A Bruxelles, un progetto di cohousing per migranti e rifugiati
A Bruxelles, nel centro della capitale belga, nascerà presto un interessante progetto di cohousing per migranti e rifugiati, per cittadini belgi e non. A partire dalla casa come spazio interpersonale, la Fondazione Josefa sperimenterà un nuovo approccio all’immigrazione basato sulla conoscenza reciproca e sulla convivenza. Se di successo, questo modello potrà offrire nuove soluzioni anche per tutti quei paesi, come l’Italia, che stanno facendo i conti con le grandi sfide correlate alle nuove ondate migratorie.
 
Bürgerstiftungen: la filantropia comunitaria in Germania
In diverse parti d’Italia le fondazioni di comunità sono ormai considerate a pieno titolo come protagoniste del secondo welfare. Ma oltre confine come vanno le fondazioni comunitarie? Quante sono? Quale peso hanno? Grazie al rapporto stilato da Aktive Bürgerschaft - associazione non profit tedesca che si occupa di promuovere la cittadinanza attiva – vi proponiamo alcuni dati relativi alla Germania, che ci possono aiutare a capire come e quanto le fondazioni comunitarie influenzino la vita dei cittadini ivi residenti.
 
Verso la prima Mappa europea dell'eInclusion
La Commissione Europea vuole indagare e comprendere meglio quale è il ruolo dei soggetti di intermediazione nei processi di e-inclusione all'interno dei paesi dell’Unione Europea. Per questo sta portando avanti il progetto MIREIA, Measuring the Impact of eInclusion of Intermediary Actors a cui sono invitate a partecipare tutte le organizzazioni impegnate nel promuovere l'inclusione digitale e sociale. Come? Inserendo la propria organizzazione nella Mappa europea dell’eInclusion.
 
2013: Anno Europeo dei Cittadini
Sarà ufficialmente inaugurato il 10 gennaio 2013 a Dublino l’Anno Europeo dei Cittadini. L’obiettivo dell’iniziativa è di promuovere la partecipazione dei cittadini e delle organizzazioni della società civile al processo di integrazione europea, ma sarà anche un’occasione per fare un bilancio del lavoro svolto dalla UE sulla cittadinanza dell’Unione, introdotta nel 1993, proprio vent’anni fa, con il Trattato di Maastricht.
 
Le politiche di Social Housing in Unione Europea: a che punto siamo?
La Commissione Europea ha dichiarato che l’housing exclusion è forse la manifestazione più seria della povertà e dell’esclusione sociale nella nostra società. Assicurare a tutti i cittadini il diritto alla casa è considerato, quindi, un obiettivo fondamentale per contrastare la povertà e favorire l’inclusione sociale. A questo scopo i paesi dell’Unione Europea, sebbene con differenze enormi, hanno messo in atto politiche di social housing che la crisi economica sta rendendo sempre più difficili da sostenere ma, al contempo, sempre più necessarie. Cerchiamo di capire a che punto siamo a partire dal rapporto The Housing Europe Review 2012 pubblicato da Cecodhas Housing Europe.
 
Il non profit motore dell’Europa
Nel corso dell’incontro “Il non profit, motore dell’Europa”, svoltosi il 22 agosto nel corso del XXIII Meeting per l’amicizia tra i popoli di Rimini, si sono confrontati sui temi legati all'impresa sociale Giuseppe Guerini, presidente di Federsolidarietà, Marco Morganti, amministratore delegato di Banca Prossima e Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione Europea e commissario per l’industria e l’imprenditoria.
 
La Commissione europea seleziona il “Gruppo di esperti sull’imprenditoria sociale”
La Comunicazione della Commissione europea sulla Social Business Initiative (SBI) del 25 ottobre 2011 prevede, nell’ultimo paragrafo, la creazione di un gruppo di stakeholders con il compito di esaminare il progresso delle misure stabilite nel documento. E' stato pubblicato un bando aperto ai rappresentanti degli Stati membri ma anche ad imprese sociali, enti locali, mondo accademico ed esponenti del settore finanziario e bancario.
 
Fondazioni e promozione della qualità nella scuola secondaria superiore: esperienze di successo nel Regno Unito e negli USA
Il dibattito pubblico degli ultimi anni ha messo più volte in luce come, nel sistema italiano di istruzione, meriti e talenti non siano adeguatamente riconosciuti, valorizzati e premiati. Bisogna continuare a premere per questo tipo di riforma, ma è opportuno sperimentare anche strategie complementari e indirette, volte ad attivare dall’esterno dinamiche in direzione meritocratica. L’iniziativa di ricerca svolta nel corso del 2011 dal Dipartimento di Studi del Lavoro e del Welfare dell’Università di Milano per conto della Fondazione Cariplo ha dato un contributo in questa direzione, offrendo una riflessione sui possibili percorsi di rafforzamento e promozione della “qualità” del nostro sistema di istruzione.
 
Impresa sociale per rilanciare la vita delle comunità rurali nel Regno Unito: Village SOS
L’impresa sociale per dare nuova vita alle comunità rurali inglesi. Questa è l’idea alla base dell’iniziativa Village SOS, promossa negli scorsi mesi nel Regno Unito dal Big Lottery Fund con il supporto della BBC. Il progetto Village SOS intende creare, attraverso l’erogazione di finanziamenti mirati e l’assistenza alla progettazione di imprese sociali, le condizioni per lo sviluppo di “community business” che garantiscano contemporaneamente posti di lavoro e servizi locali.
 
2012: Anno europeo dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra generazioni
Il 2012 è stato proclamato “Anno europeo dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra generazioni”, un tema cruciale nel quadro dei processi di riforma dei sistemi di welfare che i Governi europei stanno affrontando in questi anni. L'Unione Europea mira con questa iniziativa a promuovere la terza età come risorsa della società e non come minaccia per i suoi equilibri.
 
Commissione Europea: come promuovere l'imprenditoria sociale?
La Commissione Europea ha recentemente annunciato di voler intraprendere azioni per favorire lo sviluppo e la diffusione dei fondi di investimento che finanziano l’imprenditoria sociale, l’insieme delle imprese che hanno come obiettivo societario il perseguimento di fini sociali anziché il profitto. Ma che cos'è l'"impact investment"?