TERZO SETTORE /
#GiovaniDiValore: la parola ai protagonisti
Nicolò Cagnan e Mirko Migliarino ci raccontano come sta andando il progetto di autoimprenditorialità dedicato agli under29 del varesotto
05 aprile 2017

#GiovaniDiValore è un progetto in rete di welfare locale e di promozione dell’occupazione giovanile in Provincia di Varese. Finanziato grazie al bando Welfare in Azione di Fondazione Cariplo e a attività di fundraising, questa iniziativa si propone di creare le condizioni per consentire agli under 29 di avviare il proprio ingresso nel mondo del lavoro e fare fiorire le proprie potenzialità all’interno del territorio del varesotto.

Abbiamo indagato su come è proseguita l’attività degli organizzatori dall’evento lancio (di cui ci siamo già occupati in un precedente articolo). Di seguito vi proponiamo un focus sui peculiari interventi di promozione dell’autoimprenditorialità giovanile, grazie ad un’intervista a Nicolò Cagnan, uno dei giovani promotori di #GiovaniDiValore, e a Mirko Migliarino, uno dei coordinatori junior.


Giovani (organizzatori) di valore

Nicolò e Mirko sono due protagonisti di #GiovaniDiValore che, per età e per ruolo di promozione e coordinamento all’interno del progetto, sono veri esempi di giovani di valore. Li abbiamo incontrati in occasione del Lab 20.17, un evento coorganizzato con Cesvov (Centro Servizi per il Volontariato della Provincia di Varese) per promuovere l’associazionismo giovanile, e abbiamo raccolto la loro esperienza all’interno del progetto per capirne meglio il funzionamento.

Nicolò è una delle menti ideatrici del progetto, cui è arrivato grazie alla sua militanza nel volontariato (è ora presidente dell’associazione giovanile S.M.Art) e alla rete di contatti intessuta con altri enti volontaristici (come L’Aquilone e B.plano), mentre Mirko è uno dei giovani neoassunti (in virtù anche delle attività extrascolastiche con cui ha saputo valorizzare il proprio curriculum) che ha potuto realizzare le proprie ambizioni di autonomia grazie alle molte call di opportunità di lavoro, avviate da #GiovaniDiValore già durante il lancio del progetto e tuttora lanciate sulla pagina Facebook.


Le opportunità operative di #GiovaniDiValore per gli imprenditori di domani

Oltre a facilitare la comprensione della vita in azienda con opportunità di stage, uno degli aspetti centrali su cui gli organizzatori puntano per migliorare le occasioni di inserimento nel mondo del lavoro è la promozione dei percorsi di autoimprenditorialità giovanile. I momenti di formazione in questa direzione sono molti e spaziano in diverse direzioni operative, come il business plan e l’innovazione, e includono anche confronti informali tra piccoli gruppi (world cafè). Tutte iniziative (gratuite ed espressamente volute a numero contenuto, per promuovere la creazione di contatti) che hanno realizzato il sold out e saranno riproposte, con un nuovo taglio, da aprile 2017, data di avvio del secondo ciclo dell’iniziativa formativa. Per aiutare lo sviluppo di autonomi progetti d’impresa, è poi offerto un servizio di consulenza one to one, dunque molto personalizzato, e l’accesso ad una rete di esperti.

All’interno del progetto sono stati anche previsti degli appositi luoghi fisici (i coworking Vitamina C e Corgeno), strutturati come open space, per promuovere l’incontro ed il confronto tra i futuri giovani imprenditori. A Vitamina C, in ottica di welfare locale, si incoraggia la creazione di una community improntata al tema della reciprocità: qui si lavora e ci si forma insieme per sviluppare progetti che abbiano una ricaduta positiva sulla comunità.

A Corgeno invece la vocazione è artistica e vi si promuovono attività grafiche e realizzazioni video, grazie alla sala pose annessa, oltre ad attuare, grazie alla attivazione di uno spazio comune, un progetto di riqualificazione di una zona periferica.


La rete e il lavoro in team

Con gli altri partner di #GiovaniDiValore, Nicolò e Mirko hanno dato origine ad una rete che si caratterizza dall’eterogeneità dei mondi di appartenenza dei nodi e che è tuttora rimasta intatta. Conoscere le caratteristiche attivate per raggiungere questi risultati può costituire un punto di riflessione per i più giovani, per migliorare il funzionamento dei loro futuri team di lavoro. Secondo i due giovani protagonisti, realizzare un’azione condivisa tra soggetti pubblici, privati, profit e non, giovani e adulti è stata una bella sfida, vinta grazie alla curiosità e alla capacità di ascolto: tutti atteggiamenti utili per realizzare anche un confronto generazionale positivo.


Il territorio di riferimento e le criticità su cui lavorare

Uno dei propositi di #GiovaniDiValore è consentire alle giovani risorse umane presenti in Provincia di Varese di esplicare il proprio potenziale all’interno del territorio stesso. Dal loro osservatorio privilegiato e grazie ad appositi questionari avviati sui canali giovanili di ricerca del lavoro, Nicolò e Mirko hanno avuto modo di farsi un’idea precisa della situazione.

Secondo la loro esperienza l’area varesina è ricca di iniziative e di eventi e dunque caratterizzata da grande vitalità. Purtroppo permane una certa insoddisfazione nei giovani a livello occupazionale e un gap comunicativo, che possono però essere risolti investendo nella creazione di relazioni e creando sinergie tra quanto di positivo è già presente in zona, come appunto si attivano a fare attraverso #GiovaniDiValore.


Il consiglio ai futuri giovani imprenditori

In chiusura, abbiamo chiesto a Nicolò e Mirko di suggerire ai lettori più giovani una caratteristica da coltivare per realizzare un proprio percorso professionale di successo. La risposta, unanime, è stata: il coraggio. ”Aprirsi al maggior numero possibile di opportunità e di contatti e non avere paura di sbagliare, nemmeno in ottica imprenditoriale: una esperienza nasce e finisce, però, nel contempo, si riempie una sacca che si può svuotare in seguito e altrove”.


Qualche link utile per i giovani lettori di Percorsi di Secondo Welfare

 


Da #GiovaniDiValore a protagonisti del futuro

Below 10: un'iniziativa internazionale per contrastare l'abbandono scolastico in provincia di Cuneo

Prevenzione delle malattie cardiovascolari e secondo welfare: l'esperienza di Cardioteam Foundation Onlus
 
NON compilare questo campo