Ilaria Foschi

Nata a Bologna, il 30 Luglio 1989 e ivi residente, nell'anno 2008 consegue il Diploma di Maturità scientifica presso il Liceo scientifico E. Fermi di Bologna. Nello stesso anno si iscrive al corso di laurea magistrale di Giurisprudenza presso l’Alma Mater Studiorum di Bologna e consegue la laurea nel 2014 con tesi in diritto assicurativo nel diritto sanitario, svolta presso l’Ufficio Legale - Assicurativo del Policlinico S.Orsola di Bologna. Una tappa significativa del suo percorso di formazione e lavoro è stata segnata dalla frequentazione della scuola in studi sulla P.A. di Bologna: nel 2015 al master annuale per giuristi di impresa e nel 2016 al corso biennale di approfondimento di studi amministrativi, terminato nel 2017 con una tesina sul decentramento comunale. Partecipa costantemente a numerosi corsi di aggiornamento e formazione che vertono sulle tematiche inerenti gli appalti pubblici, servizi pubblici locali e le novità normative su Enti Locali. Nel 2016 viene pubblicato un suo contributo sulla normativa nazionale dei servizi pubblici locali, in collaborazione con la SPISA di Bologna e collabora ad una proposta sul Made in Italy con una think thank di Roma. Attualmente collabora con il quartiere Savena del comune di Bologna, interessandosi, in particolare, di welfare. 

 
La scelta di Bologna: i quartieri, culle di welfare
Nati storicamente come centri di raccolta delle istanze politiche e sociali dei cittadini, i quartieri bolognesi nell’ultimo decennio hanno progressivamente perso molte funzioni gestionali poichè ricollocate a livello centrale. Recentemente hanno tuttavia accentuato i propri poteri consultivi e di rappresentanza, caratterizzandosi come luoghi della partecipazione in cui promuovere, anche con l'ausilio di nuove modalità sociali e tecnologiche, la presenza e il coinvolgimento della cittadinanza e di tutte le realtà del territorio.