WELFARE CONTRATTUALE /
 
Sbarra (Cisl): il welfare aziendale è un'opportunità per creare valore condiviso
Lo scorso 17 luglio, a Roma, sono stati presentati i risultati del 4° rapporto curato dall'Osservatorio sulla Contrattazione di Secondo Livello (Ocsel) di Cisl. I dati hanno evidenziato un'importante crescita del fenomeno del welfare aziendale. Con lo scopo di approfondire quanto emerso dal rapporto abbiamo intervistato Luigi Sbarra, Segretario Generale Aggiunto di Cisl, che ci ha parlato delle opportunità della contrattazione aziendale e del welfare, anche in ottica futura.
 
Ocsel: ecco come cresce la contrattazione di secondo livello e il welfare aziendale
Lo scorso 17 luglio, a Roma, sono stati presentati i risultati del 4° rapporto curato dall'Osservatorio sulla Contrattazione di Secondo Livello (Ocsel) di Cisl. Il documento, che si riferisce al biennio 2016-2017, raccoglie i dati relativi a oltre 2.000 contratti che interessano quasi un milione di lavoratori. In questo articolo vi presentiamo i principali risultati emersi dell’indagine, ponendo particolare attenzione al tema del welfare aziendale.
 
Welfare contrattuale: nuovi "scatti" per i CCNL del settore metalmeccanico e delle telecomunicazioni
In materia di welfare aziendale e contrattuale sono in arrivo due importanti scadenze per diverse aziende italiane: la prima riguarda il Contratto Nazionale del comparto Metalmeccanico, la seconda quello del settore Telecomunicazioni. La presenza di quote da destinare al welfare all'interno di contratti nazionali di settore sembra essere un fenomeno sempre più diffuso, ma quali sono le opportunità e i rischi di tale dinamica?
 
L'assistenza sanitaria integrativa di origine contrattuale: quali sono i settori produttivi coperti?
Le forme di assistenza sanitaria integrativa istituite da contratti o accordi collettivi hanno natura, per definizione, collettiva e investono il rapporto di lavoro, in quanto ad esso applicabile la fonte istitutiva. In questo ambito, le persone possono accedere a tali forme di assistenza integrativa in quanto lavoratori, ossia in virtù del loro rapporto di lavoro | Silvia Fernandez, Welfare for People, 16 maggio 2018
 
L'occupazione in ripresa con formazione e welfare
La migliore politica attiva non può prescindere dalla formazione: perché sono le competenze e il loro continuo aggiornamento a fare la differenza sul mercato del lavoro per i singoli, per le aziende e per i sistemi territoriali dove le imprese operano. La conferma arriva dall’esperienza sul campo delle agenzie di somministrazione del lavoro (Apl) e del sistema formativo che le stesse hanno messo a punto con Forma.Temp | La Repubblica, 28 maggio 2018
 
Settore moda: il sistema welfare raddoppia
Il welfare integrativo per i dipendenti del settore Moda si amplia e si struttura con l’avvio di Sanimoda, che va ad affiancare il fondo pensionistico complementare Previmoda. Nato nel luglio 2017, Sanimoda, che si rivolge a una platea potenziale di 400.000 lavoratori, ha inaugurato lo scorso 1° aprile la copertura assicurativa a favore dei propri iscritti | First Online, 23 aprile 2018
 
Welfare in aumento grazie ai contratti territoriali
Oggi il 41% dei contratti attivi prevede misure di welfare aziendale, quasi un contratto su due. La contrattazione territoriale, grazie all’accordo quadro sottoscritto da Confindustria e sindacati a luglio 2016, ha favorito la diffusione del welfare nelle piccole e medie imprese | Avvenire, 16 aprile 2018
 
La retribuzione variabile in Europa: analisi e spunti dal rapporto dell'Eurofound
Eurofound, la Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro, ha di recente pubblicato il rapporto "Salary-setting mechanisms across the EU", il quale contiene un interessante focus sulla diffusione delle forme di retribuzione variabile in 28 paesi dell’Unione Europea | Davide Mosca, Bollettino ADAPT, 9 aprile 2018
 
Patto della Fabbrica: novità per il welfare aziendale
Il cosiddetto Patto della Fabbrica, l’accordo raggiunto di recente da Confindustria e sindacati, segna un passo importante nello sviluppo delle relazioni industriali, specie per quanto riguarda il tema del welfare aziendale | Gregorio Fogliani, Formiche.net, 22 marzo 2018
 
Petteni (Cisl): welfare aziendale è fattore strategico per la contrattazione, ma restano tante sfide da affrontare
Con lo scopo di approfondire gli obiettivi dell'accordo firmato quest'oggi da Confindustria, Cgil, Cisl e Uil, abbiamo intervistato Gigi Petteni, Segretario Confederale di Cisl. In particolare, Petteni ci aiuta a comprendere quali possono essere le opportunità dell'accordo in materia di welfare aziendale e contrattuale. Ecco l'intervista realizzata da Valentino Santoni.
 
Confindustria, Cgil, Cisl e Uil: verso un nuovo modello di contrattazione
Nella notte del 28 febbraio scorso, Confindustria, Cgil, Cisl e Uil hanno raggiunto un accordo che si propone di dar vita ad un nuovo modello di relazioni industriali e di contrattazione. Grazie all'accordo, le parti sociali affermano la centralità dei livelli di contrattazione nazionale e aziendale, introducono i concetti di trattamento economico complessivo e trattamento economico minimo e attestano la rilevanza del welfare aziendale e contrattuale.
 
Le prospettive del welfare aziendale dopo la firma del "Patto per la Fabbrica"
Il "Patto per la Fabbrica" siglato il 28 febbraio 2018 da Confindustria con Cgil, Cisl e Uil, contiene delle linee-guida destinate ad ammodernare le relazioni industriali e la contrattazione collettiva. Tra le tematiche centrali vi è il welfare aziendale e contrattuale. In questo articolo Giovanni Scansani individua le opportunità che, in prospettiva futura, scaturiscono dall'accordo proprio in materia di welfare.
 
Sclerosi multipla: Merck Serono sostiene i lavoratori malati
La sclerosi multipla è una patologia cronica e degenerativa particolarmente diffusa in età lavorativa. Un nuovo accordo tra l'azienda farmaceutica Merck Serono, la Femca Cisl e l'AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla Onlus) offre nuove opportunità per i lavoratori affetti da questa patologia. In questo approfondimento vi raccontiamo in cosa consistono le misure introdotte.
 
Le proposte dei partiti su welfare aziendale e contrattazione
In vista delle prossime elezioni politiche vi proponiamo il terzo di una serie di approfondimenti tematici che prendono in esame le proposte delle principali forze in campo in alcuni degli ambiti di policy più rilevanti per la ricalibratura del nostro sistema di protezione sociale, fra primo e secondo welfare. In questo articolo Federico Razetti e Valentino Santoni analizzano le posizioni in materia di welfare aziendale.
 
Si arricchisce il welfare integrativo per gli artigiani veneti
Nel corso del 2017, attraverso la contrattazione regionale, il comparto dell'artigianato in Veneto ha rafforzato le misure di welfare integrativo. In particolare, le parti sociali si sono accordate per incrementare i sistemi di previdenza complementare e di sanità integrativa rivolti ai lavoratori di alcuni settori del comparto. In questo articolo, il nostro Valentino Santoni ci racconta di che cosa si tratta e quali sono le novità introdotte.
 
Lavoro, accordo storico in Germania: aumento di stipendio del 4,3% e chi vuole può lavorare 28 ore a settimana
In Germania, nella regione del Baden-Wurttemberg, a 900mila lavoratori del settore metalmeccanico è stato riconosciuto un aumento in busta paga del 4,3%, ma soprattutto il diritto ad accorciare la settimana lavorativa a 28 ore, per un periodo massimo di due anni. E la settimana accorciata potrà essere chiesta più di una volta, durante la carriera lavorativa | Huffington Post, 6 febbraio 2018
 
Cgil: continua a crescere la contrattazione sociale territoriale
Negli ultimi anni, a causa delle mutate condizioni economiche e sociali, la contrattazione sociale territoriale - cioè quella realizzata a livello locale fra istituzioni, sindacati e associazioni - ha assunto una notevole rilevanza nel nostro Paese. Con lo scopo di mappare la diffusione del fenomeno, le principali sigle sindacali hanno istituito degli osservatori. In questo articolo vi presentiamo i dati presentati all'interno del rapporto dell'Osservatorio di Cgil.
 
Esselunga pensa ai dipendenti: crescono i servizi di welfare
Nuovo accordo tra Esselunga e i sindacati Filcams, Fisascat e Uiltucs per ampliare l’offerta dei servizi di welfare per i dipendenti dell’azienda. Una prima intesa era stata siglata lo scorso anno dando la possibilità di convertire il premio di risultato in servizi welfare esentasse al 100% (ne avevamo parlato anche in un nostro articolo) | Claudio Cartaldo, Il Giornale, 1 febbraio 2018
 
Accordo tra Health Italia e Enti Bilaterali per il welfare contrattuale
Gli enti bilaterali costituiti dalla Cisal con Anpit, Cidec e Unica (En.Bi.C. - Ente Bilaterale Confederale), Anaci e Saci (En.Bi.F. - Ente Bilaterale Federale) e con Anpit (En.Bi.Ms - Ente Bilaterale Metalmeccanici e Servizi) sono da anni attivi nel garantire un processo di crescita costante delle aziende iscritte, partecipando alla costruzione di un sistema di welfare che si arricchisce | Assinews.it, 20 dicembre 2017
 
Il welfare aziendale sbarca anche nel settore telecomunicazioni
Lo scorso mese di novembre le parti sociali hanno raggiunto l'accordo sul nuovo integrativo valido per i lavoratori e le lavoratrici delle imprese che realizzano servizi di telecomunicazione. La grande novità, per ora valida solo per l'anno 2018, riguarda l'introduzione del welfare aziendale per cui è previsto un contributo procapite di 120 euro da parte delle imprese. In questo modo, il CCNL telecomunicazioni va ad aggiungersi agli altri Contratti collettivi che prevedono piani welfare.
 

 
Pagina 1 2 3 4