WELFARE CONTRATTUALE /
 
Banche: accordo per il nuovo congedo parentale a ore
Con il decreto legislativo 148/2015 sono state confermate le nuove regole sui congedi parentali a ore previste dal Jobs Act. Alla contrattazione collettiva, sia a livello di settore sia di singola azienda, è così concessa l’importante occasione di ridefinire le modalità di utilizzo in base alle esigenze delle parti. Dopo un'ampia riflessione, il settore bancario si è dotato del primo contratto di livello nazionale per la fruizione flessibile del congedo parentale.
 
Ecco come la crisi spinge il nuovo welfare nelle aziende
Sempre più spesso nelle sedi negoziali si identificano soluzioni previdenziali, sanitarie alla conciliazione famiglia-lavoro, sempre più indispensabili per contrastare gli effetti della crisi. Sul Sole 24 Ore Matteo Meneghello propone alcune "pillole" su aziende e istituzioni che hanno intrapreso questa strada. | Matteo Meneghello, Sole 24 Ore, 26 agosto 2015
 
Il nuovo contratto degli addetti degli studi professionali
Estensione del welfare a titolari e collaboratori, incentivi per l’assunzione di disoccupati e giovani, regolamentazione del telelavoro. Sono alcune delle novità contenute nell’ipotesi di accordo di rinnovo del contratto degli studi professionali raggiunta ieri tra Confprofessioni e i sindacati Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs che comprende un adeguamento della parte economica pari a 85 euro, a regime, per il terzo livello. | Matteo Prioschi, Il Sole 24 Ore, 18 aprile 2015
 
La Fiera della Contrattazione di Cisl Lombardia: un valore aggiunto
La Fiera della Contrattazione è un evento promosso annualmente da Cisl Lombardia in cui si svolgono incontri, dibattiti e tavole rotonde su diversi temi centrali per la vita del sindacato. Il vero cuore dell’evento, tuttavia, è la presentazione dei migliori accordi aziendali e territoriali raggiunti attraverso la contrattazione sindacale. Per cogliere appieno la portata di questa manifestazione abbiamo deciso di capirne meglio origine, evoluzione e configurazione grazie al confronto con Giorgio Caprioli, responsabile dell'Osservatorio sulla Contrattazione di Cisl Lombardia.
 
Rinnovo del CCNL del settore bancario: un accordo a “vocazione sociale”?
Si è parlato molto nei giorni scorsi del raggiungimento da parte di ABI e sindacati dell’ipotesi di accordo per il rinnovo del CCNL del settore bancario. Il testo - arrivato dopo lunghe e complesse trattative che hanno visto nelle scorse settimane momenti di stallo, mobilitazioni e persino il rischio di disapplicazione del contratto – contiene importanti novità di carattere “sociale”, come l’ampliamento degli strumenti a tutela dell’occupazione e la promozione del work-life balance.
 
Negoziazione sociale in Lombardia: l'accordo del Comune di Collebeato
Nel settembre 2013 il Sindaco di Collebeato - comune in provincia di Brescia in cui vivono 4.684 abitanti e 1.970 famiglie - Fnp Cisl e Spi Cgil di Brescia hanno firmato un accordo per sviluppare interventi per l’integrazione del reddito e per gli adulti in condizione di disagio economico e sociale, ma anche aiuti consistenti per la popolazione anziana. Un esempio di contrattazione di secondo livello che abbraccia il territorio, su un terreno che va oltre il luogo di lavoro e il conflitto sulla distribuzione del reddito da lavoro.
 
Un sistema premiante per i dipendenti ARIS di Cremona
Nel dicembre 2012 la Cisl-Fp e la Uil-Fpl hanno firmato il nuovo CCNL per il personale dipendente delle RSA e dei Centri di riabilitazione che fanno riferimento alla Sanità Privata ARIS, raggiungendo un accordo che ha permesso la tutela dei diritti normativi ed economici dei lavoratori in un momento di crisi economica e sociale particolarmente pesante. Accanto al contratto nazionale, nella provincia di Cremona è stato inoltre siglato un Contratto integrativo interaziendale che coinvolge alcune realtà del territorio e che ha introdotto alcune innovazioni nel campo della contrattazione di cui vogliamo raccontarvi meglio la fisionomia.
 
Welfare e produttività: la conciliazione alla Corneliani di Mantova
Vi raccontiamo i contenuti dell’accordo di secondo livello dell’azienda tessile Corneliani di Mantova, che negli ultimi due anni si è dimostrato una best practice nell’ambito delle politiche di conciliazione vita-lavoro. Per aiutare le famiglie, sindacati e azienda hanno strutturato un sistema caratterizzato da benefit e flessibilità, sviluppando una strategia di coinvolgimento dei dipendenti e di abbassamento dei livelli di assenteismo.
 
Welfare locale e contrattazione sociale: il caso di Lodi
Può sembrare strano, ma è proprio durante la crisi che il sindacato “esce” dai luoghi di lavoro per “allargarsi” al territorio. Non si limita più a discutere di orari, flessibilità, riorganizzazioni e questioni salariali, ma interagisce direttamente con le amministrazioni locali per garantire equità e servizi sociali all’intera cittadinanza. Ne è un esempio il recente verbale d’intesa sulla spesa sociale firmato a Lodi da sindacati e amministrazione comunale.
 
Reti territoriali di conciliazione: i bandi e i possibili interventi
Il 30 giugno 2014 sono scaduti i termini per presentare i progetti elaborati dalle alleanze territoriali e locali per poter accedere al finanziamento della Regione Lombardia per le Reti Territoriali di conciliazione (RTC), finalizzate a sviluppare e consolidare sul territorio regionale le politiche di conciliazione famiglia-lavoro. In attesa di sapere quali saranno le iniziative finanziate dalla Regione, si presentano le principali caratteristiche dei bandi e - in base all’analisi di alcune recenti esperienze nel settore delle politiche di conciliazione - si delineano alcune possibili iniziative da implementare.
 
Welfare integrato: una proposta
A causa dei grandi mutamenti determinati dalla crisi economica e occupazionale si registra, da un lato, un crescente bisogno di protezione sociale da parte dei cittadini e, dall’altro, la continua riduzione delle risorse a disposizione del welfare pubblico. Quest’ultimo aspetto impedisce al sistema di rispondere efficacemente ai bisogni dei cittadini e di assolvere pienamente ai compiti per il quale è stato creato. In occasione della Giornata Nazionale della Previdenza, tenutasi a Milano dal 14 al 16 maggio scorso, Assoprevidenza e Percorsi di secondo welfare si sono confrontati sulle sfide a cui è sottoposto il modello di welfare italiano, alla ricerca di soluzioni per tutelare persone e famiglie e trasformare le politiche sociali da voce di costo in fattore di crescita e investimento.
 
Accordo Cisl Lombardia e Welfare Italia sui servizi sanitari
Nella fase attuale i bisogni e le nuove fragilità devono fare i conti risorse limitate e schemi tradizionali di welfare spesso non adeguati, che hanno portato nel tempo ad un incremento della spesa privata, in particolare quella sanitaria, per l'acquisto di beni e servizi da parte dei cittadini e delle famiglie. E’ in questo contesto che Welfare Italia Servizi e Cisl Lombardia hanno sottoscritto un protocollo d’intesa volto a promuovere un innovativo sistema di protezione sociale e sanitaria per rafforzare le tutele di lavoratori e pensionati iscritti al sindacato e per integrare, attraverso la contrattazione, le tutele fornite dai programmi di primo welfare e dai fondi sanitari e previdenziali integrativi.
 
Cooperative: nuovo accordo in Lombardia
Lo scorso 30 giugno in Lombardia, AGCI, Confcooperative, Legacoop, Cgil, Cisl e Uil hanno firmato un’intesa territoriale che integra quanto previsto dal DPCM 19 febbraio 2014 col riconoscimento dell’opportunità di promuovere “interventi che favoriscano politiche di conciliazione vita-lavoro e family friendly attraverso lo strumento della fiscalità agevolata”. Cerchiamo di capire – con l’aiuto di Paola Gilardoni, Segretario regionale della Cisl Lombardia – la portata e le potenzialità dell’intesa territoriale lombarda.
 
Garantire la qualità e tutelare i dipendenti: binomio possibile?
L’11 luglio 2011 a Lecco, le organizzazioni sindacali e il consorzio Consolida firmavano l'accordo collettivo che dava avvio al progetto Benessere al lavoro e benessere in famiglia, con l'obiettivo di diffondere la "cultura della conciliazione" e fornire alle famiglie strumenti efficaci per praticarla. Due anni più tardi, i benefici di quell’accordo innovativo sono estesi a tutti i dipendenti delle cooperative della provincia.
 
A Cuneo un fondo provinciale a sostegno della genitorialità
Un sostegno in più ai genitori. Un fondo per il congedo parentale, un sostegno per le spese mediche del tuo bambino. Questo è lo slogan che appare su una locandina distribuita nella provincia di Cuneo per informare la popolazione circa la nascita di un Fondo di Sostegno al reddito costituito dagli Enti Bilaterali del Commercio e del Turismo nati dalla collaborazione tra Confcommercio e Organizzazioni Sindacali di categoria - Filcams, Fisascat e Uiltucs - che ha lo scopo di promuovere e sostenere lo sviluppo dei due settori salvaguardando l’occupazione e la professionalità degli addetti.
 
La contrattazione decentrata in Lombardia
Il prossimo 4 giugno a Sesto San Giovanni si svolgerà la fiera della contrattazione di Cisl Lombardia, momento di dialogo, confronto e apprendimento sui temi della contrattazione e l'occasione per vedere premiati gli sforzi di quanti all’interno del sindacato lombardo promuovono l’innovazione nella contrattazione decentrata. Quest’anno la fiera, giunta alla sua quarta edizione, presenta un format del tutto particolare: l'appuntamento di Sesto infatti costituisce solo l’ultima tappa di un percorso iniziato nelle settimane precedenti, che si è snodato su tutti i territori lombardi: vi raccontiamo cosa è successo.
 
Artigiani lombardi: dalle linee guida al primo contratto collettivo regionale
Iniziamo il nostro nuovo focus sulla contrattazione raccontandovi le novità contenute nel contratto collettivo regionale degli artigiani lombardi per quel che riguarda le aziende artigiane dell’area legno-lapidei. Un settore difficile da uniformare, costituito prevalentemente da piccole e micro-imprese sotto i 15 dipendenti, spesso a carattere familiare, che tuttavia vanta una lunga “tradizione bilaterale”. Vi raccontiamo le evoluzioni che hanno contraddistinto l'accordo negli ultimi due anni.
 
Il contratto regionale degli artigiani lombardi: l’intervista
Nel tentativo di ripercorrere le tappe e le motivazioni che hanno portato alla firma del primo contratto collettivo regionale degli artigiani lombardi del settore legno lapidei, e con l'intento di comprenderne l’importanza nel panorama nazionale, abbiamo posto alcune domande a uno dei firmatari del testo, Marco Boveri, segretario regionale della federazione FILCA CISL.
 
Un focus per raccontare accordi innovativi
Pur in una situazione di grande difficoltà, numerose aziende stanno introducendo iniziative di welfare con l’obiettivo di affiancare le istituzioni pubbliche nella fornitura di servizi a carattere sociale. Sia che si guardi ai dati promettenti, sia che si evidenzino i ritardi e i rischi, va assumendo grande rilevanza il monitoraggio e la valorizzazione dell'innovazione contenuta nei contratti e negli accordi di secondo livello. Per questo proponiamo di realizzare sul nostro sito uno spazio dedicato alla contrattazione, che racconti in maniera continuativa e sistematica le esperienze di contrattazione aziendale e sociale.
 
Focus Welfare e Contrattazione
Percorsi di secondo welfare, in collaborazione con CISL Lombardia e CISL Piemonte, ha scelto di dar vita a un nuovo focus tematico che racconti in maniera continuativa e sistematica le esperienze di contrattazione aziendale e sociale in essere in diverse aree del nostro Paese. Il monitoraggio e la valorizzazione dell'innovazione contenuta nei contratti e negli accordi di secondo livello rappresenta infatti un passaggio cruciale per individuare, raccontare e far conoscere le tante soluzioni innovative che prendono forma proprio in fase di contrattazione all'interno delle singole aziende e che vedono coinvolte imprese che fanno rete tra loro o con i soggetti del territorio.
 

 
Pagina 1 2 3