FONDAZIONI /
Pillole di innovazione sociale per provare a curare il welfare
Alcuni esempi concreti per immaginare strumenti e misure capaci di cambiare il volto delle politiche sociali del nostro Paese
15 maggio 2014

Nelle ultime settimane Fondazione Cariplo e Fondazione Cassa di risparmio di Cuneo hanno presentato due bandi sociali con cui si sono impegnate a sostenere, economicamente e strategicamente, realtà che sui propri territori vorranno dar vita a progetti caratterizzati da un alto tasso di innovazione sociale. Di fronte a queste scelte interessanti, che indubbiamente rappresentano una strada privilegiata per dare ulteriore sostanza al secondo welfare, abbiamo scelto di ri-segnalare alcune esperienze che a nostro avviso possono essere spunto di riflessione e dialogo per lo sviluppo e l’implementazione di queste progettualità innovative.


Innovazione sociale: di cosa stiamo parlando?

L’Unione europea – a partire dal Consiglio di Lisbona, passando per il Rapporto Kok e l’agenda sociale rinnovata, fino ad arrivare allo sviluppo di Europa 2020 – dal 2000 promuove una strategia di modernizzazione dello stato sociale incentrata sull’idea innovazione sociale. E’ tuttavia dal 2008, anno di esplosione della crisi economica in Europa, che questo concetto si è imposto come tema cardine all’interno dei sistemi comunitari e, più in generale, nel linguaggio europeo. L’innovazione sociale, infatti, dal punto di vista degli organismi dell’Unione può rappresentare una leva per immaginare e strutturare nuove misure e modelli capaci di combattere le povertà e promuovere l’inclusione sociale dei cittadini europei.

Nel documento “Empowering People, Driving Change. Social Innovation in the European Union”, redatto dal Bureau of European Policy Advisers (BEPA) della Commissione Europea, le innovazioni sociali sono definite come “innovazioni che sono sociali sia nei fini sia nei mezzi”. Queste consistono in nuove idee - prodotti, servizi e modelli - che rispondono ai bisogni sociali in modo più efficace delle alternative esistenti e che, allo stesso tempo, creano nuove relazioni sociali e collaborazioni. La dinamica che caratterizza l’innovazione sociale implica quindi trasformazioni tanto di prodotto - i servizi offerti - quanto di processo - chi pensa, sviluppa, finanzia ed offre il servizio - che si distinguono dal resto delle sperimentazioni nel sociale per il fatto di riuscire a migliorare concretamente e in modo duraturo la qualità della vita dei cittadini.

L’innovazione, in particolare, è determinata dalla capacità degli individui e delle organizzazioni di legarsi in reti per gestire problemi complessi attraverso l’individuazione di soluzioni condivise considerate efficienti ed efficaci. L’innovazione sociale richiede infatti ai diversi stakeholder potenzialmente coinvolti – siano essi pubblici o privati – la non semplice capacità di fare rete per fronteggiare insieme problematiche sociali complesse, sia vecchie che nuove. Se l’innovazione sociale non risulta supportata da azioni mirate ed efficaci capaci di coinvolgere i diversi attori partecipanti, il rischio è che essa rimanga una parola d’ordine dietro la quale si nasconde l’incapacità di costruire nuove forme di protezione sociale capaci di sostituire quelle “vecchie” qualora queste si rivelino inefficaci.


I bandi sociali di Fondazione Cariplo e Fondazione CRC

E’ in quest’ottica che due delle più importanti fondazioni di origine bancaria, Cariplo e CRC, nelle scorse settimane hanno scelto di varare bandi che possano favorire sinergie tra i vari attori che vorrebbero cambiare il volto delle politiche sociali sui propri territori.

Il bando “Welfare di comunità e Innovazione sociale” di Cariplo, ad esempio, rappresenta un vero e proprio punto di svolta sul fronte dei servizi alla persona. La fondazione milanese ha messo sul piatto ben 10 milioni di euro di cofinanziamento, una cifra già di per sé imponente se si pensa che è stanziata per un singolo bando, che prevede modalità inedite attraverso cui accedere ai finanziamenti stanziati. In sostanza i soggetti che vorranno partecipare al bando (scadenza il 30 maggio, qui il testo completo) dovranno presentare un progetto innovativo che preveda percorsi di programmazione aperti e partecipati a diverse realtà presenti sul territorio, con l’obiettivo di creare nuove strade per sviluppare politiche sociali a livello locale. Cariplo, come dimostrano anche le molte domande di chiarimento che nelle ultime settimane sono giunte alla fondazione, ha preferito mantenere molto flessibili i criteri di accesso, in modo da non scoraggiare o limitare in alcun modo le potenziali innovazioni provenienti dai diversi territori.

Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo ha scelto di seguire una strada simile promuovendo“Cantiere Nuovo Welfare”, bando sociale che ha l’obiettivo di favorire in ambito sociale l’avvio di servizi che presentino caratteri fortemente innovativi e che posseggano una dimensione non meramente sperimentale, e che siano pertanto sostenibili nel medio periodo. Le iniziative dovranno quindi potersi integrare con la programmazione pubblica dei servizi alla persona già attivati sul territorio, non ponendosi quindi come strumenti alternativi ma complementari, coerenti e compatibili con quanto già in essere sul territorio. Il budget complessivamente previsto ammonta a 600.000 € per il triennio 2014-2016, mentre la scadenza per la presentazione delle proposte è stata fissata il 6 giugno.


Esperienze a cui poter guardare

Alla luce di queste iniziative, e con l’intento di mostrare esperienze concrete di secondo welfare, di seguito vi riproponiamo in "pillole" alcuni approfondimenti che abbiamo prodotto grazie alle ricerche dell’ultimo anno, sperando possano rappresentare spunti di riflessione e discussione interessanti sul tema dell'innovazione sociale. Ve le presentiamo divise in base a:

1. la capacità dei soggetti pubblico-privati di aggregare nuove risorse, non necessariamente economiche, per rispondere a uno o più bisogni sociali presenti sul territorio;
2. la volontà delle imprese – sia profit che non profit - di sostenere, grazie allo sviluppo di misure di welfare aziendale, non solo i propri dipendenti ma la comunità del territorio nel suo insieme;
3. la possibilità di creare fondi territoriali integrativi delle risorse garantite dal settore pubblico per rispondere a situazioni di grave disagio sociale, legate specialmente alla disoccupazione e problemi ad essa collegati;
4. lo sviluppo di strumenti di finanza sociale che hanno come finalità lo sviluppo dei territori attraverso il coinvolgimento crescente delle comunità residenti.


1. La capacità di aggregare nuove risorse, economiche e non

Il Comune di Forlì sta provando a rinnovare il proprio sistema di welfare locale facendo leva sulla partecipazione di diversi gli attori sociali e delle comunità locali, mettendo a frutto l’esperienza dei piani di zona. L’idea che ne è scaturita per l’elaborazione del nuovo piano di zona 2013-2014 è stata quella di riformare il processo di programmazione in modo appunto partecipativo, passando dalla logica dei tavoli a quella dei processi di lavoro. L’obiettivo è di arrivare ad una programmazione che permetta anche ai soggetti solitamente non previsti dai Piani di partecipare alla programmazione e ripensare agli oggetti stessi della programmazione, lavorando non più su uno specifico target, ma in modo trasversale.
Per saperne di più: Comuni, come sopravvivere in tempi di crisi? L’esperienza di Forlì
 

Il Comune di Sogliano al Rubicone, grazie ai proventi della discarica comunale, nel 2009 ha stipulato una polizza assicurativa contro il rischio di perdita di occupazione (33 mila euro per un anno di copertura) con la compagnia Net Insurance. La polizza prevedeva per 463 lavoratori dipendenti a tempo indeterminato una somma pari a 400 euro al mese per ogni mese di disoccupazione, per un periodo massimo di 12 mesi (4.800 anno). L’indennizzo assicurativo non avrebbe sostituito le indennità di disoccupazione a carico dell’Inps, ma in caso di perdita del lavoro avrebbe integrato il sostegno al reddito proveniente dallo Stato.
Per saperne di più: Sogliano al Rubicone: se il Comune pensa ai disoccupati

La Cooperativa sociale Come Noi di Mortara ha realizzato, sulla base della DGR 12620 del 2004 di Regione Lombardia, una Residenza Socio-Sanitaria per Disabili per accogliere le persone con grave disabilità non più assistibili a domicilio. La nuova unità di offerta ha dato vita alla costruzione di concrete opportunità abitative alternative alle famiglie con formule innovative di “abitare insieme” progettate e costruite in collaborazione con i nuclei familiari, le istituzioni regionali e locali, nell’ambito di filiere di servizi integrati.
Per saperne di più: A Mortara una RSD per la disabilità

Regione Lombardia e il Ministero dell’Interno hanno promosso il progetto NUE 112 per l’attivazione del numero unico per tutte le tipologie di emergenze sul territorio lombardo. L’intervento è sperimentale e, in accordo con le associazioni sindacali, prevede l’inserimento di lavoratori in cassa integrazione o mobilità (ai sensi della legge 223/1991) in qualità di operatori telefonici della centrale operativa, attraverso un processo di selezione svolto dai centri per l’impiego e un successivo percorso formativo realizzato da AREU.
Per saperne di più: Progetto NUE 112: un'opportunità anche sotto il profilo occupazionale


2. Esperienze di welfare aziendale con effetti positivi sulle comunità

La Cooperativa sociale Gruppo di Betania ha ottenuto da Regione Lombardia un contributo di 140.000 euro per l’erogazione di servizi di work-life balance ai propri dipendenti, il 72% dei quali è costituito da donne. La proposta comprende servizi di baby-sitting, convenzioni con asili nidi, operatori per il disbrigo di commissioni e pratiche burocratiche, assistenza familiare per persone non autosufficienti o per agevolare il periodo di rientro in casa dopo un ricovero ospedaliero, uno sportello aziendale per la raccolta delle richieste e per l’orientamento alle forme di credito per le esigenze familiari del lavoratore, convenzioni assicurative con tariffe agevolate per soci, dipendenti e loro familiari. La sperimentazione interna si è protratta per tutto il 2012, mentre nel 2013 è iniziato il percorso di “allargamento” alle altre aziende del territorio, utilizzando il personale della stessa cooperativa per l’erogazione dei servizi di welfare.
Per saperne di più: A Vigevano, Famiglia è Lavoro

L’Associazione di promozione sociale Social Club, fondata a Torino nel 2009 e costituita da numerose associazioni e cooperative sociali della città, con il supporto di Compagnia San Paolo ha promosso una serie di iniziative finalizzate a migliorare la qualità di vita dei lavoratori appartenenti alle realtà del terzo settore che hanno deciso di associarsi, fornendo loro servizi di welfare aziendale di varia natura. Social Club si è avventurata anche nel settore dell’housing sociale per garantire soluzioni abitative adeguate alle esigenze dei propri associati.
Per saperne di più: A Torino il welfare aziendale per le imprese sociali

Alessi, azienda di design nata tra le Prealpi novaresi, nel 2013 ha avviato il progetto “Buon Lavoro”: invece di mettere in cassa integrazione i dipendenti nel momento fisiologico di minor produzione - da giugno a novembre - li ha coinvolti in lavori socialmente utili al territorio in cui si trova il principale stabilimento del gruppo. Il reclutamento ha avuto un’adesione di oltre l’85% dei 340 dipendenti dello stabilimento di Crusinallo, con Cda e dirigenti al completo. Il risultato è che questa iniziativa fa risparmiare il settore pubblico due volte, lo Stato non paga la cassa integrazione, il Comune risparmia sulla fornitura di servizi ai cittadini.
Per saperne di più: Alessi pagherà i dipendenti per lavori socialmente utili

Unindustria Reggio Emilia nel 2013 ha attivato Welfa-RE, progetto che attraverso la rete relazionale dell’associazione datoriale permette alle imprese aderenti di usufruire di servizi di welfare (e non solo) cui avrebbero difficoltà ad accedere da autonomamente. Da un lato prevede l’attivazione di convenzioni money saving per offrire ai lavoratori beni e servizi a condizioni agevolate, dall’altro mira a sviluppare un’offerta di misure family friendly diversificabili e personalizzabili in base alle necessità, dimensioni e possibilità di investimento delle singole aziende.
Per saperne di più: La valorizzazione della rete per sostenere chi lavoro: ecco Welfa-RE

Attraverso il decreto n. 2058 Regione Lombardia ha reso note le modalità attraverso cui realizzare la valorizzazione delle politiche territoriali di conciliazione e del welfare: il documento definisce il modello di accordo per la realizzazione delle nuove “alleanze locali di conciliazione” predisposte all’interno della delibera n.1081/2013. Regione Lombardia ha strutturato un nuovo sistema di governance territoriale, articolato su tre livelli: quello regionale rappresentato dalla Cabina di Regia regionale; quello intermedio costituito da ciascuna rete territoriale con la propria ASL come capofila; quello più ancorato alla realtà locale, costituito delle molteplici “alleanze locali” che possono emergere all’interno della stessa rete. Le alleanze locali – spiega il DD 2058 – dovranno essere costituite attraverso contratti di partnership tra soggetti pubblici e privati “che esplicitino i ruoli, le modalità di partecipazione e gli apporti, sia in termini tecnici che di contenuto, che economici”, da inviare alla Asl capofila della rete.
Per saperne di più: Reti di conciliazione lombarde: ecco il piano attuativo


3. Fondi Territoriali

La Fondazione Comunitaria della Comunità Novarese, in collaborazione con la Fondazione Banca Popolare di Novara, Cgil, Cisl, Uil, la Prefettura, la Provincia, il Comune e le Diocesi di Novara, nel 2009 ha lanciato “Fondo Emergenza Lavoro”. Il Fondo ha consentito di emettere tre bandi in favore di famiglie che, a fronte della perdita del posto di lavoro, si sono improvvisamente trovate in difficoltà economica. Nel novembre 2011 è stato sottoscritto dai medesimi enti e da Fondazione Cariplo un accordo per la costituzione del “Fondo Emergenza Abitativa”, destinato a sostegno di soggetti che si trovano in situazione di emergenza abitativa per progetti di prima accoglienza e accompagnamento all’autonomia gestiti dal Comune di Novara e realizzati dalla Caritas Diocesana, in collaborazione con il privato sociale.
Per saperne di più: Novara e il Fondo emergenza lavoro: rispondere alla crisi partendo dal bisogno


L’Arcidiocesi di Milano ha promosso il Fondo “Famiglia e Lavoro” a sostegno delle famiglie in difficoltà per la perdita del lavoro di un suo membro. Il fondo, attivo da gennaio 2009, grazie a un budget di circa 14 milioni di euro, permette di intervenire a sostegno delle famiglie attraverso erogazione a fondo perduto, formazione mirata, micro credito e start-up rivolti a persone prive di occupazione e disoccupati di breve periodo che abbiano almeno un figlio a carico e risiedano in diocesi. Le risorse sono gestite da parrocchie e decanati grazie al sostegno delle ACLI e della Caritas Ambrosiana.
Per saperne di più: Il fondo Famiglia Lavoro


4. Strumenti di Finanza Sociale

Ubi Banca dal 2012 emette Social Bond finalizzati al sostegno di iniziative di valore sociale. Questi titoli obbligazionari oltre a prevedere per il sottoscrittore un ritorno sull’investimento (come ogni normale obbligazione) abilitano il Gruppo UBI Banca ad utilizzare parte dell’importo raccolto per sostenere iniziative socialmente meritorie oppure creare appositi plafond da utilizzare per l’erogazione di finanziamenti in favore di realtà appartenenti al terzo settore. Da Aprile 2012 ad oggi sono state sottoscritte 50 obbligazioni solidali per oltre 522 milioni di euro, cui corrisponde la devoluzioni di contributi a titolo di liberalità per circa 2,6 milioni di euro
Per saperne di più: Risultati e prospettive dei Social Bond di UBI Banca

Banca Prossima del Gruppo Intesa San Paolo ad ottobre 2013 ha emesso il primo titolo obbligazionario “serie speciale Banca Prossima” per un massimo di 50 milioni di euro il cui ricavato sarà impiegato esclusivamente per finanziare soggetti operanti in Italia nel settore non profit a tassi di interesse agevolati. Il tasso è del 2% lordo annuo, ma il minor rendimento per il sottoscrittore sarà interamente trasferito a beneficio delle organizzazioni non profit finanziate da Banca Prossima. Altro strumento innovativo di Banca Prossima è Terzo Valore, piattaforma di Crowdlending che ha consentito a diverse Onp di attivare investimenti attraverso prestiti a tasso concordato con prestatori garantiti dalla Banca.
Per saperne di più: Le banche e l'investimento sociale


Riferimenti

 

Empowering People, Driving Change. Social Innovation in the European Union (pdf) 

Il testo del bando "Welfare di comunità e innovazione sociale" (pdf)

Testo del bando "Cantiere Nuovo Welfare" di Fondazione CRC (pdf)


Potrebbe interessarti anche;

Il nuovo bando sociale di Cariplo: "Sarà una rivoluzione"

Se anche a Cuneo il welfare diventa comunitario

Cariplo si "sbilancia sulle politiche sociali"

Compagnia di San Paolo presenta le linee programmatiche 2014


Torna all'inizio

 
NON compilare questo campo