, l'amministrazione comunale ha infatti sviluppato interessanti iniziative in materia di benessere organizzativo e cura della persona.
 
Legge di Bilancio: "salvi" gli stanziamenti per le periferie
La Legge di Bilancio 2019 dà seguito all'Accordo raggiunto il 18 ottobre 2018 tra il Governo e l'ANCI presso la Conferenza unificata, "correggendo" così il Decreto Milleproroghe, che aveva previsto il congelamento delle risorse fino al 2020. Istituito dal Governo Renzi nel 2016, il Bando periferie è finalizzato a promuovere progetti di rigenerazione urbana che integrino interventi fisici di trasformazione e riqualificazione con interventi immateriali di welfare, innovazione sociale e sviluppo economico.
 
ANCI e Cittalia danno vita ad un portale per conoscere la spesa pubblica destinata al welfare
ANCI, Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, e Fondazione Cittalia hanno dato vita alla piattaforma "FondiWelfare", un sito tematico che consentirà di avere una visione d'insieme delle risorse destinate alla spesa sociale pubblica in Italia. Attraverso il portale si avrà accesso a tutti i provvedimenti normativi, per singolo fondo o per macroarea di intervento, e si potrà approfondire ogni singola fonte di finanziamento, ripercorrendo a ritroso l'evoluzione degli stanziamenti.
 
Gli alloggi pignorati e invenduti nuova frontiera dell'housing
Gli alloggi pignorati e messi all’asta spesso precipitano a valori anche dieci volte inferiori a quelli commerciali. Per questa «convenienza» potrebbero essere restituiti all’utilizzo di famiglie in difficoltà. Parte di qui l’idea alla base di un innovativo progetto di housing che il Comune di Torino ha presentato al bando europeo Urban Innovative Actions e che la scorsa settimana è stato illustrato nel corso della prima giornata di Urbanpromo Social Housing | Maria Teresa Martinengo, La Stampa, 12 ottobre 2018
 
Bologna, addio ecomostro: diventerà un polo del welfare
L’ecomostro si trasforma e diventa un maxicentro sanitario, con 160 posti letto, ambulatori, un nido e persino un b&b. Ci vorrà un po’ di tempo - circa 5 anni tra progetti e cantieri - ma è l’ambiziosissimo piano che la Città metropolitana di Bologna ha messo nero su bianco per il futuro dell’immobile Inail abbandonato da decenni a San Benedetto Val di Sambro, sull’Appennino Bolognese | Corriere della Sera, 10 ottobre 2018
 
Comune di Milano lancia il bando "Metter su Bottega" per finanziare nuove imprese
Nel corso di un incontro pubblico tenutosi presso gli spazi della Fondazione Welfare Ambrosiano, il Comune di Milano ha lanciato il bando "Metter su Bottega", un'iniziativa che si propone di sostenere la creazione di nuovi progetti imprenditoriali in zone periferiche del capoluogo lombardo attraverso finanziamenti a fondo perduto e a tasso agevolato. Il bando garantirà fino a 100.000 euro a coloro che vogliono far nascere nuove imprese e attività commerciali.
 
Social housing a Trieste: nuova vita per l'ex cartiera
A Trieste nasce un nuovo progetto di social housing: la scorsa settimana sono stati inaugurati 83 nuovi alloggi a canone calmierato grazie all’iniziativa “Ex Saul Sadoch”. Il progetto è stato portato avanti dal Fondo Housing Sociale FVG, in cui Cassa Depositi e Prestiti ha investito oltre 60 milioni di euro attraverso il Fondo Investimenti per l’Abitare (FIA) | Cassa Depositi e Prestiti, 5 ottobre 2018
 
Milano, Agenda 2040: pubblicato il rapporto di Fondazione Ambrosianeum
Fondazione Ambrosianeum ha presentato il nuovo Rapporto sulla Città 2018 "Agenda 2040". L'obiettivo è guardare al futuro di Milano cercando di costruire una strategia che prenda le periferie come punto di vista privilegiato per interrogarsi sulle priorità da affrontare. Nel testo sono presenti un capitolo di Franca Maino e Chiara Lodi Rizzini sulle periferie tra welfare, luoghi e relazioni, e un capitolo di Salvatore Carrubba, su responsabilità e ruolo di Milano in Italia e Europa.
 
L'equazione welfare-tecnologie che ci sta cambiando
Quando il welfare passa dallo smartphone vuol dire che siamo in dirittura d’arrivo, e a Milano succede spesso. Sbaglia chi fa l’equazione: benessere (welfare) uguale città della sofferenza. Welfare oggi è la parola magica che cambia profilo ai contratti di lavoro, sollecita la tecnologia a correre incontro ai cittadini, accompagna ciascuno di noi in metropolitana, dal medico o in ospedale anche quando non se ne sente il bisogno | Daniele Bonecchi, Il Foglio, 21 luglio 2018
 
Belluno: un fondo welfare territoriale per far ripartire la provincia
Un fondo di welfare territoriale che dovrebbe, negli intenti, nei prossimi tre anni, avviare dei piani concreti di sostegno ai giovani, alle famiglie, agli anziani per invertire la tendenza allo spopolamento del territorio. E' questo il progetto messo in atto a Belluno da: i Comuni del territorio, i sindacati, il Consorzio Bim Piave, le categorie economiche, sotto il coordinamento della Provincia di Belluno | Corriere delle Alpi, 13 luglio 2018
 

 
Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10