WELFARE CONTRATTUALE /
 
Artigiani lombardi: dalle linee guida al primo contratto collettivo regionale
Iniziamo il nostro nuovo focus sulla contrattazione raccontandovi le novità contenute nel contratto collettivo regionale degli artigiani lombardi per quel che riguarda le aziende artigiane dell’area legno-lapidei. Un settore difficile da uniformare, costituito prevalentemente da piccole e micro-imprese sotto i 15 dipendenti, spesso a carattere familiare, che tuttavia vanta una lunga “tradizione bilaterale”. Vi raccontiamo le evoluzioni che hanno contraddistinto l'accordo negli ultimi due anni.
 
Il contratto regionale degli artigiani lombardi: l’intervista
Nel tentativo di ripercorrere le tappe e le motivazioni che hanno portato alla firma del primo contratto collettivo regionale degli artigiani lombardi del settore legno lapidei, e con l'intento di comprenderne l’importanza nel panorama nazionale, abbiamo posto alcune domande a uno dei firmatari del testo, Marco Boveri, segretario regionale della federazione FILCA CISL.
 
Un focus per raccontare accordi innovativi
Pur in una situazione di grande difficoltà, numerose aziende stanno introducendo iniziative di welfare con l’obiettivo di affiancare le istituzioni pubbliche nella fornitura di servizi a carattere sociale. Sia che si guardi ai dati promettenti, sia che si evidenzino i ritardi e i rischi, va assumendo grande rilevanza il monitoraggio e la valorizzazione dell'innovazione contenuta nei contratti e negli accordi di secondo livello. Per questo proponiamo di realizzare sul nostro sito uno spazio dedicato alla contrattazione, che racconti in maniera continuativa e sistematica le esperienze di contrattazione aziendale e sociale.
 
Focus Welfare e Contrattazione
Percorsi di secondo welfare, in collaborazione con CISL Lombardia e CISL Piemonte, ha scelto di dar vita a un nuovo focus tematico che racconti in maniera continuativa e sistematica le esperienze di contrattazione aziendale e sociale in essere in diverse aree del nostro Paese. Il monitoraggio e la valorizzazione dell'innovazione contenuta nei contratti e negli accordi di secondo livello rappresenta infatti un passaggio cruciale per individuare, raccontare e far conoscere le tante soluzioni innovative che prendono forma proprio in fase di contrattazione all'interno delle singole aziende e che vedono coinvolte imprese che fanno rete tra loro o con i soggetti del territorio.
 
Sindacato: come contrattare la conciliazione?
Lunedì 3 marzo presso la sede milanese della Cisl Lombardia, il Coordinamento Donne ha organizzato il convegno “Contrattare la conciliazione famiglia-lavoro”, un momento di informazione, riflessione e dibattito sui temi del welfare aziendale e della conciliazione tra tempi di vita e di lavoro rivolto a tutte le donne e gli uomini dell’organizzazione. L’incontro è parte integrante del percorso di rinnovamento interno all’organizzazione che passa attraverso la sensibilizzazione di tutti i membri verso i temi del welfare e della conciliazione e la riscoperta della centralità della contrattazione.
 
Conciliare vita e lavoro: se il sindacato punta sulla contrattazione
Nella modernissima Lombardia, il tasso di inattività raggiunge tra le donne il 54.5%: ancora oggi le donne lavorano meno, e si prendono cura della famiglia. Nel dibattito pubblico il tema della conciliazione vita-lavoro è ormai centrale, ma le istituzioni lo hanno capito? Paola Gilardoni, Segretario CISL Lombardia, ci ha parlato del rapporto tra sindacato e conciliazione, e ci ha raccontato del corso di formazione per sindacaliste iniziato proprio nel mese di settembre.
 
Un accordo regionale per il welfare aziendale nelle PMI
Lo scorso 24 aprile, la sede milanese di Confapi ha ospitato l’incontro tra la direzione regionale di Confapindustria e le segreterie regionali di Cgil, Cisl e Uil. Sindacati e rappresentanti delle PMI lombarde si sono infatti riuniti per firmare un accordo quadro regionale per la promozione di interventi ed azioni in tema di welfare aziendale e conciliazione vita-lavoro nel sistema della piccola e media impresa lombarda.
 
La conciliazione tra lavoro e cura: quali sfide per i sindacati?
Il percorso di formazione iniziato ormai lo scorso anno dalla Rete di Conciliazione di Pavia continua, e affronta temi sempre nuovi. Lo scorso 19 febbraio è stata la volta dei sindacati, della contrattazione decentrata e del ruolo delle relazioni industriali nell’ambito dello sviluppo di progetti locali e regionali. Come sempre, con la presenza di testimoni chiamati a raccontare novità, best practice e punti di vista. Per aggiungere un “tassello” al dibattito su welfare locale e conciliazione famiglia-lavoro.
 

 
Pagina 1 2 3