Rassegna Stampa

 
Hackability@Barilla, il bando per l'indipendenza dei disabili in cucina
Il progetto torinese Hackability, nato nel 2015 al Politecnico dall’intuizione di Carlo Boccazzi Varotto e dall’intraprendenza di numerosi studenti, ha lanciato insieme a Barilla una call al fine di trovare soluzioni innovative per la disabilità motoria in uno degli ambienti più importanti della casa: la cucina | Luca Scarcella, La Stampa, 6 ottobre 2017
 
Più difficile conciliare lavoro e figli. Crescono del 44% le dimissioni
L’Italia conferma la sua immagine di paese in cui le donne che fanno figli battono in ritirata. Non solo sono poche quelle che hanno un lavoro (il 48,9% contro una media europea del 62,5%), ma molte lo lasciano al primo figlio. Niente di nuovo, si dirà. Non proprio: se nel 2016 il 78% delle richieste di dimissioni convalidate dall’Ispettorato nazionale del lavoro ha riguardato le lavoratrici madri, ben il 40% delle domande è stato motivato dalla difficoltà di conciliare il lavoro con le esigenze di cura dei figli: un balzo del 44% sul 2015. E così mentre diminuisce (di poco), il numero totale delle madri che si dimette (-4% tra 2015 e 2016), sale quello che lo fa per motivi legati alla famiglia: 13.854 rispetto alle 9.572 del 2015.
 
Manovra da 19,6 miliardi di euro: "Priorità a giovani e povertà"
Il governo ha messo a punto la manovra economica per il 2018 da 19,6 miliardi di euro. «Daremo la priorità - ha spiegato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan - a giovani, povertà e investimenti» | La Stampa, 5 ottobre 2017
 
Ocse: "In Italia pochi laureati (sotto media di 10 punti), poco preparati e male utilizzati"
Mancano le competenze di base e avanzate e soltanto se l'Italia migliorerà in questo campo potrà in futuro prosperare e creare un ambiente più inclusivo. Si apre con questa considerazione il rapporto Ocse "Strategia per le competenze" per l'Italia, diffuso oggi dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico | La Repubblica, 5 ottobre 2017
 
Reddito di solidarietà, è tutto pronto in Emilia-Romagna: le istruzioni per l'uso
Il reddito di solidarietà creato con la legge regionale 24/2016 non è più solo sulla carta: dal 18 settembre infatti tutti gli emiliano-romagnoli, tramite i servizi sociali possono fare domanda. Due i requisiti necessari: avere un reddito Isee inferiore a 3mila euro e la residenza in Regione da almeno due anni | Caterina Giusberti, La Repubblica, 4 ottobre 2017
 
Lavoro: Fonarcom, fino a 3 mila euro per piani welfare
Fonarcom - il Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua - lancia una nuova iniziativa: il voucher "Informa Welfare", per finanziare piani formativi proposti dalle aziende iscritte al fondo o da studi professionali | Ansa.it, 3 ottobre 2017
 
Papa: bene "sistema Emilia", fatto di dialogo, solidarietà e welfare
Lavoro e cooperazione, buona politica, e accoglienza degli stranieri: sono questi gli assi portanti del “sistema Emilia” che Papa Francesco ha voluto porre al centro della sua visita pastorale nella regione Emilia-Romagna tenutasi ieri 1 ottobre. | Vittorio Nuti, Il Sole 24 Ore, 2 ottobre 2017
 
Integrazione Qui Bologna, l'accoglienza diffusa che funziona
In un anno e mezzo, grazie al portale ideato dalla cooperativa Camelot, 118 persone si sono candidate ad aprire le porte di casa propria per accogliere un rifugiato. Sono 28 le esperienze di accoglienza attivate, per 6/9 mesi. I nove ragazzi che hanno terminato il percorso ora hanno una casa loro, spesso un lavoro: storie di integrazione riuscita, presentate anche al Parlamento Europeo | Sara De Carli, Vita.it, 1 ottobre 2017
 
"Welfare in azione": Fondazione Cariplo e i progetti di housing per l'età anziana
Succede a Verbano Cusio Ossola e in alcuni altri Comuni del Novarese dove la Fondazione Cariplo sostiene da tempo il progetto «La cura è di casa» il cui principio è molto semplice: gli anziani del paese sono aiutati dai vicini, ognuno si prende cura di qualcuno | Paolo Foschini, Il Corriere, 30 settembre 2017
 
Welfare, ambiente e formazione nel rinnovo dell'integrativo IMA
I vertici di Industria Macchine Automatiche (IMA) hanno recentemente raggiunto l'accordo con le rappresentanze sindacali per il nuovo accordo integrativo aziendale: tra le altre cose, sono previste interessanti misure di welfare aziendale | Giulia Tiberi, Bollettino Adapt, 28 settembre 2017
 
Family Philanthropy: un’analisi dei trend delle fondazioni di famiglia
In occasione del 20simo anniversario del National Center for Family Philanthropy, Fondazione Lang Italia ha esplorato con il Vice President Jason Born gli strumenti utilizzati dalle fondazioni di famiglia in USA per aumentare la propria efficacia, spesso sulla spinta della nuova generazione di filantropi.
 
Bottura premiato a New York per Food For Soul, progetto di cibo e solidarietà
Massimo Bottura premiato a New York con il Sustainability Forward Award, nato per sottolineare l’impegno dei cuochi che hanno la capacità di guardare oltre il lavoro quotidiano e preoccuparsi anche del futuro | Eleonora Cozzella, La Repubblica, 27 settembre 2017
 
Crisi demografica: è tutta colpa della povertà?
Nel primo trimestre del 2017, in Italia, le morti sono aumentate del 15 per cento, i nati restano in calo (-2,6%) e il nostro deficit demografico è ora di 346mila unità. Purtroppo molti commentatori, ignorando gli 8.4 milioni di italiani che vivono in circostanze di povertà assoluta o relativa | Stefano Fait, L'Indro, 27 settembre 2017
 
I soldi e la comunità. Le due città che funzionano insieme
La lotta alla povertà con i 21 mila bambini di Milano che non mangiano a sufficienza, opportunità di lavoro per diecimila giovani, il welfare “di comunità”, l’housing sociale, che non sono le “case popolari”. Le periferie da far rivivere con fondi e cultura. Due ore, un fiume in piena. Giuseppe Guzzetti, 83 anni, testa e anima della Fondazione Cariplo, racconta – al forum del Foglio – quello che si deve fare a Milano per renderla insieme attrattiva e accogliente | Il Foglio, 25 settembre 2017
 
La dimensione sociale e il cuore dell'Europa
Un'Unione sociale europea capace di anteporre la "Ragion di Stato" a quella "di Mercato", la democrazia alla competitività. Intervistato da “L’Indro”, Maurizio Ferrera ci spiega questa prospettiva e ne illustra gli aspetti trasformativi e gli ostacoli, prendendo le mosse dalla questione relativa all'opportunità di abbandonare il metodo intergovernativo a vantaggio di una prospettiva di azione comunitaria | L'Indro, 21 settembre 2017
 
Le pieghe del mercato del lavoro
Che l’Italia stia vivendo una fase di crescita occupazionale è un dato innegabile, e i dati trimestrali diffusi ieri dall’Istat lo confermano. Ma interpretarne la natura e la qualità è una operazione complessa, anche perché occorre allontanare un po’ il punto di osservazione ed indagare l’andamento degli ultimi anni. | Francesco Seghezzi, Bollettino ADAPT, 24 settembre 2017
 
Tra gli italiani poveri e malati, 1 su 2 soffre di disagio psichico
Sempre più italiani sono affetti dal 'morbo' della povertà sanitaria e 1 su 2 soffre di disagio psichico. Lo rivela uno studio presentato durante il convegno che si è tenuto giovedì all'università degli studi di Milano dal titolo "Povertà sanitaria e accesso ai farmaci in una società multietnica". | Sara Pero, La Repubblica, 23 settembre 207
 
L'Orèal, i benefit di welfare aziendale diventano "su misura"
Si rafforza il welfare aziendale della filiale Italia del gruppo francese L’Oréal, tra i leader in Europa e nel mondo della cosmetica. Come parte integrante dell’ accordo con i sindacati per il contratto integrativo 2017-2019, L’Oréal adatta al nostro Paese il programma globale Share&Care: letteralmente, “condividere e avere a cuore” o, vista la ricchezza di significati della parola inglese care, “condividere e prendersi cura gli uni degli altri” | Il Sole 24 Ore, 23 settembre 2017
 
Welfare formato famiglia. Ecco il progetto vincente
Riccardo Prandini - docente di sociologia presso l’Università di Bologna – in vista della Conferenza nazionale della famiglia della prossima settimana, ha messo a punto un documento articolato con almeno sei importanti proposte concrete sulle politiche di welfare | Luciano Moia, Avvenire, 21 settembre 2017
 
Fame, l'analisi di un fenomeno inestinguibile: e le scelte decisive tardano ad arrivare
Sono 815 milioni le persone affamate nel 2016, rispetto a 777 milioni nel 2015. Un aumento che genera preoccupazioni, soprattutto se si pensa che gli sforzi globali in termini di risorse destinati agli aiuti umanitari, si aggira globalmente attorno ai 400 miliardi annui. Le Nazioni Unite e il senso nuovo e concreto che dovrebbero avere | Carlo Ciavoni,La Repubblica, 21 settembre 2017
 
Repetita iuvant: non è colpa dei giovani se non si iscrivono all'università
A distanza di pochi mesi da un dibattito praticamente identico, seppure innescato da statistiche diverse, anche nella scorsa settimana si è tornato a parlare delle (per alcuni discutibili) scelte universitarie dei giovani italiani, degli scarsi esiti occupazionali dei percorsi di laurea preferiti, dei preoccupanti tassi di abbandono. | Emmanuele Massagli, Bollettino Adapt, 20 settembre 2017
 
Esce il nuovo inserto de Il Corriere: "Buone Notizie - L'impresa del bene"
Da oggi è in edicola "Buone Notizie - L'impresa del bene", il nuovo inserto settimanale (gratuito) del Corriere della Sera che si propone di raccontare storie, esperienze, attività e prospettive di migliaia di realtà appartenenti al Terzo Settore italiano. La notizia principale di oggi riguarda il progetto Quid, in cui lavorano ex detenute, vittime di tratta, storie difficili
 
Generali si lancia nel welfare aziendale
Generali punta a cavalcare il business del welfare aziendale, settore dall'elevato potenziale a fronte della crescente difficoltà della mano pubblica a garantire una vasta rete di servizi ai cittadini. | Luigi dell’Olio, Il Piccolo, 19 settembre 2017
 
Poveri di serie A e poveri di serie B
Il 29 agosto il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legislativo di attuazione della legge sul contrasto della povertà, ma La strada da percorrere è ancora molto lunga: con le attuali risorse, saranno prioritariamente ammessi i nuclei con figli minorenni o disabili, donne in stato di gravidanza o disoccupati ultra-cinquantacinquenni: si coprirà così solo un terzo dei 4 milioni e mezzo di persone che vivono in povertà assoluta | Marco De Ponte, Huffington Post, 18 settembre 2017
 
Decreto da 110 milioni per le aziende che aiutano a conciliare famiglia e lavoro
Centodieci milioni sotto forma di sgravi contributivi destinati alle aziende che adottano misure per aiutare i dipendenti - uomini e donne - a conciliare famiglia e lavoro. È quanto mobilita un decreto firmato dai Ministeri dell’Economia e del Lavoro. Nell’attesa di leggere il testo, che dovrebbe essere pubblicato a breve sul sito del Ministero guidato da Giuliano Poletti, Rita Querzé segnala i principali contenuti del provvedimento. | Rita Querzé, La Ventisettesima Ora,
 
Il Corriere della Sera presenta «Buone Notizie», l'inserto pensato per raccontare il bene
Da martedì 19 settembre sarà in edicola "Buone Notizie - L'impresa del bene", il nuovo inserto settimanale (gratuito) del Corriere della Sera che si propone di raccontare storie, esperienze e prospettive migliaia di realtà appartenenti al Terzo Settore italiano. Il settimanale è stato presentato il 12 settembre a Milano, nella Sala Buzzati del Corriere della Sera. | Paolo Foschi, Corriere della Sera, 13 settembre 2017
 
Boschi, firmato decreto su conciliazione vita-lavoro
Mercoledì 13 settembre è stato firmato il decreto ministeriale per sostenere ulteriormente la conciliazione dei tempi vita-lavoro. Lo ha dichiarato Maria Elena Boschi, sottosegretaria alla presidenza del Consiglio | Il Diario del Lavoro, 13 settembre 2017
 
Accordo UBI Banca-Fondazione Mondino: verso la costruzione di un welfare di comunità
Merita di essere segnalato, nella oramai ampia e per certi aspetti anche romanzata casistica sul welfare occupazionale, il Regolamento Welfare Aziendale adottato lo scorso 5 settembre dalla Fondazione Mondino. Si tratta, in effetti, del primo caso di welfare aziendale attuato in una struttura sanitaria (quantomeno in Lombardia), che consente, grazie alla piattaforma UBI Welfare di ripensare la sostenibilità sociale oltre che economica del lavoro anche in contesti produttivi che fuoriescono dal tradizionale perimetro della fabbrica o dell’ufficio | Giada Benincasa, Bollettino Adapt, 12 settembre 2017
 
Ocse: Italia maglia nera per spesa istruzione. Neet un ragazzo su 4
In Italia un ragazzo tra i 15 e i 29 anni su 4 (26%) non è occupato o non è iscritto a un percorso di formazione (Neet), contro una media Ocse del 14%. Il picco si registra soprattutto in Campania, Calabria e Sicilia, dove è Neet più di un giovane su tre. Peggio dell'Italia per numero di Neet c'è solo la Turchia. E' quanto emerge dal rapporto Ocse "Uno sguardo sull'istruzione 2017", diffuso il 12 settembre 2017. | Ansa.it, 12 settembre 2017
 
Da welfare aziendale a welfare culturale
Con la leva fiscale che prevede la detassazione di alcuni benefit a favore dei dipendenti aziendali e la trasformazione dei premi produttivi in servizi, anche la cultura può entrare a far parte di questi ultimi. Aprendo una serie di ottime possibilità per le imprese culturali. L’impresa culturale, se lo vuole, può infatti operare come un Giano bifronte | Irene Sanesi, Artibune, 10 settembre 2017
 
Il dono al centro del welfare di Comunità, l'evento a Milano
Scuole, Comuni, Associazioni, Imprese e cittadini insieme per costruire la mappa dell’Italia che dona, un Paese capace di reagire alle difficoltà mettendo al centro la bellezza del Dono: è il 2° Giro dell’Italia che dona, rassegna nazionale che raccoglie tutte le iniziative realizzate dal 23 settembre all'8 ottobre che hanno come filo conduttore il Dono | Alessandro Barba, Il Corriere Sociale, 9 settembre 2017
 
Così importante ma tanto invisibile, ecco il welfare familiare
Il Governo e la politica fanno finta di non vedere ed il settore "domestico" continua a rimanere escluso da ogni forma di agevolazione: dagli sgravi per le assunzioni dei giovani (proprio quelle di cui si parla in questi giorni), agli sconti fiscali relativi al costo del lavoro. Eppure, come suggerisce lo stesso termine, un intervento in questa direzione arriverebbe direttamente e in modo strutturale dentro le case degli italiani, senza creare inutili contrapposizioni tra giovani e anziani, o tra ricchi e poveri. | Teresa Benvenuto, Huffington Post, 8 settembre 2017
 
Alzare le tasse per finanziare il welfare: l'idea percorre il Regno Unito, dalla Scozia a Londra
La leader scozzese Sturgeon ha chiesto la stretta fiscale per finanziare il reddito di cittadinanza. Ma anche l'Arcivescovo di Canterbury e il nuovo capo liberaldemocratico, Vince Cable, hanno messo il tema in agenda per abbattere le diseguaglianze sociali | Enrico Franceschini, Repubblica, 7 settembre 2017
 
Il welfare che ci cambia il lavoro (e la vita)
Oggi c’è una storia di welfare 4.0 che vale la pena di essere raccontata. Una promessa di nuovo patto sociale sul lavoro. Una speranza per la ripresa economica affidata anche ai programmi di welfare aziendale, misure al decollo dopo che se ne è stata stabilita la completa deducibilità dei costi per l’impresa e la decontribuzione per il dipendente . «Benessere e lavoro»: ci sta provando un’azienda su tre. Il binomio che abbraccia ormai un gran quantità di aspetti oltre alla salute e alla pensione.
 
Confcommercio, a luglio è aumentato l'indice del disagio sociale
A luglio l'indice che lo misura, il Misery Index di Confcommercio, l'indice che misura il disagio sociale, si è attestato su un valore stimato di 18,4 punti, in aumento di 3 decimi di punto rispetto a giugno, mese in cui si è registrato il valore più basso dall'aprile 2016 | Barbara Ardù, La Repubblica, 8 settembre 2017
 
La grande fuga dai nuovi voucher. L'Inps: "Ci sarà un crollo dell’80%"
Pochi mesi fa, la legge che ha modificato la regolamentazione dei voucher ha trasformato i vecchi buoni-lavoro in contratti di prestazione occasionale, vincolati a un complicato intreccio di limiti e divieti, che impedisce alla maggior parte delle imprese di accedervi | La Repubblica, 4 settembre 2017
 
Pensioni, il governo punta ad assegno minimo da 650 euro per i giovani
Prende forma la proposta del governo per garantire ai giovani, che andranno in pensione integralmente con il sistema contributivo, una rete di sicurezza che garantisca loro un assegno minimo da 650 euro, in caso i contributi versati non siano sufficienti a raggiungere questa soglia | La Repubblica, 1 settembre 2017
 
Alla iGuzzini premi e welfare aumentano la produttività
L’accordo integrativo 2016-2018 siglato nel marzo dell’anno scorso alla iGuzzini Illuminazione ha introdotto un meccanismo premiale di oltre 2.000 euro in tre anni. Il contratto ha previsto inoltre l’implementazione del sistema di welfare aziendale, con la possibilità di destinare parte dell’aumento al Fondo aziendale dedicato. | Giovanna Mancini, Il Sole 24 Ore, 31 agosto 2017
 
Pensioni, riparte il confronto: i nodi ape, rivalutazione e adeguamenti
Come ricostruito da Repubblica sono molti i fronti di intervento possibili in tema previdenziale. Innanzitutto c'è un primo tema quasi ineludibile: con la crescita dell'inflazione la rivalutazione degli assegni agganciata al costo della vita non è più una questione di spiccioli. C'è poi il tema dell'adeguamento all'aspettativa di vita dei requisiti anagrafici per l'accesso alla pensione | La Repubblica, 30 agosto 2017
 
Sulla questione natalità è la politica a dover intervenire
La questione della natalità è ormai da alcuni anni un problema di primo piano per il nostro Paese. Il cosa fare è noto, non abbiamo nulla da inventare e molto (non tutto) dipende dalla politica: servirebbe un grande programma per incentivare il "secondo welfare", con meccanismi di compartecipazione che potrebbero, tra l'altro, far emergere lavoro nero e creare nuova occupazione | Stefano Lepri, Huffington post, 29 agosto 2017
 
I poveri scontano colpe che non hanno
Schiacciati tra l’esaurimento dei mezzi di sostentamento e il divieto di migrare, i poveri del mondo subiscono una punizione per un reato sconosciuto. Cosa hanno fatto per meritare il loro destino? Perché sono puniti se non hanno commesso alcun reato? | Internazionale, 28 agosto 2017
 
Lavoro, ecco chi ha pagato il conto più salato della crisi
Gli incentivi alle assunzioni a tempo indeterminato (contratto a tutele crescenti), che il governo dovrebbe varare con la legge di Bilancio per il 2018, non riguarderanno tutte le assunzioni come il superbonus del 2015, ma solo quelle dei giovani e saranno molto più bassi. L’esecutivo sta ragionando su dove fissare il tetto d’età: se a 29 o 32 anni. L’andamento del mercato del lavoro negli ultimi 14 anni sembra però indicare che è soprattutto la fascia tra 25 e 34 anni che andrebbe sostenuta | Enrico Marro, Il Corriere, 28 agosto 2017
 
Lavoro e produttività: welfare aziendale in un contratto su tre
Dall'ultimo monitoraggio del Ministero del Lavoro sui premi di produttività emerge che tra i 12.711 contratti "attivi", 3.909 – quindi quasi uno su tre – offrono ai dipendenti la possibilità di scegliere il welfare aziendale "esentasse" in alternativa al bonus monetario in busta paga | Francesca Barbieri, Il Sole 24 Ore, 28 agosto 2017
 
BePooler, con la start up italiana il car pooling diventa welfare aziendale
Buoni carburante e posti auto riservati: le imprese premiano i colleghi che vanno al lavoro assieme. La piattaforma italiana sperimentata in Canton Ticino sbarca ora in Italia. Le prime aziende clienti si trovano a Milano e a Torino | Fausta Chiesta, Il Corriere della Sera, 25 agosto 2017
 
Salute: don Arice (Cei), “anche l’intera nostra società è un ospedale da campo segnato da crisi antropologica”
Don Arice (Cei), nel corso del suo intervento al Meeting di Rimini di "Comunione e Liberazione", ha ricordato “che sono 12 milioni gli italiani che rinunciano a curarsi (1 milione in più rispetto al 2015) e che in questi ultimi anni è cresciuta gradualmente la difficoltà di assistenza sanitaria fino a trovare difficoltà a curare patologie anche inserite nei Livelli essenziali di assistenza”. | AgenSIR, 25 agosto 2017
 
Vodafone paga la rata del mutuo
Le rate del mutuo? Le rimborsa l’azienda. Come pure il servizio di baby sitter, le rette scolastiche (dall'asilo all'università), i campus estivi, il tempo libero, l'assistenza anziani. Vodafone Italia, il colosso delle telecomunicazioni, ha appena riconfermato ai suoi dipendenti il piano di welfare aziendale | Claudio Tucci, Il Sole 24 Ore, 25 agosto 2017
 
La previdenza complementare stenta a decollare e i giovani rischiano di rimanere senza pensione
Secondo quanto riportato nella “Giuda introduttiva alla previdenza complementare” pubblicata dalla COVIP, alla fine del 2016 la previdenza complementare conta 7,8 milioni di iscritti, il 7,6% in più rispetto al 2015. Analizzando la distribuzione per fascia di età emerge, però, che nel 2015 soltanto il 19% dei lavoratori con meno di 35 anni è iscritto a una forma pensionistica complementare | Daniele Bussola, AssiNews.it, 24 agosto 2017
 
Più anziani non autosufficienti, meno posti letto: così i figli si indebitano per l’assistenza
Il Paese più vecchio d’Europa rischia di dimenticarsi dei propri anziani. In Italia il 21,4 per cento della popolazione ha più di 65 anni. La media europea è del 18,5. L’invecchiamento, del resto, non si ferma: nel 2050, secondo le stime Istat, gli over 65enni arriveranno a quasi 22 milioni, praticamente una persona ogni tre. Eppure, secondo l’ultimo rapporto dell’Irccs Inrca, tra i grandi Paesi europei il nostro è l’unico a non aver riorganizzato in maniera organica il suo sistema di continuità assistenziale | Lidia Catalano e Davide Lessi, La Stampa, 23 agosto 2017
 
Ecco come i Paesi europei aiutano le famiglie povere
C'è un filo rosso che unisce le capitali europee: l'offensiva contro la povertà. L'ultimo arrivato nel nostro Paese è il Reddito di inclusione, ma nell'ultimo decennio i big europei hanno messo in campo, con tempi e formule diverse, misure per il sostegno al reddito delle famiglie in difficoltà. Il Sole 24 Ore ha messo a confronto le principali iniziative a livello europeo | Chiara Bussi, Il Sole 24 Ore, 21 agosto 2017
 
L’integrativo Gucci prevede anche il “maggiordomo aziendale”
Gucci ha investito molto in materia di welfare aziendale. In particolare, il "conto welfare" introdotto grazie all'accordo può arrivare fino a 1.800 euro. Tra le nuove opportunità di welfare che i dipendenti di Gucci possono scegliere, si annoverano: una cassa sanitaria per il rimborso di visite e diagnostica, la copertura delle spese per l’istruzione dei figli e la cura dei familiari non autosufficienti, il potenziamento dei servizi relativi all'area salute, benessere, cultura e tempo libero | Silvia Pieraccini, Il Sole 24 Ore, 19 agosto 2017
 
Quello che avreste voluto sapere sull’impresa sociale (ma non avete mai osato chiedere)
L’impresa sociale è individuata dal dlgs 155/06 e che non rappresenta un soggetto giuridico a sé, ma una nuova qualificazione. Per saperne di più in merito, vi proponiamo l'intervista realizza da "Corriere Sociale" a Gianluigi Bertolli, titolare dello Studio Bertolli & Associati | Gianluca Testa, Corriere Sociale, 17 agosto 2017
 
Ape volontaria, decreto in via di chiusura. Fisco: dalla rottamazione fino a 2 miliardi di extra-incassi
Dopo il via libera del Consiglio di Stato, sembra che il decreto relativo all'Ape volontaria sia finalmente in dirittura d'arrivo e che manchino le limature per il provvedimento sull'Anticipo pensionistico volontario, che permette di accedere alla pensione con 63 anni e 20 di contributi, pagando una rata sul prestito | La Repubblica, 12 agosto 2017
 
L'osteopatia entra in azienda: il nuovo welfare secondo Barilla
I modelli di welfare aziendale e attenzione alla salute psico-fisica dei dipendenti si stanno allargando, sebbene l'Italia si sia mossa in ritardo rispetto ad altri Paesi, e non mancano le scelte curiose. E così in Barilla, tra le confezioni di pasta e affini, entra l'osteopatia. Il gruppo di Parma annuncia infatti l'avvio di un progetto pilota che coinvolgerà 450 dipendenti con differenti mansioni. | La Repubblica, 17 agosto 2017
 
Roccisano: più reti e più comunità, per il Sud servono politiche non convenzionali
Su Vita l'assessore al Welfare della Regione Calabria Federica Roccisano sottolinea come «i soli interventi classici rischiano di avere un impatto parziale se agiscono esclusivamente su aspetti di tipo quantitativo (PIL, occupazione) senza incidere sul benessere sociale delle persone e delle comunità che rappresenta la chiave principale per creare sviluppo in Calabria come nelle altre regioni del Mezzogiorno» | Federica Roccisano, Vita, 31 luglio 2017
 
Welfare, innovazione e giovani. Le opportunità per le imprese del Sud
Welfare che Impresa, Resto al sud, Premio Nazionale per l’Innovazione: sono alcuni dei bandi e delle iniziative di finanziamento di imprese innovative presentati questa settìmana a Napoli, nel Planetario di Città della Scienza, che ospita l’incubatore di impresa Campania NewSteel. Opportunità da sfruttare al volo, per chi nel Mezzogiorno abbia idee da proporre. | Fabrizio Geremicca, Corriere Sociale, 27 luglio 2017
 
Flexible benefit: 7 italiani su 10 vogliono servizi sanitari aggiuntivi
Secondo una recente indagine dell'Osservatorio Sanità di UniSalute (compagnia del gruppo Unipol specializzata in assistenza sanitaria) - che ha cercato di comprendere quali sono i servizi e i benefit di welfare aziendale più desiderati dai lavoratori italiani - la maggior parte dei lavoratori vorrebbe vedere garantiti dal proprio contratto le prestazioni sanitarie integrative | Veronica Ulivieri, La Repubblica, 25 luglio 2017
 
Olanda: da Ing congedi di paternità di un mese e volontariato d'impresa per lavoratori senior
Nei Paesi Bassi il gruppo Ing ha deciso di concedere un mese di libertà dal lavoro ai nuovi papà. Un periodo retribuito in cui i padri potranno stare a casa e seguire le prime settimane di vita dei piccoli appena nati. Una scelta molto forte visto che la legge olandese, come quella italiana, prevede al momento solo due giorni di assenza dal lavoro. | Sandra Riccio, La Stampa, 21 luglio 2017
 
Welfare metalmeccanico: 130 milioni in busta
Centotrenta milioni di euro. È quanto vale — per il 2017 — il welfare metalmeccanico. Il contratto nazionale impegna tutte le aziende del settore a pagare 100 euro in welfare nel 2017 ai dipendenti: 1,3 milioni le tute blu coinvolte. Nel 2018 si salirà a 150 euro, 200 nel 2019. Morale: i 130 milioni di euro di quest’anno, nel 2018 diventeranno 195, 260 nel 2019 | Rita Querzè, Corriere della Sera, 20 luglio 2017
 
Il Corriere della Sera lancerà un inserto nazionale per raccontare il Terzo Settore
Dalla seconda metà di settembre il Corriere della Sera ogni martedì sarà in edicola con un inserto settimanale gratuito che racconterà il mondo del Terzo settore nelle sue moltissime sfaccettature. Si chiamerà «Buone Notizie - L’impresa del bene» e il suo obietto sarà raccontare la "faccia positiva della realtà quotidiana" con "un approccio dedicato, serio, non improvvisato".
 
Bloccare l'età pensionabile costerebbe 1,2 miliardi
Evitare di far salire l'età pensionabile di pari passo con l'aspettativa di vita costerebbe circa 1,2 miliardi di euro. Lo sostengono voci vicino al dossier che sta esaminando la proposta bipartisan dell'inedito duo Damiano-Sacconi per scongiurare l'innalzamento a 67 già nel 2019 | Barbara Ardù, La Repubblica, 13 luglio 2017
 
Conciliazione vita-lavoro: ENEL ci crede e ottiene il certificato Family Audit Executive
La Provincia autonoma di Trento, tramite l’Agenzia per la famiglia, natalità e politiche giovanili, a seguito del pronunciamento del Consiglio dell’Audit, ha consegnato ad Enel Energia, dopo il percorso triennale, il certificato Family Audit Executive che permette all’organizzazione di intraprendere la successiva fase di altri tre anni del mantenimento prevista dello standard e che conferma l’impegno dell’azienda in tema di conciliazione vita-lavoro | Ufficio Stampa Provincia Autonoma di Trento, 14 luglio 2017
 
Chi è che sta sempre meglio in Italia?
Secondo l’ultimo bollettino diffuso dall’ISTAT sulla povertà in Italia, anche quest’anno nel nostro paese si conferma una tendenza in corso da oltre un decennio: gli anziani sono sempre più ricchi, o comunque rischiano sempre meno di diventare poveri, mentre i giovani sono in condizioni sempre peggiori. | Il Post, 14 luglio 2017
 
Dati che fanno riflettere e una doppia sfida. Casalinghe addio (ma il nuovo stenta)
Casalinghe, sempre di meno, sempre più anziane, sempre più povere e sempre più scontente. Ma esiste ancora la casalinga secondo il modello della tradizione, o forse è rimasta soltanto una donna che è stata espulsa dal mercato del lavoro o che non è mai riuscita a trovarvi uno spazio? La fotografia che l’Istat ha diffuso ieri sulla condizione delle "Casalinghe in Italia" contribuisce a chiarire tanti aspetti | Luciano Moia, Avvenire, 11 luglio 2017
 
Riscatto gratis della laurea per i neomatricolati e per chi è nato tra il 1980 e il 2000
Riscatto gratis per la laurea per chi si iscrive già dal prossimo anno all'Università. È questa la proposta del sottosegretario del sottosegretario dell'Economia Pierpaolo Barretta. Un'apertura importante che, come riporta il Messaggero, che consentirebbe ai cosiddetti Millennials di ricevere da parte dello Stato dei contributi figurativi per il periodo durante il quale hanno fatto l'Università. Ma non solo.
 
La voragine del cibo sprecato 5 milioni di tonnellate all’anno finiscono nell’immondizia
Da qualche mese recuperare alimenti da destinare a chi ne ha bisogno dovrebbe essere più facile. Lo scorso settembre è entrata in vigore la «legge Gadda» che ha l’obiettivo di ridurre il cibo buttato lungo la catena della produzione e della distribuzione, favorendo le donazioni. Un supermercato o un panificio che volessero dare via prodotti invenduti si scontravano con una giungla normativa. | Carola Frediani, La Stampa, 9 luglio 2017
 
Rossini (Acli): "Vogliamo essere presenti nel secondo welfare e collaborare con le organizzazioni che già vi operano"
"Il lavoro e il welfare sono i pilastri sui quali poggia la nostra azione, seguiamo con molta attenzione la crescita del cosiddetto secondo welfare. Noi vogliamo essere presenti nel secondo welfare e collaborare con il mondo delle organizzazioni che già vi operano. E ci vogliamo essere vivendo questo come un processo democratico". Lo ha detto il Presidente delle Acli Roberto Rossini | Agisir, 7 luglio
 
Un figlio o il lavoro: diventare madre comporta un taglio del salario del 35%
Decidere di avere un figlio per una donna occupata è rischioso sul piano economico. Non solo perché, ovviamente, aumentano i costi diretti, ma perché mette a rischio la continuità occupazionale ed anche se questa tiene, provoca nel medio e lungo periodo una perdita secca sul piano salariale, quindi in prospettiva anche sulla pensione futura. Questo è quanto emerso dalla recente Relazione del Presidente dell'Inps, Tito Boeri.
 
Più welfare per le lavoratrici madri, ma solo nelle grandi aziende
Ci sono già molte imprese in Italia che offrono asili nido aziendali o pagano parte delle rette. La milanese Intoo offre un servizio di coach per le neomamme. Ma solo ancora pochi esempi e per lo più offerti dalle multinazionali. Per le piccole e medie imprese c'è ancora poco | Barbara Ardù, La Repubblica, 6 luglio 2017
 
Istat: a inizio carriera precari più i laureati che i diplomati. E il 41% delle lavoratrici precarie è madre
In un’audizione in Commissione Affari costituzionali della Camera Il presidente dell’Istat Giorgio Alleva in audizione alla Cameraha messo in evidenza diversi dati interessanti. Almeno all'inizio della carriera, il lavoro precario interessa più laureati che diplomati, ovvero chi ha studiato di più. Cresce all’aumentare del titolo di studio. L’occupazione atipica al primo lavoro è infatti diffusa anche per titoli di studio secondari superiori o universitari e cresce all’aumentare del titolo di studio, essendo pari al 21,2% per chi ha concluso la scuola dell'obbligo e al 35,4% per chi ha conseguito un titolo di studio universitario.
 
Boeri ridisegna il Welfare: oltre al taglio del cuneo, quattro proposte per il dopo-crisi
Il presidente dell’Inps, Tito Boeri - all'interno della sua relazione annuale - lancia una serie di proposte di riforma del nostro sistema di protezione sociale e delle politiche del lavoro che va ben oltre la discussione sul taglio del cuneo fiscale per le assunzioni degli under 35. L'obiettivo è quello di far fronte alle sfide strutturali che il sistema di welfare italiano sta affrontando | Davide Colombo, 05 luglio 2017
 
Milano, quel "già e non ancora" che ispira l'Italia
Esiste un "modello Milano" oppure no? Non si tratta di coltivare alcuna forma di campanilismo, ma di capire se esiste un punto che possa far da volano per una ripresa in tutto il Paese. Perché storicamente Milano e la Lombardia hanno avuto questa funzione. È quanto si proprone il Rapporto sulla città Milano 2017 della Fondazione Ambrosianeum presentato il 3 luglio. | Silvia Becciu, Il Sussidiario, 4 luglio 2017
 
Il nuovo modello di welfare affonda le radici negli esempi virtuosi del ’900
Oggi, il secondo welfare, a fronte della crisi del primo, perde il carattere di sola supplenza all’azione statale per assumere un ruolo di complementarietà in espansione. Non a caso la Legge di stabilità 2016 ne fornisce ulteriore impulso con la detassazione dei premi di produzione corrisposti in servizi per i dipendenti | Aldo Bonomi, Il Sole 24 Ore, 3 luglio 2017
 
Welfare per i figli, oltre il fai da te
Nel 2016 le famiglie hanno trasferito ai giovani 38, 5 miliardi di euro. Un dato che emerge dall'ultima edizione del rapporto sul neo-welfare di Assimoco, da cui si osserva anche una chiara richiesta, da parte dei genitori, di soluzioni assicurative capaci di andare a proteggere le aree di vulnerabilità della prole in ogni fase della crescita: dalla nascita all'emancipazione. | Insurance Review, 2 luglio 2017
 
Il Pil è ormai uno strumento superato, non misura crescita e diseguaglianze
La ministra finlandese Berner si è messa alla guida di una rivoluzione inventandosi un nuovo sistema di trasporti e seppellendo contemporaneamente un meccanismo per misurare la crescita che la comunità internazionale utilizza dal 1929 | Andrea Malaguti, La Stampa, 26 giugno 2017
 
Bisogna riuscire a misurare il disagio per sconfiggerlo
Nel corso dell'editoriale della domenica, il direttore de La Stampa Maurizio Molinari sostiene che i movimenti di protesta in Occidente sono alimentati soprattutto dalle disuguaglianze economiche, ma i partiti politici tradizionali farebbero fatica ad identificarle e combatterle. Gli esempi attuali sono chiari: Trump negli Stati Uniti e il movimento pro-Brexit in Gran Bretagna, per citare i più rilevanti | Maurizio Molinari, La Stampa, 26 giugno 2017
 
Colf, badanti e baby sitter valgono 19 miliardi
Oltre 1,6 milioni di lavoratori e un giro d’affari che sfiora i 19 miliardi di euro. Questi i numeri del lavoro domestico, secondo quanto emerso nel corso del convegno nel corso del convegno “Welfare familiare: incentivi fiscali e trasparenzaper combattere il lavoro nero” che si è svolto ieri alla Camera dei Deputati. | Il Sole 24 Ore, 23 giugno 2017
 
Cresce il divario tra Nord e Sud. Nel Mezzogiorno un cittadino su due a rischio povertà
Si amplia la forbice tra Nord e Sud. Lo evidenziano i dati rielaborati dalla Cgia (Associazione Artigiani Piccole Imprese) di Mestre, che ha messo a confronto le diverse aree del Paese considerando gli andamenti del Pil pro-capite, dell'occupazione, della disoccupazione e dell'esclusione sociale negli anni pre-crisi e oggi. | La Repubblica, 24 giugno 2017
 
Ecco perché solo a Bolzano nascono ancora tanti bimbi
L'Alto Adige si è riconfermato anche quest’anno la “culla” d’Italia: la Provincia di Bolzano, secondo l’ultimo Rapporto Istat, è l’unica ad avere la popolazione in aumento (più 1,4) e un tasso di natalità ben più alto rispetto alla media nazionale (1,78 gli per donna contro 1,34) | Alberto Laggia, Famiglia Cristiana, 16 giugno 2017
 
«I bambini sono tutti uguali»: in Italia non è più vero
La Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza - in occasione della presentazione della Relazione annuale 2016 - ha presentato in Parlamento la sua relazione: «In questo momento il principio d’uguaglianza, che si riteneva acquisito, torna ad essere attuale, diventa una sfida, la sfida dell'uguaglianza | Sara De Carli, Vita.it, 14 giugno 2017
 
Pane solidale: a Milano si sforna di più per aiutare chi ha bisogno
Pane Solidale è un progetto partito in via sperimentale un anno fa ad Opera. Lo scopo è portare il pane avanzato nelle case di persone bisognose segnalate dai servizi sociali. | Marta Ghezzi, Corriere Sociale, 10 giugno 2017
 

 
Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24