TERZO SETTORE / Fondazioni
Guzzetti: «Si può sostituire il welfare pubblico con un modello nuovo»
Stefano Regondi e Extra Moenia, Linkiesta, 31 luglio 2015
04 agosto 2015

Giuseppe Guzzetti, Presidente di Fondazione Cariplo, ha rilasciato una lunga intervista a Linkiesta in cui ha affrontato diversi temi legati alle attività dell'ente filantropico che presiede dal 1997.

Tra le numerose iniziative citate da Guzzetti anche quelle legate allo sviluppo del welfare di comunità, attravers cui Cariplo intende "costruire un nuovo welfare, insieme alle persone, dal basso. Abbiamo già fatto partire i primi 7 progetti, con 10 milioni di euro. È una sperimentazione triennale che può diventare policy pubblica, ma se funziona, così come è stato per l’housing sociale, faremo una rivoluzione, dimostreremo che si può sostituire il welfare pubblico con un modello nuovo, dove il pubblico però deve continuare a fare la propria parte, non può delegare e nascondersi".

"Questo è un grande progetto che sul territorio viene realizzato insieme alle nostre 15 fondazioni di comunità, attori fondamentali, a livello locale, che sanno interpretare i bisogni delle comunità e coinvolgerle. Anche grazie a loro abbiamo già i progetti contro la povertà, per l’assistenza agli anziani, ai disabili, e ai minori. Vedrà che sentirà presto parlare di questo nuovo welfare di comunità, abbiamo alzato l’onda".

 

Guzzetti: «Si può sostituire il welfare pubblico con un modello nuovo»
Stefano Regondi e Extra Moenia, Linkiesta, 31 luglio 2015
 

Potrebbe interessarti anche:

Welfare di comunità e innovazione sociale: ecco i progetti selezionati da Cariplo

Cariplo presenta il nuovo bando sociale: "Sarà una rivoluzione" 

Cariplo si "sbilancia" sulle politiche sociali

Pillole di innovazione sociale per curare il welfare

Il capitolo del 1R2W dedicato alle Fondazioni Bancarie

Il capitolo del 1R2W dedicato alle fondazioni comunitarie

 
NON compilare questo campo