Renato Ruffini

Professore di Economia aziendale, di corporate governance e di economia delle aziende pubbliche presso l’Università C. Cattaneo LIUC. Ha insegnato anche presso l’università Bocconi e la Lumsa. Dirige la rivista RU – Risorse umane nella P.a.. si occupa di management pubblico dal 1989, in particolare su temi relativi alla valutazione dei risultati, alla gestione delle risorse umane, al cambiamento organizzativo, ai sistemi di controllo, alla trasparenza e all’anticorruzione. Si occupa inoltre di economia civile ed è socio fondatore e componente del comitato scientifico della Scuola di economia civile (Sec) di Loppiano. Rispetto a tali temi ha scritto numerose pubblicazioni scientifiche e monografie.

 
Il welfare aziendale è possibile anche nel settore pubblico?
In tutti i settori produttivi del lavoro privato, sia pure con impatti e gradi di completezza diversi, il welfare aziendale sta vivendo una stagione di riscoperta culturale e di avvaloramento. Ma se tali pratiche negli ultimi anni hanno trovato un terreno molto favorevole nelle imprese private, nella pubblica amministrazione non si può dire altrettanto. Giovanni Scansani e Renato Ruffini ci descrivono la situazione del welfare aziendale nel settore pubblico.