TERZO SETTORE /
Cercasi manager di comunità
Flaviano Zandonai, La Nuvola del Lavoro, 18 marzo 2017
18 marzo 2017

"Prof non credo di farcela, non ho il profilo giusto". Così si lamentava una studentessa dopo aver letto un bando per la selezione di “animatori di comunità” nell’ambito di un importante progetto di rigenerazione urbana.

In effetti come darle torto scorrendo il lungo elenco di funzioni attese: organizzazione di attività di informazione e sensibilizzazione, stakeholder engagement, gestione di una piattaforma di partecipazione digitale, apertura e presidio di punti informativi territoriali, rendicontazione alle istituzioni pubbliche e filantropiche, tutoraggio e sostegno di progettualità realizzate nell’ambito dei processi di rigenerazione, gestione delle risorse materiali e delle call for ideas e “ogni altra attività complementare ed integrativa che il soggetto gestore individuerà per l’accompagnamento al progetto nel suo complesso”.

Anche per un lavoratore sociale con buona esperienza non è proprio una passeggiata aggiornare il curriculum per rispondere a questo genere di chiamate. Eppure le richieste di figure di questo tipo si moltiplicano, naturalmente con denominazioni diverse – community manager, host, operatori di comunità, ecc. – alle quali corrispondono declinazioni diverse, ma di competenze simili che, a grandi linee, si possono raggruppare in tre aree: "lavoro di community organizing", "capacità gestionale di un luogo" (sia fisco che virtuale) e "gestione del cambiamento".

Per questo più che un bando – che presuppone l’esistenza di un profilo da mansionario – ai community manager servirebbe una scuola. Un percorso che aiuti persone diverse – operatori sociali e volontari certo, ma anche lavoratori e imprenditori del commercio di prossimità e di altri settori del terziario sociale – a “tirar fuori” competenze soft che spesso vengono esercitate in modo informale e discontinuo.


Cercasi manager di comunità
Flaviano Zandonai, La Nuvola del Lavoro, 18 marzo 2017

 
NON compilare questo campo
 

Flaviano | 21.03.2017
Grazie per i commenti... gentilissimi. Un po' vi conosco (alcuni) per cui mi permetto di dire che su questo tema c'è domanda di conoscenza, sia per alimentare la parte .edu (corsi e scuole varie) sia per sostenere progettualità più o meno innovative che fanno leva su questa figura... secondowelfare, da questo punto di vista, potrebbe fare da "piattaforma" come si usa dire...
  850

Marta Bocca | 20.03.2017
Una riflessione estremamente interessante che sarebbe bello poter concretizzare. I territori, e chi lavora per il cambiamento e l'innovazione sociale, ne hanno bisogno!
  913

Riccardo Prandini | 20.03.2017
Presso l?università di Bologna dirigo un Corso di Altas formazione titolato "Welfare community manager" che intende esattamente cominciare a formare quelle competenze. Cordialità
  319

Vincenzo | 19.03.2017
Esiste il percorso di laurea magistrale Governance del Welfare sociale allo Iusve di Mestre. Mira alla firmazione del community manager. La cosa interessante è il radicamento e l' emergenza di un percorso come questo (oggi consegnato alle scienze aziendali tout court) dall alveo della pedagogia sociale. Quindi un educatore sociale che matura competenze soft di governace e di management.
  606

Miki Marmo | 19.03.2017
... e facciamola questa scuola!
  448

Tinmon | 19.03.2017
Io da insegnante penso che la scuola giusta esiste già ed è il LICEO ECONOMICO SOCIALE a cui a mio parere mancano solo alcune ore di economia aziendale. Ma nell'ambito dell'autonomia scolastica si può sopperire con il personale di potenziamento
  185

sabrina de cianni | 18.03.2017
Si può essere solo d'accordo
  610