Disoccupazione: Bruxelles anticipa i fondi per accelerare Garanzia Giovani
La Commissione Ue ha deciso di aumentare da 1,5% a 30% il tasso di prefinanziamento dell'iniziativa per l'occupazione giovanile, anticipando per quest'anno un miliardo di euro che andrà subito a quei Paesi che hanno già pronti i progetti per i giovani. Anticipando più fondi del previsto, la Commissione conta di aiutare 650mila giovani contro i circa 20mila che ne avrebbero beneficiato senza l'intervento di oggi. “Rendendo disponibili più celermente maggiori finanziamenti possiamo far rientrare nel mondo del lavoro un maggior numero di giovani, e sono determinata a far sì che questo accada”, spiega Marianne Thyssen, commissaria per l’Occupazione. “I nostri giovani hanno bisogno di lavoro e ne hanno bisogno subito”. Grazie al maggior prefinanziamento, all'Italia andranno subito 170milioni di euro, invece dei 5,6 previsti fino ad oggi. La proposta deve ora essere approvata anche dal Consiglio e dal Parlamento.
 
Europatriates. E se la vera Garanzia per i giovani stesse all'estero?
Uno degli obiettivi di Garanzia Giovani è stimolare la riforma del settore delle politiche del lavoro e l’introduzione di strumenti più efficienti. Sulla scarsa capacità di intermediazione fra domanda e offerta ad esempio si innesta Europatriates, una recente proposta di Peter Hartz che, date le difficoltà nell'assorbire l'offerta di lavoro da parte di molti Paesi, ipotizza di incentivare la mobilità dei giovani dai Paesi in crisi verso quelli capaci di offrire loro opportunità adeguate nel breve periodo, così da non sprecare capitale umano. Sebbene Europatriates rimanga ad oggi un progetto pilota marginale, le questioni che solleva sono tutt'altro che secondarie e di grande interesse soprattutto per il caso italiano, dove il numero di “giovani in partenza” è in crescita costante.
 
Garanzia giovani: gli obiettivi per il 2015
Un nuovo anno è iniziato e sul fronte dell'implementazione della Garanzia giovani continuano ad arrivare cattive notizie. A fronte dei risultati registrati nel corso del 2014, la profezia del fallimento annunciato pare che si stia dunque avverando. La situazione, tuttavia, è in realtà molto più articolata di quanto di quanto si pensi, e proprio per questo esistono diverse strade per invertire la tendenza. In questo senso il Governo intende apportare alcuni correttivi in materia di profilazione e bonus occupazionali per fare una scossa alla misura. Cosa possiamo aspettarci?
 
Bobba: Garanzia Giovani, ecco i veri numeri
Dopo il giudizio negativo tracciato dalle Acli, il sottosegretario al WelfareLuigi Bobba dice la sua presentando alcune cifre aggiornate sull'andamento del programma. Intervistato per Vita da Gabriella Meroni, Bobba ha sottolineato come il Governo stia lavorando per impegnare tutte le risorse disponibili entro il 2015, che permetteranno potenzialmente di raggiungere 800mila ragazzi. |Gabriella Meroni, Vita, 17 dicembre 2014
 
Garanzia giovani senza un gestore unico
Il sistema italiano dei servizi per l'impiego soffre di carenze strutturali che non possono essere risolte con un aumento delle risorse, ma che richiedono un cambio del modello utilizzato. In questo senso la Garanzia Giovani non funziona perché è attuata dentro un sistema dove manca quello che gli esperti di organizzazione chiamano "il padrone del processo". | Giampolo Falasca, Il Sole 24 Ore, 17 novembre 2014
 
Giovani e transizioni verso il mercato del lavoro: cosa succede nel Sud Europa
Le difficoltà connesse al contesto socio-economico di partenza, nonché quelle derivanti dalle limitate capacità istituzionali di buona parte delle amministrazioni pubbliche italiane, rendono urgente una riflessione su cosa si possa concretamente intendere con successo o fallimento della Garanzia Giovani, vale a dire quali obiettivi realistici potrebbero essere perseguiti, e misurati, al di là dei monitoraggi pubblici finora effettuati. Partendo dalle ricerche di Eurofound abbiamo cercato di analizzare i flussi all'ingresso del mercato del lavoro, mettendo in luce come la "corsa a ostacoli" in cui è impegnata la Garanzia Giovani differisca sensibilmente da paese a paese, in particolare nell'Europa meridionale.
 
Neet, ma quanto ci costate? La corsa ad ostacoli della Garanzia giovani nel Sud Europa
Le critiche rivolte finora alla Garanzia Giovani sembrano tralasciare alcuni degli aspetti che si celano dietro ai risultati poco incoraggianti. Per recuperare una qualche visione d'insieme è necessario fare un passo indietro e considerare il contesto più ampio in cui la Garanzia Giovani si trova ad operare. A cominciare dal fenomeno dei Neet, distinto e distinguibile dalla disoccupazione giovanile, che se non adeguatamente compreso, rischia di rendere inefficaci le misure previste dalla Garanzia.
 
Arriva il Bonus Occupazione: alcuni dubbi interpretativi
Finalmente il Decreto direttoriale che disciplina una delle misure della Garanzia Giovani più attese dalle aziende – i bonus occupazione – è stato adottato. Nell’attesa di ulteriori chiarimenti da parte del Ministero e dell’Inps, il Focus Garanzia Giovani si pone alcune domande rispetto alle implicazioni dei bonus sul principio di contendibilità, che dovrebbe favorire processi di mobilità territoriale al fine di coprire i posti di lavoro vacanti. Se i dubbi sollevati fossero confermati, si ravviserebbero alcuni limiti nella governance complessiva del sistema a cui occorre porre rimedio.
 
Garanzia Giovani: spunti da 18 progetti pilota
La Commissione Europea ha passato in rassegna 18 progetti pilota, lanciati nella seconda metà del 2013, volti a sperimentare una prima applicazione della strategia Garanzia Giovani. I progetti riguardano aree territoriali di diversa natura in sette paesi membri: Irlanda, Italia, Lituania, Polonia, Romania, Spagna e Regno Unito. Abbiamo analizzato il rapporto e tratto alcune considerazioni generali che potrebbero risultare utili all'implementazione della Garanzia in Italia.
 
Lavoro: inaugurata rete Ue servizi pubblici per impiego
E’ stato ufficialmente presentato a Bruxelles il Public Employment Services Network, una nuova struttura di cooperazione per aiutare i Paesi membri a coordinare e migliorare le proprie politiche ed azioni di contrasto alla disoccupazione. La nuova struttura offrirà l’opportunità di comparare le performance dei servizi per l’impiego, favorire lo scambio di conoscenze e best practises. In molti paesi, infatti, è necessario un potenziamento di questi servizi, soprattutto al fine di una virtuosa implementazione della Garanzia Giovani. Il Network aiuterà anche alcuni paesi membri – tra cui l’Italia - a mettere in atto le specifiche raccomandazioni relative ai servizi per l’impiego, secondo quanto indicato dal Consiglio Europeo. I policy makers nazionali potranno quindi servirsi delle competenze del Network per disegnare e sviluppare innovative politiche per l’occupazione.
 
Garanzia Giovani: la Commissione valuta 18 progetti pilota
In occasione del seminario svoltosi il 9 settembre a Bruxelles, la Commissione Europea ha presentato una prima valutazione su 18 progetti pilota realizzati nell’ambito della Garanzia Giovani tra agosto e dicembre 2013 in sette paesi, allo scopo di fornire indicazioni pratiche su come implementare le proprie garanzie nazionali e le relative azioni usando il Fondo Sociale Europeo la Youth Employment Initiative.
 
Garanzia Giovani: è già fallimento?
Sono passati quattro mesi dall’avvio della Garanzia Giovani nel nostro Paese. A questo punto, secondo le previsioni del governo, i percorsi di inserimento degli under 30 nel mondo del lavoro dovrebbero essere entrati a pieno regime, mentre l’implementazione della misura ancora arranca. Per questo alcuni hanno iniziato a sollevare dubbi, altri parlano già di fallimento del piano. Quali sono le principali posizioni nel dibattito in corso?
 
Come va la Garanzia Giovani?
Finite le vacanze si è tornati a discutere di Garanzia Giovani e degli scarsi effetti che essa sta producendo nel nostro Paese. Su diversi organi di stampa e sui social network, attraverso l'hashtag #maqualegaranzia, si sovrappongono le opinioni (quasi sempre negative) relative alla misura che a inizio maggio era stata presentata come la chiave di volta per contrastare la disoccupazione giovanile. A 4 mesi dal lancio, tuttavia, i risultati appaiono effettivamente delutenti, ma si può già parlare di fallimento? Voi che ne pensate?
 
Rompere la spirale negativa: Garanzia giovani e il difficile rapporto con le imprese
La risposta delle imprese alla garanzia giovani appare deludente: sono ancora poche le offerte di lavoro segnalate. Il governo ha finora insistito su azioni di sensibilizzazione e incentivazione economica per rendere la Garanzia giovani più appealing alle aziende. Ma questo non basta. Occorre invece cogliere l’occasione per un cambiamento profondo dei centri per l’impiego, spingendo verso un forte investimento su servizi mirati a specifici profili professionali e/o alle esigenze produttive delle imprese.
 
Telemaco ancora costretto ad aspettare
E’ stato da poco approvato il piano operativo italiano per la Garanzia Giovani e sono in arrivo i primi 11 milioni da Bruxelles. Nel nostro Paese l’implementazione del programma europeo appare in forte ritardo, ma sono diversi i Paesi europei che vivono la medesima situazione. Patrik Vesan si sofferma sul caso della Francia e della Spagna, segnalando similitudini e differenze rispetto alla declinazione italiana della Youth Guarantee.
 
Garanzia Giovani: una, nessuna...venti strategie regionali?
Il conto alla rovescia è partito. Trascorsi i sessanta giorni di "riscaldamento" dall'inizio della Garanzia per i giovani (GG), la lancetta dei fatidici 4 mesi ha incominciato a ticchettare. Ma cosa possiamo dire delle scelte di investimento effettuate dalle regioni italiane? Se alcune di esse sembrano sulla buona strada, altre invece mostrano ancora un polso debole, rischiando così - che si tratti di scelte strategiche o che rispondono alla “logica del calderone” - di sprecare quest’occasione.
 
La Garanzia Giovani arranca. Come evitare il fallimento?
Due mesi fa ha preso avvio il programma Garanzia giovani. Otto settimane non bastano certo a produrre risultati concreti, è però lecito chiedersi a che punto siamo e che cosa possiamo aspettarci da questa ambiziosa iniziativa. Mentre le Regioni del Nord paiono già a buon punto quelle del Mezzogiorno appaiono quasi ferme. Per evitare il fallimento, il governo deve attivarsi subito almeno su due fronti: il rispetto di criteri minimi di trasparenza ed efficacia e il collegamento col mondo delle imprese. L'opinione di Maurizio Ferrera.
 
La Youth Guarantee in Sardegna
Continuano i nostri approfondimenti sull’implementazione della Garanzia Giovani nelle regioni italiane. Questa settimana vi presentiamo il caso della Sardegna che, con una situazione occupazionale giovanile abbastanza seria, è stata una delle prime, e la prima tra quelle del Sud, ad aver siglato con il Ministero del Lavoro la convenzione richiesta per attivare nel proprio ambito regionale la Garanzia Giovani.
 
Giovani, quando l’Europa è una Garanzia
L’Europa da tempo si interroga, cercando soluzioni al problema della disoccupazione e dell’inoccupazione giovanile. La raccomandazione del Consiglio dell’Unione europea del 22 aprile 2013 sull’istituzione di una Garanzia Giovani, costituisce l’esito di un percorso iniziato nel 2005, quando, nell’ambito degli Orientamenti a favore dell’occupazione si è riconosciuto nell’integrazione dei giovani nel mercato del lavoro un presupposto imprescindibile per il raggiungimento della piena occupazione. Il piano nazionale italiano è partito il 1 maggio 2014. Ma a che punto sono gli altri Paesi europei con l’implementazione della Garanzia?
 
L'attuazione delle Garanzia Giovani a livello regionale: l'avvio in Puglia
Continuano gli approfondimenti sull’implementazione della Garanzia Giovani nelle Regioni italiane. Dopo il caso del Piemonte, vi presentiamo quello della Puglia, dove la Garanzia andrà a inserirsi in un assetto di politiche preesistenti che, se ben sfruttato, potrebbe essere determinante per il suo successo. La Puglia vanta infatti una fitta lista di iniziative a sostegno della formazione e dell'occupazione dei giovani, sviluppate nell'ultimo decennio soprattutto grazie a finanziamenti provenienti dai fondi strutturali europei.
 

 
Pagina 1 2 3 4