Otto Lanzavecchia

Otto Lanzavecchia è laureando in Letteratura Comparata presso Goldsmiths, University of London, e intende continuare gli studi nel mondo del giornalismo. I suoi interessi includono l'evoluzione delle dinamiche politiche in Europa e nel mondo.

 
Opening up to an ERA of Social Innovation: a Lisbona la conferenza europea sul progresso e le eccellenze nella ricerca sociale
Il 27 e 28 novembre Lisbona è stata il teatro della conferenza "Opening up to an Era of Social Innovation", organizzata dalla Commissione Europea, dal governo portoghese e dalla Fondazione Calouste Gulbenkian con l'obiettivo di creare un ambiente proattivo dove discutere e implementare strategie per l’Europa del futuro. In tale contesto il Joint Research Centre dell’Unione Europea ha presentato il frutto di tre anni di ricerca nel campo delle "ICT-Enabled Social Innovations".
 
Opening up to an ERA of Social Innovation: the Conference About Social Research Progress and Excellency in EU
“Addressing the legacy of the crisis, from long-term unemployment to high levels of public and private debt in many parts of Europe, remains an urgent priority.” These are words from President Juncker in the White Paper on the future of Europe, stressing the importance of social progress as a collective duty. And in this very spirit the European Commission, the Portuguese Government and the Calouste Gulbenkian Foundation joined forces and announced “Opening up to an ERA of Social Innovation” Conference, to be held in Lisbon on 27 and 28 November.
 
The birth of Nesta Italia, a Foundation devoted to social innovation
October 17th marked the official start for Nesta Italia, an innovation-driven private Foundation aiming to bring to the Italian Third Sector "a proper revolution in the tackling of social problems". This brand-new institution is the result of the collaboration between Nesta, the philanthropic Foundation based in London with global scope, and the Italian Compagnia di San Paolo, ranking amongst the biggest private foundations in Europe.
 
La Scozia vuole innalzare le tasse sul reddito per finanziare il welfare
Il 5 settembre la Prima Ministra scozzese Nicola Sturgeon ha delineato davanti al Parlamento di Edimburgo il suo piano d’azione per l’anno a venire. Tra i punti chiave del programma risalta la presa in considerazione di un incremento delle tasse sul reddito dei più abbienti, mirato a finanziare un programma di sostegno sociale più efficiente ed esteso. Sturgeon ha inoltre annunciato l’avvio di una ricerca per valutare l'introduzione del “Reddito di base universale”.