Tag: governance

 
Come si costruisce una rete? L'esperienza dei doposcuola di Pavia
A Pavia sono presenti numerose e variegate esperienze di doposcuola consolidatesi nel corso degli anni. Grazie ad un progetto promosso dal Comune e finanziato da Regione Lombardia, gli operatori che offrono questi servizi hanno costituito un laboratorio partecipato per promuovere una rete locale e creare le condizioni per sviluppare progetti comuni, e che ad oggi ha portato alla realizzazione di una carta dei servizi valida per tutti i doposcuola comunali.
 
Inclusione possibile? A Cuneo un convegno nazionale per raccontare percorsi di co-progettazione sulla disabilità intellettiva
Il 1° dicembre, in prossimità della giornata internazionale delle persone con disabilità, a Cuneo si svolgerà il convegno nazionale "L'inclusione possibile. La rete territoriale per costruire percorsi di autonomia e vita indipendente". L'evento, promosso da Fondazione CRC, intende rilanciare l'attenzione sul progetto Orizzonte VelA e avviare nuove sinergie locali a supporto delle persone con disabilità intellettiva.
 
Capitale sociale: il filo rosso che lega le città che guardano al futuro
Gianluca Salvatori, segretario generale di Euricse, ha partecipato al Global Social Economy Forum di Bilbao, che si è concentrato sul tema "Values and competitiveness for an inclusive and sustainable local development". Vi proponiamo una sua riflessione scritta a margine dell'evento, in cui si interroga sul futuro sviluppo delle città, l'incresparsi delle disuguaglianze e le prospettive per l'economia sociale, approfondendo il rapporto tra Terzo Settore e governi locali.
 
Conoscere l'ecosistema Impact per allineare domanda e offerta di investimenti sociali
Occuparsi di Impact Investing non vuol dire solo spingere investitori e intermediari finanziari ad offrire capitali che guardino intenzionalmente anche all'impatto sociale oltre che al rischio e al rendimento. Si tratta anche di avere uno sguardo ampio sull'ecosistema Impact, ovvero su tutti quegli elementi ed attori necessari per favorire gli investimenti ad impatto sociale. A partire dai network "di servizio" che possono colmare alcuni gap esistenti.
 
Liguria: verso l’integrazione tra pubblico e Terzo Settore
La Regione Liguria – prima tra le Regioni italiane - ha approvato lo scorso dicembre il Testo Unico sulle norme del Terzo Settore, che razionalizza e innova l’intera normativa regionale in materia. Si tratta di un “evento” che oltre ad avere un’evidente utilità pratica - semplificare i rapporti tra Pubblica Amministrazione e Terzo Settore – ha un notevole impatto culturale, riconoscendo ufficialmente il ruolo che esso svolge nella funzione sociale. La normativa valorizza infatti la partecipazione dei soggetti attivi nel Terzo Settore nell’ambito socio-sanitario, educativo, ambientale, culturale, sportivo e ricreativo, dando così un notevole impulso all’attuazione della legge 328/2000 e all’applicazione del principio di sussidiarietà.
 
The English Compact, un esempio di governance territoriale per il Terzo settore
Il Compact è un accordo che regola i rapporti intercorrenti tra la pubblica amministrazione inglese e organizzazioni del Terzo settore in materia di politiche sociali. Attivo dal 1998, questo accordo nel corso degli anni è riuscito a strutturare e sviluppare le relazioni tra queste realtà creando, specialmente a livello locale, strutture di governance in grado di rispondere positivamente sia alle richieste provenienti dal mondo del non profit che alle esigenze proprie della pubblica amministrazione.