TERZO SETTORE / Fondazioni
Orizzonte VelA: continua l'impegno di Fondazione CRC per la trasformazione dei servizi rivolti a persone con disabilità
La Fondazione cuneese stanzierà 400 mila euro per interventi e progetti rivolti al sostegno alla disabilità
30 novembre 2017

Domenica 3 dicembre si celebra la Giornata mondiale della disabilità: la Fondazione CRC è particolarmente soddisfatta di presentare, proprio in questi giorni, Orizzonte VelA, un’iniziativa frutto del lavoro di co-progettazione realizzato nei mesi scorsi con gli enti e le organizzazioni del territorio. Con Orizzonte Vela puntiamo a rendere sistematico e coordinato il lavoro svolto sui temi della disabilità in provincia di Cuneo” spiega Giandomenico Genta presidente di Fondazione CRC.

Infatti, i processi di trasformazione dei servizi per la disabilità innescati dalla Fondazione CRC attraverso il progetto “VelA – Verso l’Autonomia non si fermano ma, al contrario, continuano con “Orizzonte VelA”: nuovo intervento lanciato il 21 novembre 2017 con la firma di un protocollo che ha coinvolto diversi attori del territorio (si veda l'immagine):

  • 6 consorzi socioassistenziali: Consorzio Alba Langhe Roero, Consorzio Monviso Solidale, Consorzio Socio Assistenziale del Cuneese, Consorzio Socio Assistenziale del Monregalese, Consorzio Socio Assistenziale Valli Grana e Maira;
  • 1 comunità montana: Unione Montana Valli Mongia e Cevetta-Langa Cebana-Alta Valle Bormida (in qualità di gestore dei servizi socioassistenziali insieme ad Asl Cn2);
  • il Centro Servizi per il Volontariato della Provincia di Cuneo Società Solidale;
  • 5 associazioni: Centro Down Cuneo, Condividere - Comunità Papa Giovanni XXIII, Fiori sulla Luna, Genitori pro Handicap Cuneo, Comitato famiglie 162 – Piemonte;
  • 1 centrale cooperativa: Confcooperative Cuneo;
  • 1 scuola secondaria di secondo grado: Istituto d’Istruzione Superiore “Sebastiano Grandis”.

Il nuovo progetto, che prevede lo stanziamento di 400.000 euro da parte della Fondazione e di altri 100.000 da parte degli enti coinvolti, ha come obiettivo quello di dare una risposta condivisa e diffusa sull’intero territorio provinciale alle esigenze delle persone con disabilità intellettiva e delle loro famiglie.

“Orizzonte VelA” si articola in nove ambiti d’intervento:

  1. Scuola: attività di formazione dedicate al personale scolastico;
  2. Genitori: attività di supporto alla genitorialità, attraverso la formazione di operatori e attivazione di gruppi di capacitazione;
  3. Formazione e informazione: pubblicazione di materiale informativo sui diritti e i servizi offerti dal territorio alle persone con disabilità;
  4. Siblings (trad: fratelli e sorelle): attività di formazione per operatori e avvio di gruppi di sostegno rivolti ai fratelli e alle sorelle delle persone con disabilità;
  5. Protocollo funzionale: attività di valutazione delle abilità e difficoltà delle persone con disabilità intellettiva per interventi personalizzati di promozione dell’autonomia e dell’autodeterminazione;
  6. Qualità della vita: ricerca-azione per lo sviluppo di modalità d’intervento sui temi dell’abitare e del lavorare;
  7. Adulti con disabilità intellettiva: favorire attraverso un bando, elaborato con il supporto dell’Associazione di promozione sociale “Bottega del Possibile”, l’accoglienza e l’assistenza di adulti con disabilità intellettiva;
  8. Coinvolgimento società e territorio: favorire, attraverso un bando aperto alle realtà associative del territorio, la partecipazione attiva e diretta delle persone con disabilità;
  9. Promozione culturale: evento conclusivo di restituzione delle attività promosse e dei risultati principali.

Gli ambiti “Adulti con disabilità intellettiva” e “Coinvolgimento società e territorio” prevedono un bando che sarà reso pubblico nei prossimi giorni.


Riferimenti

Pagina del progetto sul sito di Fondazione CRC

 


Vi raccontiamo il progetto “Vela – Verso l’Autonomia” di Fondazione CRC

VelA, Verso l'Autonomia

Com'è andato il convegno "A Vela Spiegata" di Cuneo

Durante e Dopo di Noi, Carnevali: ''ampliare lo spazio dei diritti e favorire la conversione culturale''

Come affrontare le sfide della disabilità. La Legge 112/2016 e le Fondazioni di partecipazione per il 'durante e dopo di noi'

La Fondazione CRC presenta la sua strategia quadriennale
 
NON compilare questo campo