Stefano Neri

Stefano Neri, Ricercatore di Sociologia Economica presso il Dipartimento di Scienze Sociali e
Politiche, Università degli Studi di Milano.

 
I servizi per l’infanzia comunali nella crisi e il caso del Comune di Bologna
SETTIMO CAPITOLO - Stefano Neri approfondisce la situazione dei servizi per l'infanzia comunali negli anni della crisi. I Comuni, specialmente nel Centro-Nord, stanno sperimentando strade nuove rispetto all’esternalizzazione “pura”, ovvero forme gestionali diverse dalla gestione diretta, ma soggette a partecipazione e controllo pubblico: istituzioni, fondazioni, aziende speciali, società a capitale pubblico su cui l’ente locale esercita un controllo analogo rispetto ai suoi servizi. Nel capitolo è presente un'analisi dettagliata dell'esperienza implementata dal Comune di Bologna.
 
Garantire i servizi alla persona nella crisi. La fondazione Cresci@Mo di Modena
Settembre, è tempo di tornare a scuola, anche per i più piccoli. Ma le misure di austerità poste agli enti locali sulla spesa per il personale e il reclutamento stanno creando difficoltà crescenti a numerosi Comuni italiani anche nell’erogazione dei servizi per l’infanzia. Per far fronte a questo problema il Comune di Modena ha istituito nel maggio 2012 la Fondazione Cresci@Mo, a cui abbiamo già dedicato alcuni approfondimenti. Dopo il primo anno di attività, ecco i risultati.
 
La fondazione Cresci@mo del Comune di Modena
Continua il nostro approfondimento sull'esperienza della fondazione Cresci@mo, costituita dal Comune di Modena per continuare a garantire il servizio a gestione diretta di alcune scuole comunali che, a fronte dei vincoli normativi imposti dal Patto di Stabilità Interno, rischiavano di non poter più fornire le prestazioni educative finora erogate.
 
L'innovazione istituzionale al tempo della crisi: la fondazione per le scuole dell’infanzia di Modena
I vincoli imposti dal patto di stabilità interna e dalle misure di austerità prese a livello nazionale per fronteggiare la crisi finanziaria stanno determinando difficoltà molto rilevanti per gli enti locali a garantire i servizi ai cittadini. Oltre ai problemi di carattere economico derivanti dalla riduzione dei trasferimenti, altrettanto gravi sono i vincoli normativi posti all’assunzione del personale, che rischiano di condizionare le scelte gestionali delle amministrazioni locali. Il Comune di Modena sta mettendo a punto una soluzione innovativa, che cerca di contemperare la necessità di garantire i servizi per l’infanzia in presenza di forti vincoli alle assunzioni pubbliche e quella di salvaguardare un’esperienza di qualità riconosciuta a livello nazionale e internazionale.